20/09/16

Scaloppine di sedano rapa e Taste&More

Interrompo per un attimo il racconto del mio viaggio newyorkese ( state comunque sintonizzati, perchè gli aggiornamenti sono in agguato ). Peraltro apprendo come, in questi giorni, la mia, la nostra New York sia stata nuovamente messa alla prova, e me ne dispiaccio tanto. Sia quello che sia, un attacco terroristico come un atto folle o legato alle elezioni politiche, poco importa: quello che ferisce, e brucia, è che qualcuno abbia nuovamente minato la tranquillità di una città già devastata anni fa. Ma New York è ricca, di fascino e di forza, quindi saprà affrontare anche questo. E quando tornerò, e tornerò, l'abbraccerò ancora più forte. Ciò premesso, dicevo che faccio una breve pausa prima di tornare a condividere materiale newyorkese, per un'evento importantissimo.
E' uscito, infatti, il nuovo numero di Taste&More, quello di settembre-ottobre.
Un numero caldo, che già preannuncia piatti confortevoli e coccolosi, come è giusto che sia con l'arrivo della stagione fresca. Archiviate insalatone, macedonie e gelati ( no, un attimo..io il gelato non l'ho ancora mandato in letargo! ), questo numero ci introduce al mood autunnale. E' un numero davvero strepitoso: ci sono idee con le cipolle, millefoglie di tutti i tipi, dolci, un bell'articolo sul Parmigiano, sfarzose Chiffon cake...
Io ho contribuito con una ricettina veg e, perdonatemi, abbastanza strana: il tema erano "le scaloppine".
Ora, io ho un ricordo davvero bello delle scaloppine, sebbene non mi piacessero molto: me le preparava spesso la nonna. Ovviamente tutto ciò prima che io diventassi vegana, ma dato che non rinnego niente del mio passato, nemmeno quello da onnivora, e soprattutto dato l'amore che mi lega ai ricordi della mia infanzia, ecco che "scaloppine" mi hanno fatto tornare in mente quelle al limone di nonna Olga.
Insomma: il tema mi è piaciuto parecchio, ed ho voluto giocarci un po' su, soprattutto con qualcosa che potesse stuzzicare anche chi di tofu e seitan non ne vuole sapere ma, al tempo stesso, vorrebbe mangiare un po' meno carne ( o abolirla del tutto ).
E così....beh, l'ingrediente "segreto" delle mie scaloppine vegane lo scoprite qua sotto ;)
Dopola ricetta vi lascio il link diretto: leggete la rivista e condividetela a più non posso.
Buona lettura!
**** **** ****
Scaloppine di sedano rapa all’orientale 
[veg]
Ingredienti per 2 persone

1 sedano rapa da circa 500 g
250 g germogli di soia
2 cucchiai di salsa di soia non salata
1 cucchiaio di olio
Brodo di verdure q.b.
Farina bianca q.b.
Curry q.b.
Semi di papavero o di sesamo neri q.b.
Prezzemolo q.b.

Preparazione
Fate sbollentare velocemente i germogli di soia e scolateli, quindi metteteli da parte. Pulite il sedano rapa togliendo la scorza. Ricavatene delle fette di circa 4 mm di spessore. Se il sedano rapa fosse troppo grande tagliate le fette a metà, in modo che abbiano la dimensione di una piccola mano. Mettete la farina in un piatto piano, quindi passatevi le fette di sedano rapa, prima da un lato poi dall’altro, in modo da farla aderire bene. Scaldate un cucchiaio di olio in una padella antiaderente, mettetevi a rosolare le scaloppine, rigirandole quando il primo lato sarà dorato. Sfumate con la salsa di soia ( eventualmente allungata con un po’ di acqua nel caso in cu dovesse essere troppo salata ) e fate cuocere su fuoco basso, coperto, per circa 10’. Tenete da parte del brodo di verdure da aggiungere nel caso in cui la preparazione dovesse asciugarsi troppo. Verso fine cottura aggiungete i germogli di soia e fateli insaporire con le scaloppine. Sciogliete intanto mezzo cucchiaino di farina in un po’ di brodo vegetale, aggiungete un pizzico di curry in polvere e unite questo composto alle scaloppine, in modo da ottenere una cremina densa. Spegnete, impiattate le scaloppine con i germogli, cospargete con il sughetto creatosi, spolverizzate di prezzemolo e di semi, quindi servite.

8 commenti:

  1. Il sedano rapa è una mia scoperta recente perchè in casa non l'ho mai visto usare e per questo tutte le nuove idee sono ben accette. La cucina dell'infanzia ha un potere magico su di noi, al di là di come si sono evolute le nostre scelte alimentari, e mi piace molto come hai trasformato il tuo ricordo :-) Approfitto di questo momento di relax e corro a sfogliare il nuovo numero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^_^ a me è sempre piaciuto, Virgy, ma in effetti le idee nuove sono sempre ben accette :) Buona lettura, Virgy

      Elimina
  2. Sai che appena ho sentito della bomba ho pensato subito a te? cavoli, fortuna che eri già tornata. Non è possibile che non si possa più girare in pace senza dover aver paura di beccarsi una bomba. Una volta partecipavo a tante maratone, anche grosse con tantissima gente tipo quella di NY, ma ora preferisco andare in quelle più piccole, meno famose. Dopo Boston...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. davvero Ele :( oramai bisogna stare ben attenti a quel che si fa, dove si va, chi si incontra...

      Elimina
  3. Ma che bella idea, da quando ho scoperto il sedano rapa lo compero sempre (quando lo trovo!!!!)

    RispondiElimina
  4. Porca miseria, ma sai che non sapevo niente di ciò che era successo, essendo fuori e non con una connessione costante:(
    Col sedano rapa ci ho fatto cotolette, arrosto, ma l'ultima frontiera della "carne" surrogata, la scaloppina, ancora mi manca :DD figo, mi ispira assai!
    E ora vado a sbavare sulle ricette con le cipolle di T&M :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio Lucry: carne surrogata nooooooooo :-D Però mi hai fatto ridere <3 e sapevo che avresti apprezzato <3

      Elimina

Se mi leggete mi fate piacere, se mi lasciate un commento ancora di più...Se siete "Anonimi" firmatevi, grazie!!!