22/07/13

The show must go on. Shirataki e considerazioni


Inizio subito con un "Grazie" enorme. Sono stati momenti difficili, e lo saranno ancora ma voi. Voi. Mi avete stretto in un abbraccio caloroso che ho sentito fino qua. Sono sicura che anche Lei lo ha sentito. Basta piangere, veniamo a noi. Come nei vestiti, anche nel cibo ci sono le mode. Nelle diete, poi, non parliamone. Pare che una delle diete più cool del momento sia la Dukan (che mi fa ridere perchè penso a "due can"). Cosa dica non lo so, tranne che elimina i carboidrati. Su quanto la trovi scorretta non starò a spendere parole, ma so che ha sdoganato gli Shirataki.
Cosa sono, mi chiederete? Gli Shiratacchi, come li chiama la bella Bibi, sono degli "spaghetti" (ma ci sono anche tagliatelle e co.) ricavati dalla farina di konjac, radice giapponese contenente una fibra vegetale ad alto assorbimento: il glucomannano. Proprio questo potere assorbente fa sì che la "pasta" ricavata dalla farina di konjac fornisca un effetto saziante immediato e a calorie pari a 10 (dieci, ripeto) per 100 gr. E', inoltre, priva di colesterolo e di glutine, quindi adatti anche ai celiaci. Io non ne avevo mai sentito parlare fino a quando Iaia, la mia Iaia, ne ha parlato qua, e a Lei vi mando per saperne di più sulla preparazione, sull'utilizzo e sulle diverse tipologie in commercio. Ora. Inutile dictu che il fatto di essere a calorie pressochè nulle sortisce un effetto graditissimo su chiunque, figuriamoci su una che convive con i dca da molti anni come la sottoscritta (è mica un mistero, no?). Però. Però mi rendo conto che non sono la panacea di tutti i mali. Sono divertenti, sono "strani", una tantum si possono mangiare per avere l'illusione di. Illusione, appunto. Non sono carboidrati. Non sono spaghetti "veri". Non sono quegli spaghetti che tanto temiamo. Sono il sogno: il poter mangiare 100 gr di pasta senza sensi di colpa ma. Per quanto mi riguarda sono più soddisfatta quando riesco a mangiare carboidrati veri, anche in quantità ridotte. Ciò non toglie che possono essere utili in tante occasioni e se possono fare bene anche solo un po' al nostro spirito, se quell'attorcigliare degli "spaghetti" fa bene alla nostra anima, ben venga. Ma Iaia ha detto tutto, e nel migliore dei modi, ergo, leggetevi il suo post :-) Io li ho provati solo due volte, anche perchè costano parecchio, e non mi sono dispiaciuti. Hanno un sapore neutro, che assorbe molto il gusto di ciò con cui li si condisce (che per me è stato un semplice sugo di pomodoro e basilico. Ho visto che la Due can ^_^ permette di condirli in quasi ogni modo e personalmente lo trovo un controsenso, ma. Ma chi sono io per giudicare? ) e non sanno di gomma come i Keelp noodles di cui avevo parlato qua. Non sanno di niente, in pratica. Lapidaria come al solito. Dunque, cosa importante, in commercio si trovano secchi (bisogna farli reidratare) oppure contenuti in un liquido di conservazione. Io ho utilizzato questi ultimi (e, vi dirò, li ho trovati ad Asti...ho detto tutto), ma Iaia so che usa quelli secchi e li compra on line, ergo ribadisco di studiarvi a fondo il suo post (quanto adoro Iaia, io???? <3 cuori). Ignoro quale sia la quantità consigliata. Date le calorie irrisorie penso che non ci sia un limite, ma vi sconsiglio di mangiarne un chilo, anche perchè dopo un po' stufano. Regolatevi come fossero spaghetti: 70 gr circa se secchi, 125-150 gr se quelli conservati in acqua (che pesano ovviamente di più). Per dire: io ho mangiato mezza confezione ( da 250 gr ) di quelli conservati in acqua, ergo 125 gr che corrispondo circa a 70 gr di spaghetti secchi.  Un bel piatto, insomma. Nella ricetta, comunque, non riporto la grammatura, dato che non so se voi li usate secchi o freschi. Regolatevi a occhio, ok? La ricetta, sì subito. L'ho presa qua e l'ho copiata paro paro (insomma. Se copiassi paro paro qualcosa non sarei io), solo sostituendo i noba con gli shirataki. Ho aggiunto anche uno zucchinetto, per gradire. Voi ritenetevi liberi di usare la "pasta" che preferite: shirataki o pasta vera (noodle, udon, soba o comunissimi spaghetti). Buona settimana ( vi ricordo che oggi mi trovate anche su Repubblica con una ricetta molto fresca) e grazie ancora. Vi voglio bene

Shirataki con cetrioli e zucchini al sesamo
Ingredienti per due persone

Shirataki*
1 cucchiaio di olio di semi
1 cetriolo piccolo
1 zucchino medio
scalogno tritato
1 cucchiaio di salsa di soia
2 cucchiai di aceto di riso
1 cucchiaio di salsa di soia mescolata con succo di limone
semi di sesamo nero
*consiglio 70 gr a persona se secchi, 125-150 gr se umidi

Preparazione
Preparate gli shirataki secondo le istruzioni della confezione. se sono quelli umidi lavateli sotto l’acqua corrente.Se sono quelli secchi, lessateli secondo le istruzioni quindi scolateli e passateli sotto un getto di acqua fredda. Metteteli in una ciotola e conditeli con un cucchiaio di olio di semi. Tagliate il cetriolo e lo zucchino con l’apposita mandolina in “spaghetti” lunghi come gli shirataki e aggiungeteli nella ciotola insieme a questi ultimi e allo scalogno tritato. Condite con la salsa di soia, l’aceto di riso e la vinagrette di salsa di soia e limone. Mescolate, cospargete con semi di sesamo tostati e servite.





27 commenti:

  1. Originalissima, tesoro.. davvero da provare. Mi hai fatto conoscere qualcosa di nuovo e di certo delizioso. <3 Spero tu stia un poco meglio.. il tempo è fondamentale e bisogna stringere i denti.. nel frattempo sappi che ti voglio un gran bene e se hai bisogno, sono qui. TVTTTTB Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ely..sei un tesoro. Va un po' meglio, sì. E' difficile e di momenti bui ne sto passando e ne passerò molti, ma la vita prosegue. DEVE. Un bacio e grazie

      Elimina
  2. tesoro, sono stata un pò assente (anche io mille problemi infiniti)e non ho ben capito cosa sia successo, ma ti stringo forte e assolutamente ci sono se hai bisogno.
    Questa ricetta è molto accattivante e mi ha colpito, sai?!
    Bacio grande

    RispondiElimina
  3. Mai visti né sentiti, ma mi incuriosiscono parecchio, e messi così bene in quella ciotolina mi invitano proprio ad attorcigliarli con la forchetta :-) Li cercherò anche qua a Rimini.
    Baciotto Francy

    RispondiElimina
  4. Mi sono un po' persa a metà, del tipo, non ho capito di cosa sono fatti, ma sono sicuramente da provare in quanto roba nuova e fin'ora mai sentita, mi sembrano anche bellini da vedere :D
    Sono contenta che vada un po' meglio, ne uscirai più forte di prima <3
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non sono stata chiara ?:-((((( eh, la chiarezza non è il mio forte...'spetta che vado a correggere. Un bacio grande Lucry <3

      Elimina
    2. ahaha mannò, è che non conoscendo la materia prima con cui sono fatti non è che mi abbia detto molto! :) sei sempre chiarissima, tu!

      Elimina
  5. shirataki!!!!

    ti abbraccio forte. ♥

    RispondiElimina
  6. Tutte le volte che vengo qui scopro qualcosa di nuovo: non li conoscevo mica gli shirataki e sai che mi incuriosiscono un sacco?
    Piuttosto, quelle foto sono degne di una rivista: complimenti! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! sei sempre dolce e gentile. Davvero le trovi belle? io non ero convintissima, ma mi fido :-) Un bacio

      Elimina
  7. C'è una tipa nel nostro gruppo di acquisto che ne mangia a quintali...ma oea capisco
    ..prodigi della due cani ;)
    Ti abbraccio bella Francesca fortissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Lo..ricambio l'abbraccio :-)))

      Elimina
  8. Non ne avevo mai sentito parlare. Inutile dire che ho letto e riletto il tuo post e quello di iaia e un tuffo nel passato,neanche troppo lontano, è stato inevitabile. Una sensazione di gioia pure mi ha pervasa, carboidrati senza carboidrati, oddio, il paradiso esiste! Ma allo stesso tempo ho avvertito anche una sensazione di nausea e angoscia perchè quella gioia mi ha fatto capire che certi disturbi mi hanno segnata. Bisognerebbe fare di tutto ciò un punto di forza, non una debolezza. Anzichè vergognarmi, dovrei andare fiera del mio nuovo stile di vita, sano ed equilibrato, del mio mangiare per quanto sia possibile etico e salutare. Il prossimo passo sarà eliminare i sensi di colpa, che purtroppo spesso e volentieri permangono..
    Io comunque questi Shirataki li ho appena ordinati e ora nn vedo l'ora di provarli!!
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I sensi di colpa....hai ragione. Il fardello più pesante. La paura del "più", il "non dovevo", il "e adesso?". E tutto ciò perchè? dai che ce la si fa :-) Un bacio

      Elimina
    2. Finalmente li ho cucinati!!! Ho preso quelli secchi su zenpasta solo che nn sono venuti colorati diciamo come i tuoi..ma completamente trasparenti tipo spaghetti di soia! Proprio strani.. Li ho saltati in padella con pomodoro olive origano e tofu a cubetti piccini piccini! Devo dire che nn mi hanno assolutamente delusa però sono cosi abituata ad evitare la pasta che ho provato una strana sensazione nel mangiarli e nn me li sono goduti appieno..come se non mi fidassi che fosse una finta pasta!! Nn ti dico quante volte sono tornata a controllare i valori nutrizionali -.- Datemi pane pizza e cereali..ora li mangio senza (troppi) problemi ma la pasta e' il mostro numero1,nn mi e' mai andata giu! Strane fisse le mie!! :/

      Elimina
  9. io ci sono, forse ho aspettato un po' a dirtelo.ma io ci sono ❤.punto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e io ti <3 anzi <3 <3 anzi <3 <3 <3

      Elimina
  10. ti voglio brand .
    ed anche se i tempi duro.
    l'importante è tenersi per mano e non lasciarsi.

    e le tue foto sono sempre le più belle.
    Di tuttotuttotuttotutto il web. E oltre.
    Lo penso davvero. Non è per dire .

    ti bacio e abbraccio forte

    RispondiElimina
  11. poi mi spieghi perché non hai twitter? ( io nel frattempo invio questa meraviglia ovunque)

    RispondiElimina
  12. ah ok ho scoperto adesso che su facebook hai la pagina.
    quindi potresti essere su twitter.
    io potrei averti parlato sino a due minuti fa.
    e.
    abbi un po' di pazienza amore.
    che so vecchia pazza e rincretinita.
    tienimi così *_________*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ammmmore della Francy:)))) balliamo la Zumba fino a svenire <3 tu sarai vecchia ma dai usare Twitter,almeno.Ionsono vecchia come te e non so come si fa..urgono lezioni.Pero sono su Fb più che a casa mia e.E Ti voglio brand.Un mare,un'infinità di brand <3 Grazie per tutto.Passerà tutto e balleremo la Zumba con 2000 volpini rosa.È una promessa <3

      Elimina
  13. Ecco... li devo provare... Quando Iaia ne parlò qualche mese fa non potevo mangiarli, ma adesso li sto cercando... E ti abbraccio ancora, sempre, forte...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gluci <3 Un bacio enorme e un abbraccio stritolante <3

      Elimina

Se mi leggete mi fate piacere, se mi lasciate un commento ancora di più...Se siete "Anonimi" firmatevi, grazie!!!