26/10/15

Pancakes alla cannella

L'ora solare ha mietuto molte vittime, tra cui la sottoscritta. Se fino a poco tempo fa andavo sbandierando al mondo di non soffrire il cambio dell'ora, da ieri sono uno straccio. Certo, già il fatto di svegliarmi puntualmente alle 5.30 non aiuta, ma se pensiamo che praticamente da due giorni apro gli occhi alle 4.30, beh...capirete che alle 9 io avrei già voglia di prepararmi cena e mettermi a letto. Infatti sto tichettando continuando a guardare l'orologio e i minuti sembrano non passare più...
Sempre per restare in tema "mattina" e riti conseguenti, parliamo di colazione.
Sarò sincera e anche un po' noiosa, dato che l'ho detto già troppe volte: per me la colazione significa una sola cosa, cioè frutta, latte o yogurt e cereali, con calma, nella mia cucina.
Possono esserci le variazioni sul tema, ossia il porridge, l'overnight oatmeal, a volte del pane, ma in buona sostanza quello che si trova sul mio tavolo alla mattina, è ciò che vi ho elencato. Durante il week end può capitare che con Danilo mi lasci tentare dalla seconda colazione al bar, da un pezzo di croissant giusto per dire, ma tendenzialmente sono molto noiosa e mi piace incominciare la giornata sempre con le stesse cose. Capirete che anche l'idea dei tanto modaioli pancakes, resta un'idea da accarezzare perchè poi le mie preferenze vanno decisamente in un' altra direzione. Sono noisa e monotematica, lo so, e anche a New York, dove i pancakes a colazione c'erano, io ho sempre scelto il porridge.
E pensare che sui libri di cucina, sul web, su Instagram, sui giornali, non faccio altro che vedere queste focaccine americane, che poi sono quelle che mangiano Qui Quo e Qua, alternate agli altrettanto famosi waffels. Sembra quasi che tu non sia nessuno se non incominci la giornata coi pancakes. Ho visto variazioni disparate: normali, integrali, senza zucchero, senza glutine, vegani, crudisti e chi più ne ha più ne metta. Cosparsi di sciroppo d'acero, di miele, succo di agave, confetture varie..Accompagnati da frutta, yogurt, cioccolato etc etc....
Insomma, la voglia di provarci è stata forte e così, senza seguire nessuna ricetta, ho provato a lanciarmi nell'impresa. Poi, però, alla fin fine io mi sono mangiata i cereali con la frutta, e questi sono stati la merenda di Danilo ( il quale, peraltro, mi sta "accusando" di farlo ingrassare a suon di tortini, madeleines e biscottini ma vi assicuro che è secco come un manico di scopa ).
Non avendo grande disponibilità di ingredienti, li ho fatti vegani, molto leggeri e un po' più sofficiotti, avendo io messo anche una puntina di lievito. La preparazione è semplicissima e può essere variata a piacere. Questa volta, però, ho voluto volare molto basso, utilizzando solo farina, un po' di zucchero, latte di mandorla e cannella. Qualche mandorla per guarnire e via. Poi tutti nel piatto, impilati, ed intervallati con fettine di pera tagliate sottili e una colata di crema di cioccolato e nocciole ( io ne ho usata una comprata ad Alba, di Luca Montersino, ma suppongo vada bene qualunque altra crema di cioccolato, anche fatta in casa ). 
A Voi la ricetta, precisando che con queste dosi ho ottenuto circa sei pancakes.
Buona settimana.

Pancakes vegani alla cannella 
[veg]
Ingredienti per 6 pancakes 

75 gr di farina 00
45 grammi di zucchero
75-80 ml di latte di mandorla
1 pizzico di sale
1 puntina di lievito
cannella in polvere
mandorle a lamelle
1 pera tagliata a fettine

 Preparazione
Mescolate in una terrina la farina con il lievito, il sale e la cannella. Unite lo zucchero, quindi il latte a filo, mescolando bene per non formare grumi. Il mio composto era abbastanza denso, ma se preferite un composto più morbido aggiungete ancora un po' di latte. Fate scaldare una padella antiaderente leggermente unta di olio, quindi disponete un cucchiaio di composto alla volta, cercando di ottenere dei pancakes rotondi e delle stesse dimensioni. Quando si formeranno delle bollicine da un lato, prendete una spatolina, girateli e fateli cuocere anche dall'altra parte. Disponeteli su un piatto, quindi serviteli caldi, impilati, intervallando ogni strato con fettine di pera, scaglie di mandorle e crema di cioccolato secondo i gusti.

Variazione e suggerimenti
- Anzichè farina 00 utilizzate quella integrale
- Lo zucchero bianco può essere sostituito da quello integrale;
- Il latte di mandorla può essere sostituito da quello di soia, di cocco o vaccino ( se non siete vagani )
- Per la guarnizione vanno bene mandorle, ma anche noci o nocciolo, oppure scaglie di cocco.

18 commenti:

  1. Idem per me, io che ero quella del "il cambio dell'ora mi fa una pippa" sono due giorni che mi sveglio alle 4. Ieri sono persino andata a correre alle 6, che di domenica fa un po' strano. In pratica in giro c'erano solo quelli che tornavano dalle discoteche.
    Anche io sono per yogurt e cereali e frutta, ma devo confessare che i pancakes mi piacciono, quando sono negli states ogni tanto li prendo....ovviamente in aggiunta a yogurt e cereali, ci mancherebbe :-)

    RispondiElimina
  2. io non vado a correre, altrimenti credo che anche io sarei andata a quell'ora :))) Quanto alla colazione, davvero. che c'è di meglio di yogurt e cereali????? <3

    RispondiElimina
  3. Che spettacolo questi pancakes ^^ mi ci vorrebbero a colazione ma la pigrizia la fa da padrona e per me la mattina solo caffè americano e biscotti. Da anni. E non mi sono ancora annoiata ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Arianna:)))) Poi alla fine ognuno sceglie la colazione che preferisce, però questi sono da fare:)))

      Elimina
  4. L'aspetto è a dir poco delizioso ed è decisamente troppo tempo che non mangio pancakes :) Un bacione :)

    RispondiElimina
  5. a differenza tua io adoro i pancakes e appena ho un pò di tempo me li preparo, mi piace questa versione con il latte di mandorla!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  6. Anche per me i pancakes sono una mazzata che a colazione proprio non mando giù, per quanto mi piacciano da morire, al massimo per una cena alternativa e costellata da sensi di colpa: li preparo talvolta per il resto della famiglia, quando la stanchezza è immensa, l'ora tarda e la voglia poca... e so che grazie ai pancakes si sentono sempre coccolati! Solitamente li inondo di Nutella per il marito e di miele per il figlio, il quale ha un pizzico di saggezza in più rispetto al papà! Grazie per la versione alternativa... una in più è sempre gradita per cambiare menu!
    Un bacio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mah, Tatiana..a me, più che una mazzata è proprio una questione di abitudine..sono così monotematica :))) Bella l'idea della cena alternativa..mi piace!!!! Un bacione

      Elimina
  7. Oh non dirlo a me cara..... Sono in piedi all'alba e alle sei di sera vorrei mettermi il pigiama.... Quando ho tempo nei w.e. preparo spesso i pancake ma mi manca questa versione con i latte di mandorle, buoni! Baci cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahha Ely..io alle sei di sera in pigiama mi ci metto davvero :)))) Un bacio grande

      Elimina
  8. Belli, mi piace molto la prima foto... Nuove tovagliette, nuovo tavolo, nuova luce che entra dalla finestra e poi pancake sofficiotti... Delizia!

    Noi qui siamo un'ora indietro e già questo scombussola, per di più pure il cambio dell'ora non ti dico. Sono più scombussolata di prima ��

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolcezza, ciao <3 Sono contenta che ti piacciano le foto :)))) Tutto niovo, vero, ma paturnie vecchie :( Comunque, paturnie a parte, ti mando un bacione grande

      Elimina
  9. Una delle mie proposte preferite per la colazione!!!!

    RispondiElimina
  10. Questa foto è mozzafiato, mia cara Francesca..

    RispondiElimina

Se mi leggete mi fate piacere, se mi lasciate un commento ancora di più...Se siete "Anonimi" firmatevi, grazie!!!