Quinoa a colazione ( Porridge di quinoa )

Chi mi segue su Instagram, ma anche chi legge il blog, saprà perfettamente che tra le mie tante ossessioni, compare ai primi posti quella per la colazione. Oddio, forse definirla così è eccessivo, ma per me al di là del fatto che sia una sana abitudine, è quasi diventata una ossessione, sì. Un rito al quale non rinuncio, cascasse il mondo.
Mi piace farla con calma ( se devo partire presto sono capace di colazionare anche alle 5.00 ), sfogliando giornali o libri, mangiando le mie cosucce...Per carità, sono abbastanza malleabile ( *partano le risate ) e quando si tratta di farla fuori casa, cosa che si verifica esclusivamente quando sono in viaggio dato che nella vita di tutti i giorni non esiste che io esca senza aver già mangiato, mi adatto facilmente a quello che c'è in hotel.
Magari vado in escandescenza dopo, lamentandomi che non c'era la banana o non avevano abbastanza yogurt magri, cereali integrali, latti vegetali etc etc ( sono una tenia, lo so ), ma trovo sempre qualcosa con cui sostituire i cereali o i biscotti che ho a casa.
Poichè non mi dirigo verso le brioches, che lascio a Dany, generalmente opto per pane tostato, granola o quello che c'è di più simile a quello che mangio abitualmente. 
Ciò per dire che per me la colazione è sacra. E, anche se alla fin fin mi ritrovo a mangiare all'incirca sempre le stesse cose, a volte mi piacciono le variazioni sul tema. 
Il che non vuol dire il croissant ( non per altro: se vi piace potete mangiarlo senza problemi, ma a me piace la slow breakfast e un cornetto, ingurgitato in due minuti, cinque ad abundantiam, non fa per me ) , ma varianti del solito latte-cereali/yogurt-cereali. Tutto ciò si traduce spesso negli overnight oatmeal o nei porridge.
Sui primi ne ha parlato la mia Chia qui: in buona sostanza si tratta di mettere in ammollo i fiocchi di avena nel latte o nello yogurt la sera precedente in modo che si ammorbidiscano e rendano il composto abbastanza denso, guarnire con frutta fresca e secca e mangiare. Pro: lo preparate la sera per la colazione e al mattino dovete solo centrare la bocca col cucchiaino, cosa utile per chi non è avvezzo a cinguettare fin dalle prime ore dell'alba. Contro: dato che va messo in frigo e gustato freddo, non è l'ideale nelle stagioni invernali. 
Il Porridge, è la variante calda dell'overnight oatmeal: si usano sempre i fiocchi di avena, solo che vengono cotti al momento in un liquido che può essere acqua, latte o entrambi, guarniti con frutta ( favolosa la banana o le confetture di frutta ) e poi serviti fumanti. Pro: quando fa freddo è il modo migliore per incominciare la giornata, sempre che ovviamente vi piacciano le consistenze pappettose. Contro: la preparazione è semplicissima ma più lunga, quindi non è adatto a chi al mattino è poco attivo e vuole subito mangiare senza sentire ragioni di sorta.
Come proprietà nutrizionali siamo all'incirca sullo stesso piano anche se, ovviamente, molto dipende da cosa aggiungete ai fiocchi: molto light se utilizzate acqua e frutta fresca, più buono e nutriente se li cuocete nel latte e guarnite con frutta secca, scaglie di cioccolato e banane.
Io amo entrambe le preparazioni ma oggi voglio presentarvi una variante del porridge: anzichè i fiocchi di avena ho utilizzato la quinoa. Di questo simil cereale molto versatile ne avevo parlato qua, ma sappiate che non va bene solo nei primi e nei secondi piatti ( sotto forma di polpette, ad esempio ), ma anche nei dessert. 
E nei "dolci" da colazione. 
Per incominciare bene la giornata, infatti, invece del solito porridge di avena provate quello di quinoa, buono e delicatissimo ( e anche gluten free ). Ora, precisazione: i fiocchi di avena hanno una cottura decisamente inferiore rispetto alla quinoa, ragion per cui questa qui è una ricetta slow, ideale per le vacanze o il w.e. Ma io sono una gran furba, e ve la propongo la domenica sera...Beh, potete fare cuocere la quinoa adesso e domattina farla riscaldare, aggiungendo ancora un po' di latte per mantenerla cremosa e calda. Ovviamente molto dipende da come vi piace il porridge: se vi piace più cremoso aumentate la quantità di liquido, se lo preferite più asciutto non aggiungetene troppo. Questa la base, poi giocateci. Io ho aggiunto, una volta pronto da portare sulla tavola della colazione, dello yogurt, mirtilli e una spolverata di cannella ma, lo ripeto, c'è la massima libertà di espressione. Aspetto le vostre idee!
Che sia una buona settimana!

P.S. Un ringraziamento speciale a Leo: ci siamo conosciuti ad Asti, nel bel mezzo di una tempesta di neve ( sembravamo Elsa e Olaf di Frozen..gli ho fatto odiare Asti, pover'uomo ) e niente...che dire? le amicizie belle nascono anche attraverso un blog. Poche volte in vita mia mi sono divertita così tanto e sentita così a mio agio. Il Leo è fenomenale ^_^ e già gli voglio tanto bene <3

Quinoa for breakfast ( Aka Porridge di quinoa )
Indicativamente per due porzioni

100 gr di quinoa
250-300 ml di latte vegetale ( oppure di acqua, o metà latte e metà acqua )
Dolcificante a piacere ( stevia, malto, agave, zucchero...)
Frutta fresca e secca per guarnire
Cannella a piacere ( o cacao, polvere di maca, zenzero in polvere, caffè..)
Yogurt o latte per completare

Preparazione
Sciacquate la quinoa in un colino a maglia fine, quindi scolatela. Mettete in un pentolino la quinoa, il latte, il dolcificante scelto e portate a bollore su fuoco medio. Mescolate e lasciate cuocere per circa 20', 30', fino a che la quinoa sarà diventata soffice , traslucida ed avrà assorbito il liquido. Se preferite una consistenza più cremosa aggiungete più latte ( o acqua ) e fate cuocere di più. Versate in tazze, completate con frutta fresca o secca, yogurt o altro latte vegetale, spolverate a piacere con cannella o altri aromi e servite.

Variazioni e suggerimenti:
- Il latte vegetale può essere quello che preferite: di soia, di riso, di avena, di cocco o di mandorla. Se non siete vegani va bene anche vaccino.
- La quantità indicata di liquido varia molto a seconda dei gusti, così come il tempo di preparazione, quindi ragionate ad occhio: per cuocere occorrono 20' almeno, ma sta a voi decidere se aumentare il tempo di cottura fino a renderla più "poltigliosa", così come aumentare il liquido;
- Per completare avete varie opzioni: altro latte oppure yogurt ( così ne stemperate un po' il calore ), kefir o panna ( se volete una colazione più energetica );
- Per dolcificare va bene il malto ma anche lo zucchero, lo sciroppo di acero o il miele
- All'incirca con lo stesso procedimento potete preparare il porridge di miglio e quello di amaranto, anche se varieranno un po' i tempi di cottura.
- La frutta e gli aromi possono essere quelli che più vi piacciono. Vi fornisco qualche opzione
1) Banana+mela+noci+cacao in polvere+cannella
2) Banana+mirtilli+nocciole+cannella
3) Composta di frutti di bosco calda+zenzero
4) Banana+cocco in scaglie+pezzetti di cioccolato
5) Banana schiacciata e mescolata a caffè solubile+noci
6) Datteri+cocco in scaglie


Commenti

Monsieur Tatin ha detto…
Finalmente si ci è visti!
E finalmente so come preparare la quinoa.
Io che sono un goloso cronico, voglio provare a cuocerla nel latte di cocco e grattarci anche un po' di tonka :)
Così anche a colazione è tutto bianco...come quel dì ad Asti ;)
Francesca ha detto…
:) Prossima volta con 35 gradi,chè qui non abbiamo mezze misure^_^
Mimma e Marta ha detto…
Ah, la colazione! Che momento sacro :-) mi piace iniziare però con semplicità, una ciotola di yogurt con dei fiocchi d'avena e frutta fresca, o magari delle fette di pane spalmate di burro di frutta secca. Non mancano cake vari da colazione, ma prediligo sempre qualcosa di nutriente e semplice. Il mio primo approccio con l'overnight oatmeal non è stato dei migliori: l'ho preparato con il latte di soya (che tra l'altro odio), nessun dolcificante perché non avevo idea di doverlo mettere e insomma...la mattina dopo ho mangiato una pappetta terribile e, soprattutto, gelata. Io sono sicura di poter cambiare idea, dubito che una cosa così coccolosa possa non piacermi e voglio ripartire proprio da qui. Domani compro latte vegetale (che quello vaccino, al contrario dello yogurt, non lo digerisco proprio) e me lo preparo per colazione.
un abbraccio! Marta
Daria ha detto…
Adoro la quinoa ma in effetti a colazione non l'ho mai provata, solitamente vado di frutta o oat meal... in effetti una coccola calda ci sta tutta in questi giorni freddi... quasi quasi vado a cuocere la quinoa! ;-)
Francesca P. ha detto…
Fra, ma che belloooo! Esulto perchè il porridge non mi ha mai troppo convinto però questo di quinoa mi ispira molto! Quasi quasi vario la colazione - momento sacro anche per me - e debutto con questa coppetta! Mi hai fatto venire voglia, appena vedo quei pallini gialli sorrido... :-)
La colazione è un momento sacro anche per me, è proprio il momento in cui ricarico il corpo e la mente prima di affrontare la giornata e anche io non esco di casa senza aver mangiato (potrei mordere altrimenti). Invece negli hotel mi sento sempre come una bambina, non tanto per i dolci ma per la varietà di cereali e yogurt che offrono.
Il porridge di quinoa è una bella idea e appena la ricompro lo provo!
Francesca ha detto…
Ecco...io sono un po' meno da plum cake e fette di pane...Quanto all'overnight oatmeal penso che molto dipenda dai gusti :) Cmq se provi questo, fammelo sapere <3
Francesca ha detto…
^_^ Un abbraccio
Francesca ha detto…
come sono contenta!!!! spero tanto che ti piaccia <3
Francesca ha detto…
esatto Virgy!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! anche io come te :) Un baciotto
Chiara Setti ha detto…
Condivido a pieno la sacralità della colazione e mi piace un sacco questa idea di farla con la quinoa al posto della classica avena! Buona giornata
Azzurra ha detto…
beh lo trovo veramente favoloso!!!un ottimo inizio per la giornata e condivido in pieno il tuo pensiero sulla COLAZIONE!!!! buona giornata cara
elenuccia ha detto…
Anche per me la colazione è sacra e assolutamente slow, credo di aver fatto colazione al bar una volta in tutta la mia vita, ma solo perchè l'hotel non dava la colazione. Ma a differenza di te, io sono talmente slow e talmente democratica che quando sono in hotel vado sia di brioches e torte, che di pane/marmellata, granola, yogurt. Poi magari vado anche di salato, sia mai che qualcuno se la possa prendere :-)
Non sono proprio da consistenza papposa, mi piacciono le cose un tantino più solide, ma mi piace abbinare le cose cremose allo scrocchiarello sotto i denti, quindi ci aggiungerei un po' di frutta secca per dare consistenza. Così è perfetto per me
Francesca ha detto…
no no, il salato assolutamente no..io se non incomincio in dolcezza impazzisco. Quanto al porridge, sì, il croccantino della frutta secca lo vedo bene^_^ Bacio
Pasticci Patapata ha detto…
la colazione è il CARDINE della giornata.. sarà poco poetica l'immagine, ma al momento non mi viene niente di meglio XD la mia è a base di porridge un po' meno leggerini.. tipo che sono creme di cereali integrali stracotti, per circa 1ora o più, con semi o frutta secca e latte di soia.. e guai a chi mi toglie il mio cardine!! robedafoodies ;)
Peanut ha detto…
Oh, Francy, non lo sapevo che ti piacesse la colazione!XD
Scherzi a parte, è diventata momento cruciale anche per me, non so davvero come facessi alle medie quando mi facevo pure tutto il viaggio sull'autobus di 40 minuti senza mangiare niente (quando andava bene, e la facevo poi, prima di entrare a scuola ovvio).
E, anche a me, piace variare, non esiste che mangi la stessa cosa due mattine di fila! (a meno che non abbia fatto una torta, il che succede altrettanto raramente). Il porridge di quinoa l'ho anche io sul blog! ^_^ sto ricorrendo spesso, quando ne ho voglia, a quello coi fiocchi perchè la mattina ho poca voglia di stare ad aspettare, però m'era piaciuto un sacco quindi per una volta potrei anche trovarmi un'occupazione provvisoria nel mentre che aspetto :D
Baci Fra!:*
Francesca ha detto…
Uh...sai che proprio non me la ricordavo la tia versione, Lucry????? corroooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo