Riz au lait Comme un carrot cake

In un periodo in cui tutti propongono ricette di frittelle, frittelline, chiacchiere, tortelli e altri cibi carnevaleschi, io mi distinguo e propongo un etereo Riso e Latte. Non è questione di snobismo o che, ci mancherebbe: io adoro il riso e latte. E' il mio cibo coccola per eccellenza (frase forse già detta in occasione della preparazione del Porridge, è vero ma il concetto è simile: cibo coccoloso e morbido che fa tornare bambini), quello che-ma forse lo sapete già-mi preparo quasi tutti i giorni per pranzo: lo preparo alla sera, al mattino lo faccio riscaldare e lo conservo nel bento termico fino all'ora di pranzo. Una delizia, per quanto debba ammettere che preparato e gustato sul momento rende decisamente di più (ma bisogna fare di necessità virtù, dico bene? ).
Come per il porridge, anche per il Riz au lait esistono tantissimi modi di prepararlo: ricordo che mia nonna me lo preparava in versione salata, data la sua naturale propensione per i cibi saporiti. La versione più nota, però, è dolce: latte, zucchero, vaniglia e-naturalmente-riso (rigorosamente a grana piccola). Cotto per assorbimento, fino a quando il riso assorbe tutto il liquido e si trasforma in una cremina densa in cui, però, si distinguono ancora bene i chicchi. Sulla base potete giocare come preferite. Giusto per farvi sapere i miei affari :-) sappiate che il mio pranzo è una base di riso e latte semplice, cui aggiungo di volta in volta frutta secca, semini, spezie (la cannella è la morte sua) e completo con verdurine dolci tipo carote o zucca. Questo (quasi) tutti i giorni, ma per chi volesse qualcosa di più elaborato, eccoci al post odierno, con ricetta tratta da uno dei più bei libri di cucina che ho: questo, acquistato a Parigi. Sia chiaro: il Riz au lait potete farlo come volete , ma in questo libro si sprecano le idee. Si passa dalla versione classica, bianca come la neve, a quella cioccolatosa, virando su varianti fruttate e persino su alcune ideuzze "salate". ecco, proprio dalla sezione del libro chiamato "Les Potagers" ho tratto questa versione del riso e latte dolce e delicata ma, al tempo stesso, leggera e particolare. Riporto il titolo della ricetta "Comme un carrot cake, carottes, amandes quatre-épices". Non bisogna essere dei francofoni esperti per capire cos'è: un Riz au lait al sapore di torta di carota di cui, in effetti, riprende tutti gli ingredienti. Ci sono le carote, le mandorle, le spezie, l'arancia..Il tutto, però, mescolato alla base di riso e latte a creare una vera coccola. Il libro suggerisce di servirlo con un'insalata di arance e formaggio bianco, come se fosse un aperitivo. Io l'ho mangiato a pranzo, omettendo (quasi) del tutto lo zucchero ed aumentando un po' le dosi di riso, trattandosi di un pasto ( non abbondante, certo) e non di un o stuzzichino, nel mio caso. Vi riporto la ricetta come modificata da me ma con le dosi del libro(sinceramente non so quanto riso ho messo per me sola) tenendo presente che queste si riferiscono a un aperitivo per 8 persone: se siete da soli fatevi le vostre proporzioni, aumentando la quantità prevista per uno (sarebbero 15 gr di riso...pochissimo) se si tratta di un primo piatto e non solo di uno stuzzichino.
Ingredienti per per 8 piccolissime porzioni (ideali come brunch, aperitivo o colazione)

  • 120 gr di riso
  • 1 l di latte (per me di soia)
  • 1 cucchiaino di "quattro spezie" (un misto di cannella, zenzero, noce moscata e pepe)
  • 250 gr di carote
  • 100 gr di mandorle in polvere
  • zucchero di canna ( 100 gr secondo la ricetta, ma potete ometterlo o ridurlo se preferite una versione meno dolce)
  • scorza di arancia

Preparazione
Pelate e lavate le carote, quindi tagliatele a pezzi e fatelel cuocere per 15' fino a che saranno tenere (potete farle cuocere sia in acqua che in latte, così saranno più saporite e delicate). Lavate il riso sotto acqua fredda, quindi fatelo cuocere in acqua bollente per 3'. Scolatelo e mettetelo da parte. Versate lo zucchero di canna ( se lo usate) e le spezie in una casseruola dal fondo spesso e allungate con un po' di latte per diluire bene sia lìuno che le altre. Aggiungete il riso, le mandorle in polvere e il restante latte: portate a ebollizione e fate cuocere a fuoco basso per 40'. Spegnete. In una ciotola schiacciate le carote con la forchetta, quindi unitele al riso tiepido. Impiattate, guarnendo ogni porzione con scorza di arancia grattugiata e filetti di mandorle. Il libro prevede una guarnitura di zucchero "glace" (?) e succo di arancia, ma io l'ho omesso.
SCHEDA LIBRORiz au lait : Crémeux comme on l'aime, S.Monti, Petit Plats Marabout





Commenti

bianca ha detto…
che bello che buono *W*
e come sempre tu sei bravissima e fai delle foto STU-PEN-DE *___*!! Che brava che sei!
Un bacione cara <3
(e che invidia un librone sul riz au lait :p)
chiarina-ina ha detto…
Brava Francy che bella idea :) in questo periodo che le carrot cake vanno alla grande in rete tu hai scelto una versione decisamente originale!
Patrizia ha detto…
Questo riso per me è una vera novità e mi incuriosisce davvero tanto! Sono certa che è delizioso...Bravissima cara e bellissime foto come sempre...Un bacione!
rossella ha detto…
Interessante anche l'idea di un risolatte salato... Non ci avevo mai pensato. Questa tua versione qui mi piace puree assai! Belle cose, bella gente!!!! ;)
Bella ricetta! Bel blog e bellissime foto! Davvero interessanti!

A presto,
Iolanda

http://tentazionirresistibili.blogspot.com/

se ti va passa a trovarmi! Ciao!
Federica ha detto…
Anch'io adoro il riso al latte, tipeido o freddo è davero una gran bella coccola che profuma d'infanzia Originalissima questa versione carotosa e speziata, mi piace assai ^_^ Un baciotto, buona giornata

P.S. ti prego togli queste dannate paroline di verifica!!!!!!!!!
Patapata ha detto…
delizioso!! anche io adoro i dolci con il riso, ben speziati e profumati.. come questo!
marifra79 ha detto…
Bello e interessante, devo provarlo!! Un abbraccio !!!!!!!!!!!
donatella ha detto…
che buono, Frà, che buono! anche io amo il risolatte, anzi quasi lo venro! come per il porridge, certo che abbiamo proprio molti gusti in comune!
questa versione è proprio originale e stuzzicante! e anche il fatto di proporlo come apertivo, niente male davvero!!!
Francesca ha detto…
Grazie di cuore a tutte...sono stracontenta che vi piaccia!!!
Fede: quali paroline di verifica???? io non le ho attivate ...
Federica ha detto…
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
sara ha detto…
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
sara ha detto…
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
sara ha detto…
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
sara ha detto…
che buono Francy che dev'essere, dolce e profumato...non so se avrò il coraggio di farlo, perchè so già che non mi saprei trattenere e lo mangerei tutto senza cognizione!!
sara ha detto…
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Francesca ha detto…
Sara. ho dovuto eliminare un po' dei tuoi commenti perchè me ne ha pubblicati cinque tutti uguali!!!^_^ Per il riso: fallo...mica devi usare 120 gr per te sola eheheh..io, per me, credo di averne usati 50 gr scarsi e ti assicuro che è un bel piattone..Un bacio
sara ha detto…
Cavolo, scusami Francy, devo aver fatto un casino con i commenti, sorry! 50 gr non sono tanti, pensavo che per farne un piatto ne servissero almeno 80-100 gr; così è accettabile sia per la soddisfazione che per la linea. Allora la provo una di queste sere, grazie!
breakfast at lizzy's ha detto…
Non ho mai provato il riso&latte... anche se rientrerebbe decisamente nelle mie corde. Da provare assolutamente!
Il Mestolo di Legno ha detto…
Interessante combinazione. Devo provarlo! Io lo conoscevo semplice, con tanto burro e cannella, ma non con le carote. Bella idea!
kristel ha detto…
Davvero una genialata! E chissà che buono. Sicuramente é un bel piatto sano :D
Lilly ha detto…
Io sono cresciuta con il riso e latte, ma la tua versione carrot cake mi piace ancor di più.
pips ha detto…
particolarissimo! In effetti per via delle carote sembra più una versione salata, quindi per convincermi dovrei proprio assaggiarlo :))
Marina ha detto…
Molto interessante, mai pensato ad un riso-latte salato anche se poco... sai sorprenderci sempre con queste proposte diverse dal solito! Un bacio
Herbi ha detto…
francy è bellissimo ed elegantissimo!
il riz au lait l'ho assaggiato per la prima volta a casa di un'amica francese, che l'ha presentato come dolce e mi è piaciuto veramente tanto!
Francesca ha detto…
Un bacione grande a tutti e grazie di cuore!!!!
elenuccia ha detto…
Cavoli quanto mi piace il riso al latte...mi ricorda tanto quando ero piccola...le mie nonne me lo preparavano quando non volevo mangiare (bei tempi andati...). Strano ma una lo faceva sempre in versione dolce, l'altra invece salata e nessuna delle due ha mai provato a fare la versione dell'altra!
Personalmente preferisco la versione salata però quando ho letto "cannella" mi si sono drizzate le orecchie....non l'ho MAI provato con la cannella!
Le pellegrine Artusi ha detto…
Fantastica questa versione arricchita del riso al latte!!! proverò!
Ely ha detto…
Ho un vago ricordo del riso e latte che spesso mangiavo alla sera, mi ricordo un profumo e il colore candido.... Mi piace da morire la tua aggiunta e anche le altre versione che hai detto che prepari a mezzogiorno, mi sa che lo provo! Baci