Banana bread muffin

Ci sono delle cose con le quali, inevitabilmente, bisogna fare i conti. Una sono le blog manie, come dicevo già qua: i trip che partono da una blogger e che, subdolamente, contagiano le altre..roba che neanche la Cinese (intesa come influenza, non come giovane abitante della Cina) riuscirebbe. Ci siamo passate tutte e bisogna farsene una ragione. E' un po' come la moda dei pantacollant e delle spalline negli anni '90: chi non ha mai indossato la giacca con le "polette", quelle che facevano sembrare ogni essere femminile, anche il più esile, la figlia legittima di Schwarzennegger? Forse le lettrici più giovani no, ma chi negli anni 80'/'90 aveva circa quindici anni come me ha sperimentato sicuramente l'ebbrezza di avere due spalle da giocatore di rugby, roba che se ce la proponessero adesso tireremmo al commesso/a di turno una borsata in pancia.
Altra cosa, ben più seria e preoccupante, sono i fenomeni paranormali che si manifestano tra foodblogger: la lettura del pensiero in primis. Era già successo che più foodblogger pubblicassero quasi contemporaneamente la stessa ricetta e io stessa, credo anche se non ricordo quando, di esserne stata coinvolta. Questa volta, però, il fenomeno ha raggiunto livelli preoccupanti: nella stessa settimana più di una foodblogger, me compresa, si è cimentata con quello che è uno dei trip culinari più gettonati, il Banana Bread. In rete circolano tantissime ricette: questa e questa di due care amiche, questa della famosa Martha Steward, questa di Alex, questa vegana di Azabel e potrei continuare per ore. Io, posseduta dal demonio del Banana Bread domenica scorsa, mi sono cimentata con questa ricetta, in versione muffin però dato che non disponevo di uno stampo adatto alla bisogna. Tra l'altro ringrazio tutte le amiche di FB che hanno supportato e sopportato la mia avventura con questo brad che non ne voleva sapere di cuocersi: solo in seguito ho capito che, contenendo banane, lo stecchino non uscirà mai completamente asciutto e un po' di umidità ci sarà sempre. Comunque, all'interno erano perfettamente cotti e morbidissimi. Piccola nota: per dolcificarli, ho usato la Stevia , dolcificante a zero calorie e ricavato da una pianta, la Stevia Rebaudiana. Solo da pochi giorni è possibile trovarlo anche in Italia, messo in commercio da Misura, dato che fino a poco tempo fa era considerato illegale per il sospetto che alcuni suoi costituenti fossero cancerogeni. Quando FAO e OMS ne hanno sancito la sicurezza, anche l'UE ne ha autorizzato la vendita e adesso possiamo trovarlo in tutti i supermercati. Attenzione: ha un leggero retrogusto di liquerizia, anche se questa peculiarità non l'ho riscontrata dopo la cottura del dessert.
Ingredienti per 4 muffins *

  • 2 tazze di farina integrale
  • 1 cucchiaino di lievito in polvere
  • 1 pizzico di sale
  • 1/2 cucchiaino di cannella
  • 1/3 di tazza di latte vegetale
  • 1 cucchiaio di Stevia (o altro dolcificante)
  • 1cucchiaio + 1/2 di succo di limone
  • 1+ 2/3 di tazza di banana schiacciata

* dosi in "cup": io ho usato una tazzina da caffè abbastanza grande

Preparazione
Mescolate tutti gli ingredienti secchi in una terrina. In un'altra mescolate i liquidi e la banana schiacciata. Aggiungete gli ingredienti umidi (latte con succo di limone e banana ) a quelli secchi e mescolate senza esagerare. Versate il composto in quattro stampini individuali antiaderenti (i miei sono di silicone) e infornare a 180° per 30' circa (io li ho tenuti 40', ma secondo me dipende dal forno). fate la prova stecchino, che deve uscire abbastanza pulito, anche se rimarrà comunque un po' umidino. Togliete dal forno e fate raffreddare su una gratella.




Commenti

Federica ha detto…
Acciderbola alle dosi in cup! Ma sono così stregata dai dolci alle banane che potrei chiudere un occhio. Passo da te per la colazione :) Baciotti
Francesca ha detto…
Ma no Fede...basta farci l'occhio!!! ^_^ Un bacio
Valeria ha detto…
Adesso mi hai svelato che anche "chi ha rubato le crostate" e "cuochetta in punta di piedi" hanno fatto i cavoletti con le castagne, non lo sapevo! Questa cosa non può che confermare una volta di più la tua teoria! I tuoi muffin sono deliziosi, li ho fatti tante volte provando varie ricette anche usando l'applesauce al posto dell'olio ma così mai, mi piacciono moltissimo e li proverò di sicuro!
Valeria ha detto…
Concordo, poi diventa tutto più semplice! Ce ne sono di carinissime su etsy! :))
Francesca ha detto…
Ciao Vale!!!!!!!!!!!!!!!!! ehehehehe lettura del pensiero? metempsicosi?fenomeni paranormali? qua non ci facciamo mancare nulla!!! P.S ho provato anche io a scattare in raw anche se, come vedi, i risultati sono mooooooooolto lontani dai tuoi :-((
giuli ha detto…
Gli anni 80 e 90....se solo penso a come giravamo conciate: tra capigliature improbabili e abbigliamento esagerato. Oversize in tutti i sensi: a guardare le foto, sembravamo sostenute dagli appendiabiti che ci sono negli armadi.... :-)
Bello peró ripercorrere momenti cosí.....fondamentali del costume....
Insomma, meglio adesso, che ci si veste come si vuole e forse ci si guarda allo specchio prima di uscire di casa....é vero che a 13 anni poco si capisce del buon gusto....
I tuoi muffins appaiono fragranti....e li proveró presto!!!!
Bacioni!!
Valeria ha detto…
vedrai vedrai che con un po' di pratica e un po' d'occhio dopo un po' non vorrai mai più tornare indietro, e poi queste foto a me piacciono molto, calde e con un perfetto effetto (oddio come suona male!), beh dicevo, perfetto effetto colazione coccola :)
Francesca ha detto…
Grazie Valeria!!!!!!!!!!!!!^_^
Francesca ha detto…
eheheheh,mamma mia...e i Parka, strizzati in vita? i pantaloni a vita alta? brrrrrrrr
Memole ha detto…
Deliziosi!!!
sara ha detto…
Hai ragione Francy, ci sono dei veri e propri "tormentoni" sui blog, forse perchè una vede la ricetta su un blog, e le viene voglia di provarla.... Comunque ben vengano, specie se sono ricette deliziose come questa!!
marifra79 ha detto…
Non farmi ricordare quegli anni:-))) Mi viene da ridere al solo pensiero, la moda spesso è strana:-)) Questi muffins sono da provare!!! Un abbraccio Francesca cara!!!!
Francesca ha detto…
Grazie Saretta!!!
Francesca ha detto…
ehehe, in effetti noi siamo coetanee...e il frangione da gallo cedrone non l'hai mai avuto???^_^
pips ha detto…
Ehehe che combinazioni! Anche io vorrei davvero provare questo pane, sembra delizioso e per me sarebbe anche una sfida visto che le banane sono sempre un po' difficili da gestire. Intanto questi muffins non me li dimenticherò!
Marina ha detto…
Visti su fb ed ero in attesa di "conoscerli" dal vero :) belli e buoni!!!
Ti chiedo una cosa riguardo al dolcificante. Io non ho mai amato il dolcificante normale perché era sempre troppo dolce e lasciava in bocca una sgradevole sensazione di amaro... e poi è chimico. Questo mi par di capire è completamente naturale, sbaglio? Bacio tesoro :*
Francesca ha detto…
sì, completamente Marina...almeno dovrebbe: non so se Misura aggiunga altro, ma ti assicuro che non ha il sapore chimico". bacio bella!
breakfast at lizzy's ha detto…
Vero ne ho visti diversi in giro per il blog in questo periodo, che coincidenza! :)
Stra-buono anche il tuo!! mi avete fatto venire 'na voglia! ;)
...non mi sembra molto umido comunque...
baci innevati!
giulia ha detto…
Bhe', negli anno 90 ci sono nata, ma ho avuto la sfortuna di vedere mia madre portare le spalline, che trovo davvero ORRIBILI, ma forse perche' non vanno di moda, fino a pochi anni fa.
Mi e' capitato anche di pubblicare una ricetta in simultanea con un'altra blogger ^^ ma ormai si sa che ci leggiamo nel pensiero:))

Comunque, interessante questo dolcificante, qualche caloria in meno non fa mai male. E interessantissimi i muffin, io adoro la banana e mi sa che fanno proprio al caso mio;)))
Francesca ha detto…
Lizzy e Giulia: grazie!!!!!!!!!!!!!
ilgamebrorusso ha detto…
Anch'io c'ero... quando c'erano le spalline ;-) intendo! e in attesa che la 'bananite' colpisca anche me aspetto fiduciosa l'ispirazione!A presto Laura
Marina ha detto…
Merci!
donatella ha detto…
oddiooooooooo, le spalline noooo! stanotte avrò gli incubi...
ma lo sai che guardando le foto (e leggendo la ricetta), mi è proprio venuta voglia di farmi offrire un bel tè a casa tua con questi muffin??? belli davvero!
bianca ha detto…
ho visto ora (mentre guardavo se avevi risposto) che questo simpaticone non mi ha segnato il commento -.- volevo dirti che anche io l'avevo fatto! il problema del banana bread è che le banane sono grossine e quindi ne vengono sempre un po' di tortine :P io infatti quando li trovo a poco capita che prenda quelle nane (oppure magari smezzo la banana col coniglietto, Marlboro, ben felice di avere della frutta che per lui è come per noi un ferrero rocher :D )
Francesca ha detto…
Ehehehe, vedo che le spalline hanno avuto l'effetto sperato: orrore allo stato puro ^_^
Bianca: no, nessun commento :-(((( Il coniglietto si chiama Malboro?????ehehe, piccino!
la gelida anolina ha detto…
Non ho passato la fase delle spalline ma direi che si può paragonare a quella delle zeppe/vestiti imbarazzanti alla "Spice Girls" :P
Però a volte le mode sono belle...a me questa del banana bread piace proprio!!!
Alessia ha detto…
ma sai che mi ispira tantissimo questa ricetta e soprattutto che bello il servizio bianco e dorato..
laura ha detto…
Mi hai fatto venire voglia di rifare il banana bread, magari a forma di muffin e magari con la tua ricetta. Sembrano davvero buonissimi, sento quasi il profumo, che voglia...
bianca ha detto…
si marlboro perchè è color fumo :) (ed è iperattivo come dopo un'overdose di nicotina XD XD)
Herbi ha detto…
è la telepatia blogghica, un fenomeno sotto studio :)
belli i tuoi banana bread! bravissima.. ed è meraviglioso il modo in cui li hai immortalati!
Anonimo ha detto…
Che meraviglia di blog! ma come ho fatto a farmelo sfuggire? Per fortuna ho rimediato! :) Splendida ricetta, appena posso la provo!

Giada