Paleo granola ( vegana, senza glutine, senza cereali ) - Paleo granola ( veg, gluten free, cereal free )

Decisamente non sono la persona che, in vista dell'estate, si attacca alla dispensa e cerca di far fuori tutte le scorte di farine, cereali, legumi e altre cosine che col caldo potrebbero riservare spiacevoli sorprese. Periodicamente, questo sì, anzi anche con una certa frequenza, faccio una specie di inventario di tutte le cose che ho acquistato durante i miei raptus, cerco di mettere avanti ciò che scade prima e dietro quello che ha scadenza alle calende greche. Durante questi sopralluoghi, capita che mi renda conto di avere pacchettini aperti contenenti, giusto per fare un esempio, due pezzetti di questo, tre di quello, oppure mini porzioni di qualche cereale o legume che da mangiare sarebbero insufficienti persino per un uccellino. Ci sono poi gli ingredienti"fobici", quelli che devo finire una volta aperto il pacchetto, vuoi perchè ho paura che cadano e si spargano per la casa, vuoi perchè mi danno l'impressione di richiamare bestioline, indipendentemente dalla stagione. 
Uno di questi ingredienti è la farina di mandorle, che cerco sempre di avere in casa ma, e qui casca l'asino, una volta aperta la confezione cerco di finire in un battibaleno, mettendola in torte, biscotti, porridge e via dicendo.
Poco tempo fa, durante un sabato quasi novembrino, ho fatto ordine nella dispensa e ho trovato un sacchetto aperto contenente scaglie di cocco, un altro con qualche mandorla a lamella, un vasetto con semini di canapa, un fondo di semi di chia e un barattolo mezzo pieno di semi di lino. Stranamente mi sono ricordata di una ricetta sfiziosissima trovata su questo ricettario: una granola senza cereali, solo a base di cocco, frutta secca e semi. Tecnicamente una "paleo" granola, per chi segue la moda e le diete. A me la dieta Paleo ha sempre fatto sorridere, perchè mi immagino Fred Flinstones sulla bilancia, con la Wilma che gli impedisce di toccare cibo. Tornando seri credo, per chi sia interessato, che si basi sull'assunzione di molte proteine e pochi carboidrati. Queste le basi.
Il libro, ci tengo a precisarlo, NON è sulla dieta paleolitica, bensì un ricettario molto carino con dolci golosi ma sani: ergo, senza zuccheri aggiunti, proteici, qualcuno senza glutine e molti vegan o veganizzabili. La cosa carina è che sono quasi tutti ideati per una persona sola, quindi i dolcetti ideali per coccolarvi.
Nella sezione "colazione" c'è questa granola che ha attirato la mia attenzione perchè diversa dal solito, sana, facile da fare e, soprattutto, buonissima! Ci credete che ho dovuto portarne un po' a mio padre perchè se l'avessi tenuta in casa me la sarei mangiata in mezza giornata? E, dato che non è proprio "light", ho preferito togliermela da davanti onde evitare tentazioni.
Quindi, se amate fare colazione o sgranocchiare qualcosa di stuzzicante, lasciate stare la granola del supermercato e fate questa. Per carità, anche quella acquistata è buona, e una tantum si può mangiare, ma provate a soffermarvi sulle etichette e a leggerle: anche quella che viene spacciata per "sana", contiene nel 90% dei casi delle "porcherie" ( troppi grassi no buoni, tanti zuccheri). Se è fatta con pochi ingredienti, magari bio e senza zuccheri aggiunti, costa un botto, quindi decisamente vale la pena farla in casa, controllando ciò che si mette dentro e personalizzandola a piacere, magari aggiungendo qualche superfood.
Questa è spettacolare, fidatevi! Tenete solo a mente una cosa: il fatto che sia senza cereali non vi autorizza ad abusarne. Cioè, abusatene pure, ma siate consci che se volete fare il pieno di grassi buoni e proteine, ok, ma se dovete stare attenti alle calorie è meglio che vi limitiate un po'.
Ligia al dovere e fedele al libro, ho utilizzato come dosatori le cup americane, che adesso trovate comodamente in tutti i negozi. Piccola precisazione che ho messo anche nelle note: ho utilizzato cucchiai da minestra per i semi e la cup da 1/3 per cocco e mandorle. Per le mandorle solo 1, mentre per il cocco 2. E' personalizzabile, quindi potete aggiungere, cambiare, variare e giocarci un po' sopra. Nello yogurt di soia è strepitosa, ma anche sulla frutta o sparsa a caso su quello che più vi piace. Più avanti ( diciamo dopo essere tornata da Londra ;) ) vi mostrerò un altro metodo per utilizzarla. Spero vi piaccia.
Un abbraccio e see you soon.

PALEO GRANOLA
[veg, senza glutine, senza cereali, senza zucchero]
Porzioni: 1 vasetto Ikea medio
NOTE: ho utilizzato solo il misurino da 1/3 cup. Per le mandorle 1 e per il cocco 2. Anzichè i semi che vi ho indicato potete utilizzare quelli di girasole o di zucca.

Ingredienti
1/3 cup di mandorle a lamelle
2 x 1/3 cup di cocco a lamelle*
1 cucchiaio di semi di lino
1 cucchiaio di semi di canapa
1 cucchiaio di semi di chia
1 cucchiaio di sciroppo di agave
1 cucchiaino di olio di riso
1 pizzico di sale rosa
cannella q.b.

Preparazione
Preriscaldate il forno a 180°. Mescolate tutti gli ingredienti solidi in una ciotola, quindi versate lo sciroppo di agave e l'olio. Mescolate con un cucchiaio di legno o con le mani. Rivestite una teglia da forno con carta da forno, disponetevi la granola e compattatela in uno strato col cucchiaio. Infornate per circa 12',15' rigirandola a metà cottura e prestando molta attenzione a che non bruci. Spegnete, togliete dal forno, fate raffreddare. Riponete in un contenitore di vetro chiuso e consumatela entro breve.

Commenti

rossella ha detto…
Sapevo che ti avrei amata, e infatti.
E poi al "Porzioni: 1 vasetto Ikea medio", l'adorazione <3
francesca quaglia ha detto…
Ross <3 Però scusami per le foto, perchè queste sono terribili :(
rossella ha detto…
tu dimmi una foto tua che ti piace... sei tremendinaaaa! <3<3<3 :-*
francesca quaglia ha detto…
In effetti...nessuna :)
ilditoelaluna ha detto…
Ciauuuuuuuu!
devo solo procurarmi la cup... oddio come mi piace sta cosina croccantina!
ti ricordi Franci che io sono la divoratrice di robe croccanterrime vero????
Ecco ecco questa quindi fa prrrroooprio per me che son peggio di un criceto...
Ti adoro...paleo amica...
;)
Manu
francesca quaglia ha detto…
Ahhhhh..no Manu , non potrei mai essere "paleo" ;) amo troppo i carboidrati! Baciotto
ilditoelaluna ha detto…
allora qui... io e te siamo super gemelle....
cucino cereali e pasta anche d'estate.. sempre... a pranzo... sono cerealdipendente si.... :) e non li amo freddi.. passi insalata di riso o farro, ma la pasta fredda non riesco... tiepidina forse... eh... ognuno ha le sue...
ti adoro....
Manu
francesca quaglia ha detto…
No per carità, la pasta fredda noooooo neanche per me:) A dire la verità neanche calda mi piace. Sono decisamente tipa da cous cous, miglio ( adoro), riso, grano saraceno, ma mai in insalata: sempre tipo "polentina" per intenderci. Tutto in ciotola e accompagnato da frutta secca, cremine di legumi..pastrocchi, insomma!
ilditoelaluna ha detto…
anche ioooo miglio adooooorooooooo.. il cous cous palestinese mi piace un sacchissimo... ti adoooorooooooooo.....
devo spulciare qui qui allora.. hihihi... ;)
Manu...
Bella che sei...
AliceOFM ha detto…
Amo la granola in ogni sua forma. Questa, appena potrò, la provo!

Alice
francesca quaglia ha detto…
<3 Grazie Alice <3
Luciano Bigliardi ha detto…
Un'opportunità di finanziamento per quelli che hanno progetti o altri bisogni di finanziamento personali, potete ora ottenere un prestito per risolvere le vostre difficoltà finanziarie. avete bisogno denaro? avete bisogno di finanziare un progetto? necessità di rilanciare le attività della vostra impresa?Molte soluzioni si offrono a voi con condizioni che facilitano la vita.
Email: aiuto1531@gmail.com
simona ha detto…
a parte la proposta di finanziamento che per un attimo non ho capito cosa c'entrava con la granola :)
Molto interessante, io faccio degli snack salati con tutti i semini, dolci non li ho mai provati. Devo assolutamente riprendere la produzione di yogurt :)
Un bacione
francesca quaglia ha detto…
ahahaha Simo..sai quanti spam mi arrivano???? questo evidentemente è riuscito ad intrufolarsi mentre ero via "da casa" ^_^ Un bacio e grazie <3