Torta di pere e cioccolato del Sig. Montersino

 
Premessa: il post è lunghetto, quindi prosegue anche dopo l'interruzione. Fatta la comunicazione di servizio veniamo a noi. Lo sapevo. Ho indugiato, studiato sul da farsi e alla fine ho deciso: avrei avuto la mia  prima volta con Luca Montersino. So che non siete maliziosetti, quindi sono sicura che avrete capito che mi sto riferendo a una ricetta di Luca Montersino, colui che ha fatto della "salute" il suo cavallo di battaglia.Il signore de quo, infatti, oltre ad un curriculum vitae non indifferente, è anche il fondatore della prima pasticceria salutistica in Italia ( ad Alba per la precisione), "Golosi di Salute", dove i fortunati avventori potranno gustare a cuor leggero ( e pure a portafoglio) una serie di delizie da far perdere la testa, tutte accomunate dal fatto di essere salutari ( vengono usati ingredienti di prima qualità, farine alternative quali kamut, farro e company, dolcificanti naturali e via dicendo) e adatte anche a chi ha problemi di intolleranze ( mi riferisco ai celiaci, a chi soffre di intolleranza ai latticini o non può mangiare saccarosio) e di dieta. Tra mille attività tra cui qualche comparsata televisiva, Montersino ha anche pubblicato alcuni libri che però, dopo averli sfogliati per innumerevoli volte e visto anche il prezzo, non ho mai acquistato. E' capitato, vuoi il caso. che in quel di maggio  andassi alla Fiera del Libro di Torino e cosa mi trovo tra le mani ( praticamente era finito da solo...giuro!)? Uno dei due nuovi libri di Montersino, praticamente un'estrazione economica dei precedenti volumi. Subito, incantata dalle foto, ho acquistato questo, dedicato a torte e biscotti.

Poi, è arrivato anche l'altro, che ha per protagonisti tiramisù e chantilly. Già nel viaggio di ritorno da Torino, però, sfogliando il mio nuovo acquisto, ho capito che qualcosa non andava: le foto splendide, i nomi delle ricette accattivanti ma....no, dico, che l'è l'inulina? o il hyfoama? cioè, io, per fare una tortina o due biscottini, dovrei mettermi a girare tutti i negozi di alimentari di Asti, con incursioni anche in farmacia, correndo il rischio di farmi ridere in faccia ( e già m'immagino la scena: "No, l'inulina non ce l'ho...va bene l'Aspirina?")? E poi, cosa me ne faccio io di un libro che ad occhio e croce riporta dosi per un ristorante, io che cucino per due, massimo tre persone? 500 gr di farina, 380 gr di burro, 270 gr di uova mi sembrava davvero troppo...Però le ricette sembravano davvero intriganti e ho pensato che, in fin dei conti, con qualche modifica avrei potuto farle anche io. Lascio stare ogni considerazione sul massiccio uso di burro (alla faccia della salute) e di uova ma, a parte questo, alcune idee sono strepitose e se qualcuno mi recapitasse a casa una di quelle tortine fresche e cioccolatose, beh, mi farebbe felice! Va bene, non meniamo troppo il can per l'aia: l'altro giorno mi sono messa di buona lena e, taccuino alla mano, ho deciso che avrei scelto le ricette del libro fattibili. Devo ammettere che alla fine della cernita non ne sono rimaste molto, ma considerando che da tempo stavo cercando una torta di pere e cioccolato, ecco, l'ho trovata. Nessun ingrediente "strano", niente latte nè burro, farina di riso, quindi adatta anche ai celiaci ( si sà mai...): fare! La preparazione è semplicissima; unica noia quella di tradurre in numero il peso delle uova ( cosa che fa troppo "alta pasticceria" ma vabbè..), ma dato che all'inizio del libro c'è una specie di tabella di conversione, è stato tutto abbastanza semplice. E il risultato è stato ottimo: ora, non mi vanto certo di una ricetta non mia, comunque io mi sono presa un bel 10 da mio padre che, notoriamente, Montersino pensa sia la mia professoressa di matematica delle medie. A voi la ricetta: ho dimezzato le dosi rispetto a quelle portate dal libro e, nonostante questo, ne è venuta fuori una torta di medie dimensioni+ tre muffins

Ingredienti
2 uova ( 120 gr circa)
1 tuorlo ( 20 gr circa)
150 gr zucchero
15 gr miele
150 gr farina di riso
30 gr cacao amaro
5 gr lievito per dolci
40 ml olio evo
1 pizzico sale
2 pere

Preparazione
Montate le uova intere e  il tuorlo con lo zucchero, il miele e un pizzico di sale. Ottenuto un composto bianco e spumoso unite ( continuando a montare col frullino o la planetaria) la farina setacciata col lievito e il cacao, versando a filo l'olio. Unite le pere tagliate a cubetti. Versate il composto in una tortiera rivestita di carta da forno e infornate a 180' per 35' minuti circa ( Montersino per una torta di dimensioni doppie consigliava 25': è davvero poco!!!!), quando la prova stecchino sarà positiva ( lo stecchino deve uscire pulito).
Estraete dal forno, fare raffreddare e servite.

SCHEDA LIBRO: Golosi di salute ,Luca Montersino, Ed. Rizzoli

Commenti

CarlottaD ha detto…
Caspita Fra, da proprio l'idea del goloso questa torta!
ps: avevi ragione tu, quella fetta il povero Dany doveva mangiarla :-))
Francesca ha detto…
Grazie Carlotta!!!!!!!!!!!!!!!!!!!^_^
pips ha detto…
pere e cioccolato è una roba insuperabile...
Francesca ha detto…
Vero Pips!
Palepinkradish ha detto…
l'unione perfetta ..su pere e ciocc si dovrebbe pasticciare molto di più. E' proprio deliziosa questa torta e la foto mi piace molto. Brava Francy! Buona domenica , Ste
Francesca ha detto…
Grazie anche a te Ste!!!!!!!!!!
garlutti ha detto…
Ciao da SPAIN VIGO ... dopo una lunga vacanza .. torno al mio blog e il punto di vista ... quello che mi piace questa cucina ... e le vostre ricette ... messaggio divertente. TE SIGO e vi invitano a condividere il mio blog ... bssssMARIMI
Simo ha detto…
No, guarda....non resisto...
ElenaSole ha detto…
Eh questa la provo, voglio pur io sfidare Montersino!
^^
Francesca ha detto…
Garlutti: ^_^
Simo: ahahah, alla Sordi "m'hai provocato, mò te magno"?
Elena: dai dai!!!
Patrizia ha detto…
Ho visto il piatto vuoto tesoro, perciò non ho dubbi di quanto sia buona questa torta!!! Anche io ho questo bellissimo libro pieno di cose squisite...un bacione e buona serata!!
Francesca ha detto…
Grazie Patty, sei sempre dolcissima!
๓คקเ ☆ ha detto…
E' vero Francy, ci sono ricette strepitose a guardarle, magari anche facili da fare, ma quando scorri la lista degli ingredienti ti cascano le braccia: maltitolo, mastice di Chio, lastre di pesce essiccato e fogli di brik sono alcuni degli ingredienti strani (e costosi) in cui mi sono imbattuta. Occorre fare una cernita, ma alla fine ce la si fa e... che meraviglie escono fuori dai nostri forni!!! :-9
Un bacione!
Mariabianca ha detto…
Montersino è una garanzia,bella ricetta.
Se vuoi venirmi a trovare mi farà piacere.
marifra79 ha detto…
Qua ci prendi tutti per la gola!! E chi resiste a pere e cioccolato???? Io no! Un abbraccio
Francesca ha detto…
Mapi: le lastre di pesce me le sono persa....Un bacione
Mariagrazie: grazie!
Marifra: un abbraccio a te!!!!!!!!!!!!
Montersino è un genio!!! Bellissima torta!
Francesca ha detto…
Grzie Monica!!!!
arabafelice ha detto…
MOntersino lo adoro, e tu hai replicato questo dolce alla grande!
Francesca ha detto…
Che cara che sei Araba!!!!
Perfetta, per iniziare la settimana in dolcezza :-)
Francesca ha detto…
Grazie Stella!
elenuccia ha detto…
Mi fido del 10 del papy....i papà non sbagliano mai sulle torte :)
Francesca ha detto…
e il mio è pure esigente!!!
Ombretta ha detto…
e' il connubio perfetto pere e cioccolato! BUONO!!!!!
Federica ha detto…
Anch'io adoro Montersino e sono rimasta affascinata dai sui libri anche se le dosi sono da reggimento e tante ricette, oltre che un po' cariche, hanno ingredienti praticamente introvabili. Questa l'ho fatta anch'io e confermo che è squisita anche se al solito, la seconda volta ci ho messo lo zampino. Un bacione, buona settimana
Francesca ha detto…
Grazie Fede!!! corro a vedere lo zampino^_^
virgikelian ha detto…
Mi piace Montersino ed anche le sue ricette...!!! Questa torta deve essere deliziosa. Brava Francy !!!!
Francesca ha detto…
Grazie Virginia!!!!
laura ha detto…
io ho davvero una cotta per il Luca, mi ha insegnato tantissime cose nelle sue puntate di "peccati di gola" e le sue ricette riescono sempre. Infatti la tua torta sembra una delizia
Francesca ha detto…
Grazie Laura!!
Anonimo ha detto…
Sinceramente non capisco tutte questa fatica nel misurare le uova in grammi invece che a pezzo...non è difficile mettere le uova sgusciate sul piatto della bilancia e pesarle come si fa per qualsiasi altro ingrediente. Il burro poi è sicuramente più sano della margarina (sì, ancora c'é gente che si ostina ad usare la margarina) per quanto riguarda la quantità abbondante specifica spesso che simo prodotti si possono congelare, e in che modo. Molto più comodo avere delle basi già pronte all'uso, piuttosto che impazzire per fare all'ultimo la frolla per non so, 200 pasticcini ti pare ;-) ?
Francesca ha detto…
Caro/a Anonimo (un nome?), non capisco se il Suo commento è polemico o no, comunque io, che non sono una pasticcera provetta, non mi sono trovata molto a mio agio con la grammatura delle uova e per le dosi massicce, dato che a casa mia 200 pasticcini non li farò mai..Comunque, detto questo, il mio post non voleva assolutamente essere offensivo e, anzi, stimo molto il Maestro Montersino per la fantasia e la bontà dei suoi prodotti, sani e davvero adatti a tutti. Infatti, la torta qua sopra, ha riscosso un successo enorme e se per caso ho offeso qualcuno, col mio post, chiedo scusa...