Di momenti un po' così...


Sono giornate un po' così. Buie, nonostante fuori ci sia (ancora) il sole. La tristezza, la sfiducia in me stessa, quelle che sembravano svanite nel nulla o, almeno, sembravano essersi nascoste per un po', tornano a farsi vive insieme ai vecchi, soliti, fantasmi. E i pensieri si fanno pesanti. Penso che non cambierò mai: per un certo verso, ultimamente, sono cambiata molto, ma la mia insicurezza cronica, la mia abitudine di pensare troppo e male, resterà. Sono stata educata così ed abituarmi, dopo trentaquattro anni, a pensare diversamente, a vivere con serenità e leggerezza, senza farmi troppi problemi, non è facile. Non è facile credere di valere qualcosa, quando pensi che ogni cosa brutta che capita intorno a te, accada a causa tua. Dal buco nell'ozono alla fame nel mondo, perdire^_^ Per fortuna ho amici stupendi che mi ricordano in continuazione che non è così ( e qui, permettetemi, la standing ovation va al mio amico Lele, per cui non spenderò mai parole abbastanza belle. "Ti voglio bene Lele" basta?) ma fare un bel resettaggio al cervello sarà un'operazione veramente ardua. Ce la posso fare? Ci voglio credere. Intanto, da oggi, nasce una nuova collaborazione: quella con Honest Cooking e, se volete, cliccate sul bannerino qua a fianco e verrete indirizzati nella mia pagina (tra qualche ora..lo dico ai mattinieri come me)
Quindi, ricapitolando, se non fossi già abbastanza tediosa qui, su Fb e su Repubblica, mi trovate anche di là, ecco. Per festeggiare la lieta novella e per ringraziarvi per aver ascoltato le mie paturnie, vi dedico una panna cotta. Alla crema di marroni. Una cosetta da 5560 calorie ma coccolosa e facilissima da fare: solo quattro ingredienti ed il gioco è fatto.

Affondateci il cucchiaino senza remore. E mandatemi un abbraccio, chè ne ho bisogno.


Commenti

  1. Capitano a tutte momenti un po' così, anche se ci sono persone che come te, magari più sensibile di altri, li attraversano più spesso. Allora ecco il mio abbraccio, ma prima rubo un cucchiaino di questa meraviglia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, Giuliana...ruba ruba e grazie!!!

      Elimina
  2. ..potrei proprio averlo scritto io questo post.. anche io mi sento così in questi giorni, e gli sbalzi d'umore mi spaventano abbastanza..
    in cucina invece non esistono preoccupazioni (se non quella di bruciare la torta in forno!), è questo che amo di più.. se poi il prodotto finale è una panna cotta ai marroni..........le preoccupazioni possono andare a quel paese per molto MOLTO TEMPO!

    RispondiElimina
  3. Ma non te lo dobbiamo mica dire noi che vali vero???? Ma se vuoi lo grido, io ho una bella voce da contralto e mi senti fino a li!!!! La Francy VALEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!!!!! E pian piano riuscirai a vedere il bicchiere mezzo pieno, io ho la fortuna di essere così da quando sono nata e devo dire che anche quando non gira la faccio girare, mi basta pensare a chi è meno fortunato di me e capire che sono davvero molto fortunata.... E questo dolcettino? Magari me ne servono due tazzine :-) Baciiii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh già cara Ely, anche io sono come te, se non gira la faccio girare! :-)
      Cara Francy, forse gli anni che passano aiutano a capire che non vale proprio la pena perdere ore di vita per stare dietro a pensieri che nascono solo nella nostra testa (e te lo dice una che l'autostima non è che ce l'ha proprio alta). Ho fatto un grande lavoro su di me e quello che ho capito è che il mondo va avanti indipendentemente da quello che faccio e da quello che penso, quindi io cerco di migliorarmi (sempre) ma dato che non posso piacere a tutti, va benissimo così.
      Ma una persona che fa queste foto e questa panna cotta, come fa ad avere pensieri negativi?!! Forza, una bella cucchiata, un bel sorriso e avanti con la vita che quello che lasci non torna più indietro. Un abbraccio

      Elimina
  4. Un abbraccio tutto per te allora :D
    Questa ricetta rientra in quelle da provare, sicuramente. Senza pensare alle 5560 calorie che, diciamocelo, ogni tanto ci vogliono :3

    RispondiElimina
  5. Questa ricettina è una vera e propria coccola...Ogni tanto ci fa bene viziarci un pò...

    RispondiElimina
  6. ma quanto è carina questa panna cotta in tazzina!!!!!! ^_^
    io sono certa che prima o poi capirai quanto vali...nel frattempo te lo ricordiamo noi!!!
    bacio

    RispondiElimina
  7. Forza Francy, capitano a tutte giornate così! Ti mando un grosso abbraccione coccoloso ♥

    Hai voglia di buttarti in un contest?
    Prova a dare un occhiata, ti aspetto, coraggio
    http://ipasticciditerry.blogspot.it/2012/11/contest-happy-holiday-contest.html

    RispondiElimina
  8. Bhè questa pannacotta i pensieri bui li cancella di sicuro :P

    RispondiElimina
  9. Io vorrei ringraziarVi uno a uno, davanti a una tazza di the...Siete persone speciali. Tutti, dal primo all'ultimo. Grazie <3

    RispondiElimina
  10. Io ti stritolo con un abbraccio ^___^
    So quanto non sia facile credere di valere qualcosa ma VOLERE E' POTERE.
    Ripeti insieme a me: LOVOGLIO LOVOGLIO LOVOGLIO...

    Io voglio anche quel bicchierino :D!
    Un bacione, buon we

    RispondiElimina
  11. Tesoro, ti dico solo che tu vali tanto, ma proprio tanto e devi crederci!! E poi ti mando solo un forte, anzi fortissimo, abbraccio! :*
    La panna cotta è super e le foto sono stupende!

    p.s. complimenti per la nuova collaborazione! Siamo "colleghe" allora :D
    p.p.s. ti posso chiedere una cosa sull'agar agar? Se ho quello intero, secondo te, lo posso tritare e ridurlo in polvere? Perché così non riesco mai a dosarlo nel modo giusto :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Collega ^_^
      Quanto all'agar agar...boh, credo di sì, ma dev'essere finissimo:-)

      Elimina
  12. Franci, capisco perfettamente quello di cui parli.
    Però, davvero, in questi casi bisogna solo guardarsi dentro e dirsi "coraggio". Non è che puoi farcela, devi farcela. Perché te lo meriti.
    E questa pannacotta... adoro la crema di marroni! ;)

    :*

    RispondiElimina
  13. Dai , Francesca, su la testa! :)
    Momenti bui capitano, ma, come leggo, ci sono tanti buoni motivi per essere soddisfatta di te, non buttarti giù!
    Copio questa panna cotta, mi manca solo 1 ingrediente, ma corro a reperirlo!!

    RispondiElimina
  14. Francy non devi neanche lontanamente farti venire certe idee! Certo che vali, sei un tesoro e i momenti no purtroppo li abbiamo tutti, ma in questi momenti dobbiamo tirare fuori tutta la grinta e la forza che e' in noi!
    Un abbraccio forteforteforte!
    Ps.la panna cotta e' favolosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marianna :-))))) Il tesoro però sei tu..Un bacio grande!!!

      Elimina
  15. Ti abbraccio anch'io Francy!

    RispondiElimina
  16. Ciao Francesca, complimenti per la tua collaborazione e i successi, solo quelli devi guardare, al diavolo le paturnie!;-)

    RispondiElimina
  17. leggerezza non significa necessariamente sottovalutare le cose.
    forse potresti cercare di prendere una direzione che ti consenta di restare pensierosa e dubitativa, ma anzichè volto al negativo, affacciandoti 8anche timidamente) agli aspetti meno tristi.
    un abbraccio.

    RispondiElimina
  18. Ciao Francesca, ma dove stavi nascosta con questo tuo bel blog dalle foto magnifiche? Mi ci e' voluto un tuo commento al blog di marcello per scoprirti. E scprire che come me scrivi su HC e, soprattutto, che come me sei Astigiana! Ben trovata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ale...ehehe, stavo nascosta nelle ridenti viuzze di Asti!!!^_^Comunque sei sicura che io e te non ci siamo già incontrate sui rispettivi blog? a me sembra di sì, ma forse mi confondo! Sei di Asti città anche tu? Un bacione

      Elimina

Posta un commento

Se mi leggete mi fate piacere, se mi lasciate un commento ancora di più...Se siete "Anonimi" firmatevi, grazie!!!