Panna cotta agli amaretti e cacao

Giuro che questo è l'ultimo post in stile dark, perchè mi rendo conto che ultimamente questo blog sembra il sito di un'impresa di pompe funebri. Evvabè, vado a trip: ho avuto il momento del total white, e adesso quello del black. Come, tra l'altro, pure nei vestiti: anzi, là no, è il nero a farla da padrone con qualche piccola nota colorata (tipo la borsa dei Loonley Tunes che mi ha regalato il mio amore per Natale ). Approposito: avete già fatto un giro per saldi? no, lo chiedo perchè a me è venuta la depressione. Il fatto è che non sono portata alle spese folli e stare troppo in un negozio di abbigliamento mi provoca il voltastomaco. Fatemi stare tre ore in una libreria (togliendomi la carta di credito, però ) e va bene, ma in una boutique non più di mezz'oretta.
Anche perchè tappa come sono,trovare vestiti della mia lunghezza è sempre un'impresa ardua: o compro pantaloni corti (che, cioè, dovrebbero stare corti) o sembro Sbirulino direttamente. Questa volta, per evitare di spaccare lo specchio della Benetton a borsate, ho deciso che avrei rimandato e, alla fine, giusto perchè avevo veramente bisogno di un paio di pantaloni, ne ho comprato un paio in un negozio da teenagers (cosa che fa sempre bene allo spirito), da portare alla caviglia ( e a mè cascano pure un po' più in giù ma vabbè). Stop. I miei saldi sono finiti lì. Tanto tra poco è primavera: a cosa servono i vestiti invernali? Dopo qualche frivolezza veniamo a un post utile ;-) ovvero come smaltire le quintalate di cibo avanzato dalle recenti feste. No, perchè io tra Natale e Capodanno non ho mica cucinato granchè, sapete? ma sono riuscita lo stesso ad accumulare un bel po' di dolci, amaretti in primis, col risultato che sto studiando come farli fuori. Sì, perchè se i cioccolatini ed i biscottini dei vari cesti (nonchè una stecca di torrone Barbero da sbav ) so come "investirli" (cioè, nudi e crudi, uno al giorno e finiscono tiè), con gli amaretti è un po' più difficile, dato che non trattasi proprio di gallette da prima colazione. Quindi aspettatevi almeno due post con tema "amaretti". Iniziamo da una cosina facile facile, che non è nuova a questo blog: la panna cotta agli amaretti! Ne avevo già parlato qui e non ho fatto altro che replicare, con qualche piccola aggiunta: per non farci mancare nulla, oltre agli amaretti ho aggiunto anche cacao e un goccio di caffè.
Ingredienti per 4 persone

  • 250 ml di panna fresca
  • 250 ml di latte
  • 100 gr di amaretti secchi
  • 1 cucchiaio di cacao in polvere
  • 2 gr di agar agar
  • 1 cucchiaio di caffè

Preparazione
Nel mixer frullate gli amaretti col cacao fino a ridurli in polvere. Mettete a scaldare la panna col latte e il caffè, ma prima prelevatene due cucchiaini. Sciogliete l'agar agar nel liquido prelevato, quindi uniteli al composto sul fuoco, unite anche gli amaretti e portate a bollore. Fate bollire 30' (il tempo che serve all'agar agar per fare effetto) poi spegnete. Versate il tutto in coppette o in bicchierini e fate raffreddare per una notte in frigo. Servite freddi, guarnendo con amaretti o cacao in polvere.





Commenti

Federica ha detto…
A me questo stile dark piace un sacco. E pure il contenuto del vasetto :) Un baciotto
elenuccia ha detto…
Riuscissi io a fare una foto in stile dark...farei i salti di gioia!!!
Sinceramente io non ho problemi a far fuori gli amaretti, li adoro e li mangio anche nature, ma anche come accompagnamento a una bella cioccolata in tazza fanno la loro figura :)
Francesca ha detto…
Fede e Ele: grazie!!!!!!!! sono contenta che questo stile un po' "emo" :-) vi piaccia...un baciozzo!!!!!!!!
Le Temps des Cerises ha detto…
Ciao, sono capitata qui e trovo un blog bellissimo con delle foto stupende...e poi anche vegetariano? beh, non posso non seguirti!
a prestissimo
Camy
Francesca ha detto…
Camy: grazie di cuore!!!!!!!!!!!!!!! un abbraccio e benvenuta :-)
Simo ha detto…
che belle le pannine servite nei barattoli...mi piacciono da matti!
Un abbraccio.
Francy, mi piacerebbe tanto se partecipassi al mio primo contest...
arabafelice ha detto…
Bellissime le foto in stile dark, brava!!!
E sulla pannacotta che dire, se non...slurp :)
Francesca ha detto…
Simo: grazie!!!!!!!!!!! quanto al contest generalmente non partecipo, ma il tuo è molto "romantico" e se riesco a scovare la ricetta "d'altri tempi" stai sicura che partecipo!!!!
Araba: ^______^ grazieeeeeeeeeeee
meggY ha detto…
Ciao :) Sono arrivata fino a qui grazie a questa panncotta: fino a qualche mese fa non avevo mai voluto assaggiarla perchè proprio non mi ispirava a prima vista, poi chissà cos'è scattato nel mio cervello, è stato amore a prima vista ed è scattato nella top 5 dei miei desserts preferiti.L'ultima volta?Ieri sera ;) La tua versione agli amaretti mi stuzzica da morire, yummy!Complimenti per il tuo blog, è accogliente e ha una grafica rilassante e piacevole perciò da oggi ti seguo anch'io :) A presto ^^
meggY ha detto…
PS anche a me piace lo stile dark, lo trovo molto elegante!Per quanto riguarda i saldi invece ho deciso che quest'anno ho voglia di primavera quindi aspetterò gli acquisti frivoli e leggeri!
Francesca ha detto…
^_^ Grazie Meggy!!!!!!!!!!!
donatella ha detto…
lo stile dark? non è mai troppo.. MAI.. vabbè, ma il mio giudizio non conta.. a lavoro un signore mi ha chiesto se mi è morto qualcuno (lo giuro) e altri mille mi hanno dato della Morticia Adams..
saldi: poco e niente, giusto Zara Home e Coin Casa... ergo, niente abbigliamento, un bel pò di piatti e aggeggi vari!!!
ricetta: la panna cotta al caffè sì s sì sì... due cose che mi piacciono (una, il caffè, che venero) insieme, mm... con gli amaretti ho qualche difficoltà.. però, per te, sono pronta a riassaggiarli: manda giù a Roma un barattolino di queta meraviglia, và...
Saretta ha detto…
Ma com'è che io sono "alta" 1.65 e riescoa stare ore anche nei negozi di abbigliamento???!Non mi sembri tanto più bassa tu...è l'indole fors ediversa?!
Beh, ennesima bella pannacotta che bontà!
Francesca ha detto…
Donatella: ehehe, le accetti anche se tutte spatasciate a causa del viaggio???^_^
Saretta: vedi??? tu sei 5 cm più alta ^_^
carla ha detto…
buonaa!!!!
alessandra (raravis) ha detto…
a me, invece, i pantaloni arrivano alle caviglie, perchè più su non vanno. E' lo scoglio dei polpacci, il primo a cui si arrendono. Ergo, niente saldi per la sottoscritta, almeno finchè non smaltisco qualche decina di kg. E la primavera dietro l'angolo mi mette un'ansia che non ti dico.
Invece, a me 'sto stile emo piace- oltre tutto, è tremendamente à la page, adesso.
Sulla panna cotta agli amaretti, dovrei passare, ma tant'è son qui che sbavo e penso che anche a me han regalato un sacco di 'ste robe (che abbiano fatto qualche saldo, senza dircelo???)
Besos
ale
Acquolina ha detto…
per la statura non me ne parlare, devo sempre accorciarli, i pantaloni...
le foto sono bellissime!!! e il contenuto molto goloso :-P
Complimenti Francy per le ricette e per le fotografie...sullo stile dark non sarei così negativo...le onoranze funebri non sono così invitanti come il tuo blog.

Complimenti per questa delizia...proverò a riproporla.

Se ti va passa a trovarmi.

Paolo
donatella ha detto…
sì sì, spatasciate vanno bene, tanto le foto gliele hai fatte tu... io devo solo pappare!
Marina ha detto…
Questa te la copio di sicuro!!! Considerala già fatta: amaretti, caffè e cacao... cosa volere di più!
Francesca ha detto…
Ma quanto vi voglio bene????:)grazie,siete tutti deliziosi ma....Ale,diamo la colpa alla pasta degli speculoos;-)?un bacio e grazie ancora
cristina b. ha detto…
il tuo dark style mi piace assaissimo!! la panna cotta è un po' che non la faccio... urge rimediare con questa!!
bacioni
Anonimo ha detto…
lo sfondo scuro fa sempre il suo effetto, e poi tu l'hai addolcito con il tovagliolo ricamato !
anche a me lo stile un po' dark non dispiace per nulla, e poi mi sembra già di sentire il saporino di questa meraviglia di dolcini agli amaretti .... ! ultimamente è capitato anche a me di fare acquisti in negozi per teenager, e fa veramente bene allo spirito sapere che sarai pure trentenne ma quanto a fisico competi con una quattordicenne!
sempre tanti complimenti, cara Francesca! sissy
pips ha detto…
:D
Sto morendo dal ridere per:
a)quello che scrivi. Prima il black, poi i saldi... io ho comprato due maglioni perchè mi piacevano troppo e, freddolosa come sono, penso (e spero) di portarli ancora per un po'). Comunque anche i miei sono finiti lì.

b) tormentone. Agar. E se non torna che tormentone è? Mi sono accorta che forse il problema sta nel fatto che il mio è in fiocchi. Mah, mi dovrò documentare :))

Un bacio :*
Francesca ha detto…
Cristina e Sissiy: Grazie di cuore!
Pips: io uso quello in polvere....non so come si comporti quello in fiocchi :-((( Un bacio
herbivorsconfessions ha detto…
altro che saldi... per sbaglio ho accompagnato mia sorella a prendere un paio di stivali proprio il primo giorno di saldi e per pagare due cose (davvero, erano due! :) ) e mi sono ritrovata in fila per mezz'ora. io ho preso solo dei pantaloni per fare pilates, stop :)
ma veniamo a questa panna cotta... le immagini sono così belle che mi sembra di sentire il sapore e il profumo.. che brava Franci, sei sempre più ispirevole!
Francesca ha detto…
Troppo carina Herbivor!!!! ^_^ grazie!!!!
Patty ha detto…
Anche io uso il dark spesso. Non ho una bella macchina come la tua e la luce migliore mi cade proprio su una poltrona di pelle nera che mi fa da sfondo a molte foto...però il nero esalta il colori come il bianco, ed ha il pregio di sembrare estremamente elegante ed un tantino snob. Che te ne frega, le foto sono magnifiche ed gli amaretti mi fanno uscire di testa.
Sui saldi stendiamo un velo pietoso...ho comprato un paio di stivaletti pelosi e caldi di cui sono molto orgogliosa per averli pagati il giusto...per il resto basta...non ci sono più soldi! Ti abbraccio (passa di la alla mia festa!) Pat
Francesca ha detto…
Patty: il divano di pelle nera, addirittura?????ehehehe, qui deve tornare in ballo l'Ormochat, mi sa :-)) Quanto agli stivaletti credo di aver capito: ne ho un paio anche io e sono il massimo!!!!!!!!!!!!!!! un bacione
Isabeau ha detto…
il total black è chic!
ed è carinissima anche questa ricetta.

Complimenti!
Nus In Cucina ha detto…
mmm, buona questa ricetta, per la mia dolce metà che (da bravo piemontese) adora gli amaretti (specie nel bunet). La voglio provare.
Francesca ha detto…
grazie davvero!
Francesca ha detto…
prova, poi mi dici se è piaciuta!