Focaccia dolce senza uova

Al mattino Mariarosa
al mercato se ne va.
cose buone compra a iosa
bel pranzetto che farà:
antipasti, frutta e vini
e prodotti...
Chi non ricorda questa filastrocca (che in teoria continua ma ho deciso di non pubblicarla tutta per evitare che l'azienda mi citi...si sa mai )? era il carosello di una nota azienda produttrice di lieviti e prodotti per la panificazione, ed era riportato con tanto di illustrazioni su uno dei primi ricettari che sfogliai da bambina. Ricordo che l'amore per la cucina, i dolci in particolare, lo coltivai grazie alla nonna che, oltre a cucinare divinamente (una delle cose che racconto con più orgoglio è il fatto che mia nonna, con cui ho quasi vissuto fino ai quattordici anni, non mi ha mai fatto trovare due volte alla settimana lo stesso piatto: lei inventava, variava sempre e questo mi ha permesso sì di sviluppare preferenze e antipatie verso alcuni cibi, ma anche di sperimentare un po' di tutto) mi coinvolgeva nella preparazione dei cibi, non solo facendosi aiutare (ad esempio a impastare il salame dolce ) ma anche facendomi vedere i ricettari -pochi, dato che lei si affidava sempre di più alla fantasia - da cui traeva le varie ricette. E il ricettario in questione era uno di questi: poche ricette, ma di quelle che riuscivano sempre, foto molto naif e la parte che adoravo io, quella del racconto illustrato. Mi perdevo su quel libricino che, tra l'altro, conservo tutt'ora pur con le pagine parzialmente staccate e un po' macchiate. Mi piaceva leggere o farmi leggere le avventure di questa bambina bionda e paffuta che voleva fare una torta e, con santa pazienza, si procurava tutti gli ingredienti: latte, uova, zucchero e farina...poi dritta in cucina a preparare il dolce. Crescendo ho imparato ad apprezzare maggiormente la parte delle ricette: come dicevo prima, poche ricette ma di quelle destinate ad entrare nel cuore. Nel libricino che vedete in foto (perchè, sempre della stessa epoca, ne ho altri due sempre della stessa azienda: uno riporta sia dolci che sfizi salati, l'altro solo crostate e pizze) sono riportati i cavalli di battaglia di ogni casalinga d.o.c.: plum cake, torta di mele, ciambellone ...Tra tutte quelle che avrei potuto scegliere, ricordo che questa fu una delle prime con cui mi sono cimentata quando, alle medie, ho iniziato a cucinare per davvero (prima mi limitavo, facendomi aiutare dalle nonne, a mescolare qualche preparato in bustina..sì, anche io che aborro questo genere di cose...però ero piccola e più di tanto non potevo certo fare). A pensarci adesso, l'azienda de quo ha precorso i tempi: in un'epoca in cui ancora neanche si sapeva (ammesso che adesso la nostra cultura alimentare ed etica lo abbia percepito..piccola polemica) cosa significasse essere vegani, questa "Focaccia senza uova" lo è per metà, dato che già in partenza non contiene le uova. Il latte previsto è vaccino, ma se vogliamo fare una versione cruelty free basta sostituirlo con quello vegetale ed il gioco è fatto no? E comune, a dirla tutta, anche nella versione originaria è più sana di tanti altri dolci, pur appartenendo il ricettario da cui è tratta ad un'epoca in cui non si badava certo alla linea come adesso..A Voi la ricetta originale, con tutto il sapore dei ricordi.
Ingredienti (ricetta originale)

  • 200 gr di farina
  • 250 gr di zucchero (anche 180 gr sono sufficienti)
  • 100 gr di cacao
  • 1/4 di litro di latte
  • Cannella in polvere
  • Buccia d'arancia grattugiata
  • 1 bustina di lievito


Preparazione
Preriscaldate il forno a 180°.Setacciate la farina con il lievito. Mettetela in una terrina con gli altri ingredienti secchi, quindi unite il latte. Rivestite di carta da forno una tortiera (la mia era di circa 22 cm ), versate il composto e infornate a 180° per 30' circa. Controllate la cottura con uno stecchino. Spegnete, fate raffreddare, quindi servite.

Commenti

Cercavo proprio una ricetta come questa, devo fare una torta con la petronilla, e forse ho tutti gli ingredienti!
herbi ha detto…
mitica Franci, ma lo sai che quel ricettario l'ho trovato da poco a casa dei genitori di Fidanzato!? che nostalgia! e mica l'ho vista questa ricetta.. si vede che tu hai l'occhio più esperto e allenato del mio nel cercare le ricette MUST!
adesso mi segno anche questa.. chiaramente viene dopo il creme caramel, che attende paziente :)
bravissssssima!!
carla ha detto…
buona!!!!!!!!!!!
anche senza uovo non ha un aspetto gommoso!
pannifricius delicius ha detto…
Ciao golosa, leggera e sana... ottima soluzione
Julie ha detto…
Una vera goduria questa torta, soprattutto per me che adoro il cioccolato ^__^!
bianca ha detto…
buonisssima e sana ^^ la adoro!!!
elenuccia ha detto…
Ho trovato uno di quei libricini ad un mercatino della roba vecchia e me ne sono subito appropriata...e' troppo carino.
Scusa ma questa torta oltre a non avere uova non ha neanche grassi tipo burro/olio. Ma viene soffice? potrei proporla alla mia mamy che ha il colesterolo alto ma non vorrei che venisse "na sola" :))
saretta m. ha detto…
Ma sai che questa la faccio anche io e risale ad uno dei miei primi post ;)?! Mi piacciono molto le tue aggiunte aromatiche! E in versione "base" io la usa per fare da base alla ipercalorica torta moretta(almeno sulla base resto leggera ;)! E non sapevo che proveniva dal quadernino illustrato di Mariarosa :)! Baci e buon we!
Francesca ha detto…
Grazie a tutte!!!!!!!!!!!!!
@Ele: no, nè olio nè burro!!!! rimane morbida per due o tre giorni :-)
@Sary: vado a vedere!!!!!!!!!!!!!!! bacio.......
bianca ha detto…
a me rimane soffice anche 4 o 5 :) vai tranquilla!
Babs ha detto…
:))))) FRancyyyyyyyyyyyyyy!
mi piace!
I like!
Francesca ha detto…
Grazie Barbara!!!!!!!!!!!!!!!!
Valentina ha detto…
i0o ne faccio una simile ma con un pò di burro:resta soffice anche così?
Simo ha detto…
siii! che bei ricordi...
e che deliziosa focacciotta!!!
Buon fine settimana
Certo che me la ricordo quella bimba bionda! Buonissima la torta, me la copio!
Giada ha detto…
Ha un aspetto delizioso! Mi piace tantissimo!
Francesca ha detto…
Giada, Valentina, Babi, Simo: un bacio a tutte e grazie!!!!!!!!!!!!!!!!
donatella ha detto…
Mi piace, la voglio, la farò, lo giuro!!!
Benedetta Marchi ha detto…
Ance la mia mamma mi ha donato questo piccolo ricettario! :)Questa torta deve essere favolosa! complimenti mia cara!
Francesca ha detto…
^_^ poi la voglio vedere però! ^_^
Francesca ha detto…
Grazie Benedetta...^_^
Anonimo ha detto…
Ciao! ma questa è la stessa ricetta della torta "Bilbolbul" che avevo trovato tempo fa in rete, precisamente sul blog di VanigliaCooking e che avevo replicato all'istante!! La conosco è buonissima e poi è salutare! Possiamo mangiarne una bella fettona quindi;)
Vale
TataNora ha detto…
Ussignur!!!! quel libricino lo conosco bene... questa focaccia meno ma: MI PIAAAACE!
Francesca ha detto…
Certo Vale!!!!!!!!!!!!!!! ^_^
Francesca ha detto…
^_^ secondo me piacerebbe tanto anche al tuo cucciolotto!
Memole ha detto…
Ottima!!!
TataNora ha detto…
smack.... dal cucciolotto...
notedicucina ha detto…
Che buffo, senza saperlo ci siamo buttati anche noi sui tortini al cioccolato, proprio oggi :-). Questa, comunque, dev'essere una meraviglia!
sara ha detto…
Cavolo, che bella questa torta, semplice e soffice; poi ti è lievitata alla perfezione!! Me la segno da provare al più presto, con la dose ridotta di zucchero, e nessuna variante, perchè credo sia buonissima così, nella sua semplicità. Brava!
Francesca ha detto…
Grazie a tutti!!!!!!!!!!!!!!!!!^_^
Alessandra ha detto…
Che bello Francesca...che tenera...è proprio una torta fantastica,piena d'amore e di ricordi,e com'è alta!
Saretta ha detto…
Che ricordi!!!!
Combinazione è uguale ad una dlle mie torte "senza" :D
Lara ha detto…
Ciao! Io l'ho fatta ieri sera sostituendo al latte il succo d'arancia,
usando zucchero di canna ed eliminando la cannella che non amo nei dolci.
E' venuta un pò amara ma squisita per i miei gusti e me ne sono già
mangiata 4 fettine alla faccia della dieta :)Grazie della bella ricetta!
Cocorita ha detto…
Ciao Francy! avevo anche io il mitico libricino e questa era una delle mie torte favorite. Purtroppo è andato perso e con lui la ricetta.
E' stata una grande gioia ritrovarla qui da te!
Ovviamente mi sono subito cimentata, ma con la dose di latte indicata l'impasto era ancora marmoreo, quindi ho aggiunto ad occhio fino a raggiungere una constistenza cremosa.
La consistenza del tuo impasto come'è ? Sostenuta o cremosa ? Ancora non so se ho fatto bene ad aggiungere, la torta è in forno adesso....
Dipenderà dalla farina che ho usato ? Mah....Ti saprò dire
Ciao, Lisa