Biscottini integrali e quasi vegani?

Checchè ne dicano i Maya, Natale si avvicina e con esso la necessità di biscottare come se non vi fosse un domani (appunto). A dirla tutta, questo non sarà un bel Natale...è presto per dirlo ma mia zia (odi et amo) è caduta, fratturandosi le ossa del bacino. Capite che in una situazione del genere, pensare a Natale è difficile, ma mi sono imposta di farlo ugualmente e di sorridere anche quando, per tanti altri motivi, avrei voglia di piangere e urlare. Comunque. Speriamo si riprenda presto. Speriamo sia un Natale sereno. Ogni blog che si rispetti, in questo periodo dell'anno, pubblica ricette di biscotti/dolcetti/cioccolatini e cosucce del genere da regalare a parenti e amici e vi confesso che sto già prendendo nota anche io. Farò delle Madeleines, perchè sono velocissime, non so se riproporrò le Zimtsterne dello scorso anno, e vorrei cimentarmi con gli omini di Pan di Zenzero. Il problema resta solo l'organizzazione: riuscire a preparare biscottini che si conservino almeno fino a Natale senza indurire troppo e senza dovermi ridurre all'ultimo momento, con tanto di acqua alla gola e ansia da prestazione. Quindi, nel week end, avrò il mio bel da fare a scegliere le ricette e a stilare una tabella di marcia furba.
Intanto, giusto per fare qualche prova, ho prodotto dei biscottini integrali, vegani al 90% (nel senso che contengono miele) e buonissimi.
Fino al momento in cui vi scrivo sono mangiabili senza rimetterci i denti, fidatevi. Sì, perchè il problema dei biscotti è sempre quello: la durezza. Oh, non so voi come vi regoliate e se siate calmi ogni volta che li offrite a qualcuno, ma io-tanto per cambiare- vado in ansia. Tremenda ansia. Al punto che, per essere sicura che gli avventori non ci rimettano i molari, faccio sempre qualche biscottino in più che tengo per me e addento ogni volta che devo regalarli od offrirli: se mi salvo io, si salveranno anche le loro dentature, questo in sintesi il ragionamento che non fa una grinza. Comunque, si diceva, questi biscotti si sono conservati bene per 4 giorni, quindi posso segnarli nella lista. La ricetta proviene, ancora una volta, da una delle mie riviste preferite: Cucina Naturale anche se mi sono permessa di modificarla leggermente. A dire il vero non ho apportato molte varianti, se non l'uso delle mandorle anzichè delle nocciole. Come dicevo sopra, sono assolutamente naturali e con poco zucchero. Il biscottino ideale da sgranocchiare mentre si sorseggia una tazza di the (avete notato che ho la fissa del the??? no???) o da pucciare nel caffelatte del mattino. Vi riporto le dosi necessarie per una ventina di biscotti, ricordandovi però che io ho usato la metà degli ingredienti, senza tuttavia variare le proporzioni.
Biscotti integrali all'uvetta e mandorle
125 gr di farina integrale
50 gr di farina di mandorle
50 gr di uvetta
2 cucchiai di olio di semi
50 gr di miele (o malto, per la versione vegana)
1 pizzico di sale
1cucchiaio di bustina di lievito

Preprazione
Preriscladate il forno a 180°. Setacciate le farine insieme al lievito. Mettete l'uvetta in ammollo per circa 20'. In una ciotola mescolate l'olio con il miele. Unite questa miscela alle farine, aggiungete l'uvetta scolata e tritata, quindi impastate fino ad ottenere un impasto omogeneo. Prelevate piccole palline di composto (grandi come una noce) e disponetele su una teglia ricoperta da carta da forno, schiacciandole leggermente. Infornate per 10' circa, fino a quando saranno dorati. Sfornate, fate raffreddare, quindi conservate in una scatola di latta.





Commenti

Federica ha detto…
Natale si avvicina, la voglia di biscottare aumenta e se pure i maya avessero ragione scusa in più per biscottare il doppio e recuperare quanto più possibile no ;)? Integrali, con le uvette e senza uova...j’adore per la mia colazione :D! Un baciotto bimba, buona giornata
Francesca ha detto…
Grazie Fede!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Simona Mastantuono ha detto…
davvero molto invitanti.....
Elisa ha detto…
Uh mi dispiace per tua zia! Speriamo che si riprenda e che riusciate a passare un Natale tranquillo!
Per la durezza dei biscotti, anche io ho lo stesso timore quando preparo delle versioni un po' alternative o pseudo-vegan, perché mi rimangono più duri.
Questi biscottini integrali sono molto ma moooolto interessanti! Ottimi da regalare ma anche da gustare oggi pomeriggio insieme a un tè caldo: che dici se ti invito e scaldo l'acqua me li porti? :P
Le foto sono stupende!! Trovo che questi toni chiari ti donino un sacco!
Un bacione :*
Memole ha detto…
Deliziosi!!!
Katiuscia ha detto…
Li avevo addocchiati anch'io! Sembrano proprio buoni!
Hai ragione...Natale si avvicina e giocare d'anticipo è la vera mossa vincente! ;-)
la gelida anolina ha detto…
con l'uvetta mi scioglierei al primo morso!!!e non avrei di certo paura ad addentarli...anzi!!!!!!!! ;)
spero che le cose si sistemino...un abbraccio! ^_^
elenuccia ha detto…
Sinceramente non ho mai avuto problemi di durezza dei biscotti. Dici che e' perche in casa finiscono sempre troppo presto? :D
A giudicare dagli ingredienti (lievito e olio) faccio fatica a creder che questi biscotti siano dei piccoli sassi. Quindi credo che rischiero' la mia dentatura gia' delicatissima e che mi e' costata un'occhio della testa dal dentista!
Francesca ha detto…
Grazie
Francesca ha detto…
Grazie di tutto, Ely:-))
Francesca ha detto…
Grazie Silvia!!!!
Francesca ha detto…
eheheh Ele...un bacio e grazie!
Lara Bianchini ha detto…
sono bellissimi... penso anche buoni. Domenica giuro, mi metto anch'io in programmazione!
Francesca ha detto…
Grazie Lara
Polly Pollina ha detto…
mmmmhh...buoni..mi piacciono! :)
virgikelian ha detto…
Francy, tantissimi auguroni per tua zia. Un abbraccio.
Francesca ha detto…
Grazie di cuore,Virginia:-)
Serena ha detto…
Aggiudicati! Domenica li faccio. Mi sa che diventerà la mia ricetta preferita di biscotti. Semplice e versatile :)
Sembra un'ottima rivista CN, anche il sito è fatto bene.
Auguri per tua zia.
Francesca ha detto…
Grazie Serena :-)