Asparagi mimosa [veg]

A volte, a scrivere gli incipit dei post, mi sento tanto vecchia. Ma tanto tanto eh.
Giustamente l'età è quella che è, e tra una ventina di giorni raggiungerò le trentasei  venticinque primavere ma, per vostra fortuna, non sarò qui a piangere sull'età che avanza. Spegnerò le candeline a Londra ^_^ e, permettetemi, sempre meglio che farlo qua.
Dicevo, comunque, che a scrivere i post mi rendo conto che una giovincella proprio non sono e che sotto il mio naso sono passati alcuni piatti che solo a nominarli ti senti in pieni anni '80.
Tipo il risotto alle fragole, di cui avevo sproloquiato qua, di cui abbiamo fatto quasi indigestione fino al 1990, o la pasta al salmone e vodka (pennette, per inciso). O il Profiteroles, che viene ancora proposto nei ristoranti e nelle pizzerie, ma che mi riporta con la mente a quando ero ragazzina. Ecco, gli Asparagi mimosa sono un'altra di quelle preparazioni lì. Asparagi e uova, nella sostanza. Poi alcuni ci mettono una salsina per renderli ancora più ricchi, altri solo le uova che, schiacciate con i rebbi della forchetta sembrano, appunto, i fiorellini della mimosa.
Non credo di averli mai mangiati, a dirla tutta, dato che già da piccola avevo le mie preferenze e l'uovo sodo non rientrava tra quelle (cheppalle direte voi). L'uovo mi piaciucchiava (non sbilanciamoci eh) sotto forma di frittata, di uovo strapazzato o, se proprio doveva essere sodo, lo tagliavo a metà, lo inondavo di senape e lo mangiavo tout court: pacioccato o nelle insalatone, col tuorlo che si disfava e si mescolava al resto mi ha sempre fatto un po' ..posso dirlo? schifo. Ok, l'ho detto.
Quindi uovo+asparagi e non uovo sugli asparagi.
E allora di cosa sto qui a parlarvi? Beh, dovendo partecipare all'amato Salutiamoci, ospitato da Feli e con tema gli asparagi, ho pensato di proporre un classico, ma che piacesse anche a me. E il tofu sbriciolato e mescolato a spezie, mi piace. E sembra proprio uovo sodo, giusto per giocare un po' anche con gli ingredienti.
In definitiva questa non è certo la versione tradizionale degli Asparagi mimosa, ma visto che va tanto di moda reinterpretare i piatti della cucina italiana, eccomi qua con una variante assolutamente cruelty free.
La mia è una preparazione semplicissima: asparagi appena scottati, in modo da non spappolarli troppo in cottura, e tofu lessato, passato nello schiacciapatate e condito con curcuma, sale e pepe. Per una versione un po' più ricca e senz'altro più gustosa, "strapazzate" il tofu in padella, con un filo di olio e, solo dopo, disponetelo sugli asparagi. Terza versione, magari adatta alle giornate più fresche, è una variante della prima: asparagi lessati, tofu sbriciolato e condito, ma poi prevede una veloce passata in forno, in modo da riscaldare il tutto e rendere il tofu leggermente croccantino. Facciamo così: vi scrivo come li ho mangiati io e le varie possibilità, poi scegliete voi se preferite la versione "monacale" o quella più saporita. Ah, altra precisazione: non metto dosi precise perchè non so quantificare. Tenete presente che a persona 80 gr di tofu  e mezzo cucchiaino di curcuma dovrebbero andare bene.
Buon w.e.!!!
Asparagi mimosa (veg)

Asparagi freschi
Tofu solido
Curcuma
Sale marino integrale
Olio evo
Pepe

Preparazione
Private gli asparagi della parte più dura e legnosa, quindi fateli lessare in aqua bollente fino a quando saranno cotti ma non spappolati: devono rimanere sodi. Nel frattempo portate ad ebollizione in un pentolino dell'acqua, salatela e fate lessare il tofu per 3 minuti circa. Scolatelo e tamponatelo con un panno da cucina. Tagliatelo a tocchetti e passatelo nello schiacciapatate (o schiacciatelo con i rebbi della forchetta), per ottenere delle "palline" che ricordino la mimosa. Mettetelo in una ciotolina, aggiungete la curcuma, un filo di olio, sale e pepe, quindi mescolate e fate riposare. Mettete gli asparagi in un piatto, scolate il tofu dalla marinata e disponetelo sulla verdura. Rifinite con un giro di olio e una spolverata di pepe, quindi servite.
- Versione "saporita"
Lessate gli asparagi come sopra e metteteli da parte. Preparate il tofu come descritto sopra ma, anzichè condirlo "a crudo", fatelo saltare a fuoco basso in un pentolino con un filo di olio, aggiungendo la curcuma, il sale e il pepe. Disponetelo sugli asparagi e servite.
- Versione "calda"
Lessate gli asparagi come descritto sopra, ma disponeteli in una teglia leggermente unta di olio. Preparate il tofu come descritto nella versione base o in quella "saporita", quindi disponetelo sugli asparagi. Cospargete con un cucchiaino di lievito alimentare e passate in forno a 180° per 5' circa. 


Commenti

  1. beh, però te lo posso dire??
    E' comunque una preparazione "senza tempo"...o meglio ci sta sempre bene, piace sempre, sempre gradita....io l'adoro, sempre e comunque!
    bacioni cara

    RispondiElimina
  2. Belli e buoni gli asparagi preparati così!!

    RispondiElimina
  3. Me li mangerei subitissimo gli asparagi e tofu... per me nella versione strapazzata! Uno dei prossimi giorni cenerò così!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene..sono contenta ^_^ Un bacio

      Elimina
  4. Se devo essere sincera, asparagi mimosa non sono mai stati prodotti in casa mia. A mio padre non piacciono gli asparagi quindi fino a che non ho cominciato l'università non li avevo mai assaggiati. E manco sapevo che stessero bene con le uova. Conclusione...non ho mai fatto in vita mia asparagi mimosa, sarà un classico, ma a me manca.
    Per inciso, anche a me non piacciono le uova sode, anzi non mi piace il tuorlo sodo, l'albume invece si.

    RispondiElimina
  5. Dimenticavo...ticredo che festeggiare il comple a Londra sia molto meglio che farlo qui. Mi offro come portavaligie, sono piccolina ma forzuta ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. <3 eheheheh allora ti arruolo :))) Un beso cara

      Elimina
  6. Ci credi che non ho mai mangiato il tofu? Non ho neanche idea del sapore che ha! Assomiglia per caso alla feta greca che invece uso di tanto in tanto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. diciamo che la consistenza è quella, ma molto meno saporito :))) Agli ometti generalmente non piace ^_^ Un bacione

      Elimina
  7. Hai proprio ragione.... gli asparagi per tradizione di cucinano quasi esclusivamente con le uova!!!! anche a casa mia, da bambina era frittata di asparagi..... mi piaceva, forse!!! Ricordo solo che scartavo le uova per mangiare gli asparagi... avevo già buon gusto ;-) Grazie per la ricetta, bellissima presentazione, la inserisco immediatamente :-)

    RispondiElimina
  8. mah ti dirò.. a casa mia non si son mai visti.. io adoro gli asparagi, ma un po' meno le uova sode direi..
    la tua versione mi calza mooooooooooolto più a pennello.. come sempre le tue ricette del resto
    tesoro goditi London e festeggia come si deve...
    un abbraccione forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^_^ eheheh, sapevo che avresti approvato :)

      Elimina
  9. Per non perdere tempo e per ...."portarmi avanti con i lavori", ti faccio immediatamente gli auguri per il tuo compleanno ormai vicino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noooo Clara ^_^ gli auguri più avanti!

      Elimina
  10. Ciao, toh, da quando sono vegan ho avuto qualche imbarazzo con gli asparagi.. fin qui li avevo quasi sempre mangiati da soli oppure con le uova, sode, all'occhio di bue, strapazzate.. ma sempre a braccetto quei due, asparagi + uova. Come fossero indivisibili. Bene. Ora? Sono passata alla farina di ceci.. e sono felicissima di questa idea che prenderò da qui, col tofu strapazzato!
    Un bacione e auguri per i tuoi 25 anni :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheh, 25 per gamba ;) quasi! Quanto agli asparagi hai ragione:sempre a braccetto con le uova, mannaggia ! Dai che rivediamo le tradizioni. Un bacione

      Elimina
  11. NOOO!! Questi son fanastici, mi son entusiasmata troppo giuro :D
    Sai che io invece non li conoscevo, in casa mia c'era la combo asparagi+uovo ma era rigorosamente in camica, che poi lo tagliavi e tutto il tuorlo colava sugli asparagi. Avevo in effetti pensato di replicarlo vagamente con quello strapazzato ma poi mi ero dimenticata. Non sapevo che fosse qualcosa di datato :) mi piacciono tutte le versione ma da brava zozzolona sceglierei quello col tofu saltato in padella o ripassato in forno :P
    baci infiniti Franci :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh Lucry...non parliamo del tuorlo molle che cola, che mi ha sempre fatto ribrezzo più di quello sodo e spappolato :-/ Meglio questa versione ^_^ Un baciotto

      Elimina
  12. Ahahah è vero le pennette alla vodka! è vero, sono quei piatti che spopolavano durante gli anni '80 e '90 che adesso a pensarci viene su una gran tenerezza! tipo a ripensare a Solletico o ai cartoni animati che non passano più a favore di altri moooolto discutibili! Lo sai che avevo pensato anch'io ad una ricetta del genere? anche se la versione non veg non l'ho mai provata e nemmeno ho tutta questa fretta! :P
    come sempre mi batti sul tempo! un bacione Francy e goditi Londra (sperando che questo tempaccio londinese in trasferta non ti accompagni anche lì!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai cara cosa sto pensando? che da "lassù" stiamo mandando pioggia anche qui per non farmi soffrire troppi sbalzi di temperatura quando andrò a Londra, ehehehe..Quanto agli asparagi e ai piatti anni '80, mamma mia quanti ricordi...Solletico, Bim Bum Bam...come sono vecchiaaaaaaaaaaaaaa...Un bacio

      Elimina
  13. Leggo ora il tuo post per altro molto bello e ... non ci posso credere! Ho preparato un post per settimana prossima su un dejavù degli anni 80! Ma cosa ci influenza che ci (noi blogger di salutiamoci) ritroviamo alle volte a parlare delle stesse cose contemporaneamente? Beh, almeno la ricetta è diversa! un abbraccio.

    RispondiElimina

Posta un commento

Se mi leggete mi fate piacere, se mi lasciate un commento ancora di più...Se siete "Anonimi" firmatevi, grazie!!!