26/04/13

Soda bread alle mele


Prima o poi doveva succedere. Sì. Che quella ricetta vista da Lei, e segnata nella lunghisssssssima lista dei must to, prima o poi prendesse vita. Da tempo l'avevo adocchiata e, da tempo, l'avevo segnata nelle ricette da fare. L'avevo appuntata di qua e di là. Su Pinterest. Su agendine varie. Su foglietti volanti. Dovevo solo più tatuarmela addosso e poi le avevo studiate tutte. Eppure no. C'era sempre qualche altra priorità che passava davanti a quel pigro soda bread alle mele. Mica per altro eh. Mi piaceva. Mi stuzzicava ma passava nel dimenticatoio e non so per quale strana legge della fisica. Ora. Bread, tecnicamente, significa Pane. E io col pane non ho un rapporto idilliaco. Lo mangio, ma per quanto riguarda l'home made credo di aver dato il peggio di me.
Avevo una bella scorta di Pasta Madre e l'ho fatta morire due volte. Ho provato col lievito di birra ma la soddisfazione non era mai massima (nonostante l'eutanasia praticata sulla mia povera PM, ad usare il lievito di birra mi sentivo un po' come la Benedetta nazionale che usa le patatine fritte surgelate per preparare il fish&chips). 
Mi resta l'ultimo tentativo con la macchina del pane, prenotata all'Esselunga dopo una colletta di punti in cui ho coinvolto amici vicini e lontani (come diceva Nunzio Filogamo) e parenti fino al sesto grado, e poi mi metterò il cuore in pace. Che significa una sola cosa: panetteria. Però il Soda Bread non è un Pane con lievito. No. E' qualcosa di diverso e che va per la maggiore in Scozia, Irlanda e Gran Bretagna e che utilizza il bicarbonato di sodio come agente lievitante. Nel web ne ho trovate diverse versioni ma come dicevo sopra, sono rimasta folgorata da questa ricetta in cui c'era tutto ciò che io amo: i fiocchi di avena e le mele. Pochissimo zucchero. Niente lievito ma bicarbonato. Perfetto. Mi sembrava facile (cosa da non sottovalutare, almeno per la sottoscritta), veloce, ragionevolmente poco calorico. E così, un sabato pomeriggio di non so più quale settimana fa (come avrete capito qui tutto è un po' in ritardo) mi sono messa al lavoro. Rispetto alla ricetta di sabine ho variato ben poco. In sostanza ho solo dimezzato le dosi e sostituito lo yogurt con latte di soia. In pratica Sabine suggeriva di utilizzare metà latte e metà yogurt, mentre io ho usato solo latte (di soia). Liberi voi di fare come me o seguire la ricetta originale.

Soda bread alle mele di Sabine
Dosi originali tra parentesi

100 gr di farina 00 (200 gr)
100 gr di farina integrale (200 gr)
50 gr di fiocchi di avena (100 gr)
100 gr di mela grattugiata (200 gr)
150 ml di latte di soia (300 ml)
65 ml di acqua (130 ml)
1 cucchiaio di zucchero di canna (2)
1 cucchiaino abbondante di bicarbonato (3)
1/2 cucchiaino di sale (1)

 Preparazione
Preriscaldate il forno a 180°. In una ciotola setacciate le farina con il sale, il bicarbonato e i fiocchi di avena. Miscelate il latte con l'acqua e versatelo nella ciotola delle "farine", quindi aggiungete le mele. Mescolate, senza lavorarlo troppo, l'impasto, quindi versatelo in uno stampo da plum cake (il mio era piccolo ma se seguite la ricetta originale, raddoppiando le dosi, va bene uno 25x10 cm), livellatelo e incidetene la lunghezza con un coltello. Infornate a per circa 35'. Servite tiepido.

15 commenti:

  1. Ma quant'è bello Francy :) E' da tanto che ci giro intorno al soda bread, prima o poi lo faccio...promesso! Un bacione, buon we

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fede:-)))) Poi tu, con lievito e pane, sei bravissima quindi questa è una sciocchezzuola :-))))9 Bacio bella!!!

      Elimina
  2. anche io adoro avena+mela... è una calamita! però non sapevo nello specifico cosa fosse questo famigerato "soda bread" fino ad oggi, grazie cara!! ne prendo un pezzetto ;)

    RispondiElimina
  3. Buonissimo, e buonissima anche la combinazione mele e avena!

    RispondiElimina
  4. Anche io ho adocchiato da un po' questo "soda bread", ma alla fine non l'ho mai fatto perchè non troppo convinta del sapore finale. Posso chiederti spassionatamente com'è? Che gusto/consistenza ha? Grazie mille in anticipo. Se mi dai il via questa versione la preparo di sicuro, magari anche oggi. Martina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certo che ti do il via lbera! E' a metà tra un dolce non troppo dolce e un pane. Compatto, insomma. Prova!

      Elimina
  5. anch'io ce l'ho nella to-do list, questa! mi aveva attirato proprio per il fatto di esser cucinato più come un cake pur essendo un pane, insomma, un ibrido che mi incuriosiva. però ddai, non dire che il lievito di birra ci accomuna alla BP, che poi mi ci tormento al pensiero! (che poi secondo me lei prende direttamente la pasta già pronta e lievitata, manco quello sforzo fa!)
    come tutte le altre millemila, prima o poi, sarà fatta, si si!
    buon we, baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheheh, hai ragione :-)))))) Anzi, magari surgelata ^_^ Un bacio bella

      Elimina
  6. Noi scegliamo le ricette ma poi sono loro che ci chiamano quando sono pronte per essere provate... ;-)

    RispondiElimina
  7. Io la macchina del pane ce l'ho da anni e sono molto soddisfatta, anche perchè vuoi mettere il piacere di svegliarti al mattino con il profumo di pane appena cotto? Senza considerare il fatto che sai cosa ci metti e che dura di più di quello del panificio..
    Il soda bread invece non l'ho mai provato: sono un pochino diffidente nei suoi confronti, ma nel frattempo mi attira moltissimo. prima o poi mi deciderò a provarlo!
    buon pomeriggio! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appena arriverà, ti farò sapere :) un baciotto

      Elimina
  8. questo pane manda in crisi un pò tutti...o almeno me, non trovo mai la forza di impegnarmi e farlo come si deve :P
    meno male che ci sei tu a salvarci con questa ricetta!!!!!!!
    un bacione ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia, sono sicura che faresti meraviglie!!!! Bacio

      Elimina

Se mi leggete mi fate piacere, se mi lasciate un commento ancora di più...Se siete "Anonimi" firmatevi, grazie!!!