Quattro quarti alle fragole con zucchero di canna

Avevo lasciato in sospeso un progetto. Nulla di particolare, sia chiaro, ma qua avevo incominciato la saga del "Quattro quarti project", ossia della declinazione in millemila varianti di quella che è diventata la mia torta universale. Non la mia preferita, forse neanche il mio cavallo di battaglia ( che resta, modestia a parte, il Crème caramel ), ma sicuramente quella che faccio quando devo preparare su due piedi una torta da colazione.
E' facile da fare, immediata da ricordare e declinabile a piacere a seconda delle stagioni, dei gusti e di quello che si ha in casa. Roba che versi in una ciotola, sbatti, inforni e cuoci. Un "Cotto e mangiato" in piena regola, insomma. Da quando l'ho scoperta credo di averla preparata troppe volte per ricordarle tutte: sotto forma di torta rotonda, di plum cake, di muffins. Ne avevo fatta anche una versione vegana.
Non tutte le ho fotografate, anche perchè ripeto che è proprio la risorsa dell'ultimo momento, quella che ti corre in aiuto quando ti accorgi che l'uomo di casa paposo non ha nulla per colazione ( e, aggiungo: uomo di casa ancora per poco ^_^ Qui qualcuna cresce e tra un po' spicca il volo ) e, nell'ottica del "la colazione è il pasto più importante della giornata", non te la senti di lasciarlo a pancia vuota.
Questa che vi propongo è una versione adatta al periodo, utile per godere delle ultime fragole che, magari, nature non sono più buonissime, ma in un dolce stanno da dio. 
Mantenendo sempre le stesse proporzioni fondamentali ( 120 gr di farina, 120 gr di zucchero e 80 ml di olio ), ho giocato un po', sostituendo lo zucchero bianco con quello di canna e la farina 00 con metà farina integrale. Ho usato un solo uovo ( un po' più grande) e in superficie ho unito le fragole. 
Una cosetta davvero semplicissima e con quella nota rustica e sana che ci piace tanto. Ora.
Io non sono una fan del "salutare a ogni costo". Risulterò impopolare ai più, ma sostengo che non sia errato fare uno sgarro una tantum. Per carità: come ho detto prediligo i cibi leggeri, poco elaborati, quelli integrali ma non sono un pozzo di virtù. Tutt'altro. D'estate mangio gelato ( artigianale ok...) tutti i giorni perchè il mio corpo chiede cose fresche e di masticare non ha voglia,  durante l'anno il mio cioccolatino quotidiano e i due biscotti pre nanna non mancano mai, con l'unica avvertenza che non abbiano grassi idrogenati e olio di palma ( sì, ultimamente con la storia dell'olio di palma sto rompendo parecchio: consumerò i prodotti già acquistati che lo contengono e poi ci starò attenta ). Insomma, potrei migliorare. 
Quindi non vi dirò mai di non usare questo o quell'ingrediente perchè sono la prima che non lo fa sempre e che pensa che una tantum lo sgarro ci stia, soprattutto se si sta cercando di abbandonare certi schemi mentali troppo restrittivi e di vivere un po'.
Vi piace la Nutella ? ok, è una schifezza della peggior specie ma se ne mangiate una cucchiaiata ogni tre mesi ci sta.
Per il resto è bene prediligere prodotti di qualità, non eccedere, privilegiare i prodotti integrali e artigianali, lasciare stare quelli confezionati, mangiare tanta frutta e verdura e se possibile farci qualcosina in casa. Ovviamente il discorso cambia se avete patologie particolari, e siete celiaci o intolleranti, allora sì dovrete attenervi scrupolosamente alle indicazioni mediche e alla vostra dieta, ma in caso contrario ( o anche nel caso in cui abbiate avuto la sfiga di incontrare un dca sul vostro cammino di vita) un po' di elasticità ci vuole. La salute fisica certo, è importante, ma lo è altrettanto quella mentale e io me ne sono resa conto davvero tardi.
Resta il fatto che una torta con farina integrale e zucchero di canna ci da subito l'impressione di essere sana. In effetti lo è, ed essendo anche velocissima da fare può sostituire egregiamente ( anzi, DEVE ) la merendina confezionata che magari qualcuno è solito utilizzare a colazione.
Questa, tra l'altro, non ha neanche latticini ed è indicatissima anche a chi non può assumerli. A voi la ricetta!
Quattro quarti alle fragole con zucchero di canna
Ingredienti per una tortiera di 20 cm di diametro

60 gr farina 00
60 gr farina integrale
120 gr di zucchero di canna
1 uovo di gallina felice
80 ml olio di semi bio o evo leggero
1/2 bustina di lievito
latte vegetale q.b.
fragole q.b.

Preparazione
Preriscaldate il forno a 180°. In una terrina sbattete l'uovo con lo zucchero fino ad ottenere un composto soffice e aeroso. Aggiungete la farina setacciata col lievito, l'olio e, se fosse necessario, un po' di latte. Quando avrete ottenuto un composto liscio, versatelo in una tortiera di circa 20 cm di diametro rivestita di carta da forno. Distribuite sulla superficie alcune fettine di fragole ( senza essere troppo precisi), infarinate e cuocete per 40' circa o fino a che uno stecchino inserito all'interno non ne uscirà pulito. Spegnete, fate raffreddare e servite.

Variazioni e suggerimenti:
- Al posto delle fragole potete utilizzare lamponi o ribes;
- Potete usare 120 gr di farina integrale, ma il risultato finale sarà un po' più compatto;
- Se utilizzate il latte potete scegliere quello vegetale, ma se non siete intolleranti ai latticini va bene anche quello vaccino;
- Per aromatizzare la torta va bene una spolverata di cannella o di zenzero.

Commenti

Io penso che si debba mangiare sano cercando di variare il più possibile, in modo da non abituare il corpo solo a un certo numero di alimenti e per non annoiarsi. Lo sgarro ogni tanto ci sta, ma come in tutte le cose non bisogna esagerare. Detto questo, la torta è proprio bella e tuo papà avrà fatto un'ottima colazione! È una di quelle cose per cui potrei svegliarmi contenta di abbandonare il letto :-)
Buona giornata e un abbraccio!
V
elenuccia ha detto…
Ogni tanto blogger mi fa davvero uscire di testa...chissa' perche' mi cancella i post mannaggia.
Comunque, dicevo che la vita e' gia' dura cosi' com'e' che non mi sembra proprio il caso di autoflaggelarci eliminando ogni tipo di dolcetto-coccola. OK magari due barattoli di nutella al giorno sono un po' troppi ma un biscotto o un gelato non ha mai ucciso nessuno.
Venendo alla torta, ti perdoniamo anche se non e' proprio un quattro quarti canonico, visto che ha meta' dello zucchero richiesto. Sai cosa mi ispira un sacchissimo? quella specie di crosticina sulla superfice, fa davvero tanto torta da credenza, tipo quelle che preparava mia nonna. Hai messo zucchero di canna sopra prima di infornare?
Francesca ha detto…
Ben detto Virgy: variare e qualche sgarro :) Un bacio
Francesca ha detto…
Opppps Ele...volevo scriverer 120 gr e invece mi è partito il 60 :-/ Correggo subitissimo <3 P.s. no, niente zucchero in superficie ma in effetti....<3
Miu Mia ha detto…
Non ricordo quand'è stata l'ultima volta che ho mangiato Nutella... forse son passati 6/7 anni ormai! XD
La mia "fortuna" è stata accompagnarmi ad un uomo che è sensibile a parecchi alimenti, così l'alimentazione di entrambi è divenuta con gli anni estremamente sana, ipocalorica, ma ricca di gustose pietanze. Ho imparato davvero tanto su ciò che davvero giova, ciò che invece fa molto male alla salute. Non ci priviamo mai di un dolce tutto l'anno (e i miei di solito sono quasi sempre senza uova, senza latte e senza burro, non per questo meno gustosi, anzi!), né di gelati, s'intenda! u_u
Quindi venendo alla tua versatilissima torta non posso che concordare dicendoti che è la base che adopero più spesso quando voglio prepararne una io! :D
Condivido tutto ciò che hai scritto! :)
Francesca ha detto…
Beh, la Nutella anche io non la mangio da secoli :))) ogni tanto mi concedo quella valsoia, ma un vasetto mi dura dei mesi e poi la utilizzo per fare dolci. Quanto al resto, concordo: basta non eccedere, ma se si controlla l'alimentazione in generale, che male può fare un gelato, o un cioccolatino? Un bacione e grazie
Clara ha detto…
Questa ricetta va proprio bene per le ultime fragole del mio orto......ciao
Francesca ha detto…
perfetto
Monsieur Tatin ha detto…
Eeeeh moglie! Buono sto quattro quarti...ma io la preferisco col suo quarto insano di burro!
Simo ha detto…
queste sono le torte che adoro, sai?!
delizia...
bacione cara
Francesca ha detto…
marito, ti adoro ...questo tuo essere così sovversivo, poi .. ;) <3
Francesca ha detto…
Grazie Simo!!!!!!!!!!!!!