Di convinzioni e Caesar Salad alla mia maniera


Vi è mai capitato di dare per scontata una cosa (una nozione, in questo caso) e di restarci malissimo quando scoprite che era tutt'altro? A me succede spesso. Concetti di nessuna importanza (non è che bisogna sempre stare a filosofeggiare) che ti entrano nella testa per chissà quale recondita ragione e lì rimangono per anni, fino a quando qualcuno non ti fa notare che. No. Che il the al latte è the au lait e si pronuncia te olè ma nulla c'entra con la Spagna (olè!). Che sporcaccione di dice sozzo e non zozzo. Che l'ex marito di Romina Power è Al Bano e non Albano. Sono cose che segnano. Da piccola ci volle tutta la santa pazienza di papànonnazia per convincermi che la canzoncina che cantavo all'asilo recitava "Braccia conserte" e non "Braccia coscette" e non ne sono ancora del tutto persuasa, anche perchè a mio avviso ha una sua bizzarra logica. Bene, ciò premesso, ho vissuto 35 anni con la ferma convinzione che la Caesar salad avesse a che fare con Giulio Cesare (che so: la sua insalata preferita? dato che tutti i romani giocavano a palla con la palla di pelle di pollo, Giulio Cesare poteva anche mangiarsi un'insalatina, no?).
Immaginatevi il mio stupore quando nel momento di scrivere due stupidaggini nel post sono venuta a sapere che il Cesare in questione è lo chef Cesare Cardini che la inventò praticamente come io invento le mie ricette: buttando dentro ingredienti un po' a caso. Solo che il suo estro è stata la sua fortuna, mentre il mio non offre sempre risultati commestibili. Ok, sfogo a parte, credo che questa sia una delle insalate più famose al mondo, insieme alla Nizzarda e alla Waldorf's salad. E' un'insalata americana (scende lacrimuccia che bagna la tastiera) di cui esistono innumerevoli varianti, anche se gli ingredienti che non possono mancare sono: lattuga, crostini e scaglie di grana . A condire il tutto maionese e Worcestrshire sauce. Poi, come dicevo, ne esistono molte varianti: con pollo, con pancetta, con uovo sodo e via dicendo. E' un piatto unico, insomma, e non le "due foglie di insalata" con cui sgrassarsi la bocca dopo pranzo. Io l'ho fatta alla mia maniera un po' di tempo fa. Dubito che la "mia maniera" entrerà nelle varianti ufficialmente riconosciute dai ricettari, ma a me è piacitua. Ovviamente, è in versione vegana e alleggerita,  e suppongo che della Caesar Salad originale conservi solo più la lattuga e i crostini. Io ho aggiunto anche due pomodorini, che facevano colore, e l'ho condita con una salsina che ha sì il colore della maionese, ma non è. Insomma: l'ho stravolta e spero che il buon Cesare Cardini (che non è quello dei Lunapop) non si rivolti troppo nella tomba. D'altronde è il mio dictat, quello di non seguire una ricetta alla lettera (a parte che in questo caso, data la presenza di uova, grana, acciughe, neanche avrei potuto) ma anzi di apportare sempre e comunque le mie bizzarre variazioni. ok, la smetto: beccatevi 'sta insalata Caesar alla mia maniera :-) e, quanto alle dosi, ritenetevi liberi di seguire la vostra fame.

Vegan Cesar Salad
Ingredienti ( indicativamente per 1-2 persone a seconda della fame )

Un cespo di lattuga
Una fetta di pane
Qualche pomodorino pachino
Per la salsa:
100 gr di tofu morbido
1 cucchiaino di senape
Qualche goccia di salsa Worcestrshire ( solo se non siete vegetariani, dato che la versione originale di questa salsa contiene acciughe. Io, essendo veg, non l'ho messa. Se ne trovate una vegana, fatemelo sapere!!!)
olio evo
sale

Preparazione
lavate la lattuga e staccatene le foglie. Lavate i pomodorini, Tagliate il pane a dadini e fateli dorare in una padella andiaderente (o metteteli in forno, con un filo di olio) fino a quando saranno dorati. Teneteli da parte. Preparate la salsina mescolando bene tutti gli ingredienti. Mettete in un'insalatiera la lattuga, i pomodorini tagliati a metà, i crostini. Condite con la salsina e servite.



Commenti

sara ha detto…
ciao Francy! sapevo della pronuncia corretta del the al latte, ma Tè Olè mi piace tantissimo, da oggi io lo dirò così!! :)
Ottima idea questa tua variante di insalata, magari per farla apprezzare anche a Benna posso condirla con un po' di maionese diluita in qualche cucchiaio di yogurt secondo te?
Un bacione grande!
consuelo tognetti ha detto…
Frà, ogni volta che ti leggo mi fai morire da ridere :-P Sai anch'io non sapevo l'origine di quest'insalata e devo confessarti che la tua versione mi ispira molto di + di quella originale…beccati questa chef Cremonini..ops Cardini!!!
Ti auguro un felice we <3<3<3
la zia Consu
Letiziando ha detto…
le versioni "di cuore" ed estro personale son le mie preferite...e grazie di avermi chiarito l'origine storica del piatto :)
Ely ha detto…
Ahah, tesoro.. si si, capisco eccome! :D Anche a me succede ed è vero, ci resti di un male, ma di un male.. saranno piccolezze ma ti cambiano la vita! Da piccola ad esempio pensavo che a Messa non si cantasse 'Osanna' ma 'Rosanna' (e mi domandavo cosa avesse di speciale la mia vicina di casa)... oppure che con estrema crudeltà il prete dicesse 'allo spezzare del cane' al posto di 'allo spezzare del pane'. E io mi mettevo a piangere ogni volta.. :) Questa insalata è fantastica.. anche io non sapevo delle sue origini ma sono felicissima che l'hai 'rielaborata'. Non posso mangiarla assolutamente altrimenti, per via del formaggio!!! Mitica :) TVB
An Lullaby ha detto…
Ahahah mi hai fatto molto ridere! Buonissima la tua versione! :)
Peanut ha detto…
buhaha Francy :D ma ti capisco, sai che per quanto tempo da piccina invece che Ave Maria ho recitato "Anna Maria" perchè così si chiamava la mia maestra d'asilo?! Ma sicuramente ce ne saranno miliardi di altre che adesso mi sfuggono :D
però ..sozzo?? :\ ma che davvero? sicura che non sia una variante dialettale?!
per quanto riguarda la Caesar anch'io meditavo un modo per veganizzarla, intanto provo questa! la salsina ispira parecchio! baciotti
Katiuscia ha detto…
Oh sì, l'insalata coi crostini è spaziale... chiamatela come volete, ma io me la pappo tutta! :D
Belle anche le foto Francy!
Ah, io ricordo che la salsa Worchester l'aveva veganizzata Alice, ma non ho mai provato a farla... Baci!!!
Francesca ha detto…
certo Sary!!!!!!!!!!!!!!!!un baciozzo
Francesca ha detto…
<3 2ma com'è bello andare in giro per i colli bolognesi....." :-))))))
Francesca ha detto…
Grazie a te :-)
Francesca ha detto…
Oddio Ely...Rosanna, Rosanna, rosaaaaaaaaaaanna nell'alto dei cieli :-))) Mi hai fatto morire dal ridere ^_^
Francesca ha detto…
Grazieeeeeeee <3
Francesca ha detto…
Giuro Lucry: si dice sozzo :-/ E' accettato anche zozzo, ma correttamente si dice sozzo. Un bacione e Anna Maria!!!
Francesca ha detto…
^_^ Uh, allora corro a vedere da Aliciuzza nostra! Un bacione
la gelida anolina ha detto…
grandeeeeee!!!!!anche io da piccola ero convintissima che il caffè fosse "olè" e la toilette che avevo in camera era la "mia-lette"...povera la mamma che ha dovuto ficcarmi nella testa che "toi" non significava affatto "tua" :P
un bacioooooo
Francesca ha detto…
La mia-lette è bellisssssssssssssima!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! quanto al caffè olè, evvaiiiiii, non sono l'unica!! Un bacio bella
Cappuccino e Baguette ha detto…
Tra post e commenti sono state ribaltate parecchie delle mie certezze in materia di termini di uso comune. Mi ritiro per metabolizzare il tutto...

P.s.= Comunque, per me che odio l'insalata, la caesar salad è l'unica variante che mangio con piacere. ;-P
Francesca ha detto…
Ahaha, giuro che non volevo :) un bacio e grazie!
Clara ha detto…
Ci sono anch'io,saluti frettolosi
Francesca ha detto…
Ma sempre graditi :-) Grazie Clara!!!
Ilaria ha detto…
Si fanno sempre delle belle scoperte... Ma sai, spesso è anche bello sognare... E vuoi mettere quanto fosse più originale il tuo motivetto a suon di coscette!! :-)
Mi chiedevo quali fossero i veri ingredienti originali della Caesar Salad ed eccoli svelati.
Ottima anche nelle tua versione. Io ci metto sempre lo yogurt al posto della salsa.
Un bacio.
Francesca ha detto…
^_^ braccia coscette è carino, vero??? Un bacio enorme
ristoranti firenze ha detto…
questa ricetta mi sembra deliziosa