Madeleines al miele e limone per una persona speciale


Ci sono dei sapori che associamo subito all'infanzia. Io, a ben pensarci, ne ho diversi, di cibi che mi fanno tornare a quando ero bambina, peccato che molti di essi non esistano più: ad esempio, se penso alla montagna mi vengono in mente gli strudelini della Pavesi all'arancia o ai fichi, se penso alla campagna e ai pic nic ecco il cioccolato da tagliare a fette della Novi...Che poi non sono dolci che mangiavo tanto spesso, eh ( mia nonna era del partito pane olio e aceto o pane e marmellata con, una tantum, qualche prodotto confezionato), ma per qualche strana ragione li associo a quei luoghi che ho appena descritto. Forse perchè gli strudelini erano il mio snack sull'autogrill pavesi mentre andavo a sciare a Prato Nevoso con papà, nonna e zia, mentre il cioccolato da tagliare era la conclusione delle merendine sul prato nella nostra "magione" di campagna ( trattasi di un pezzetto di terra minuscolo già appartenete ai miei nonni, con un casotto per gli attrezzi ed una tettoia...stop, tutto qui!).Se penso alla merenda e ai the pomeridiani, invece, mi sembra di sentire in bocca il sapore burroso di certi dolcetti che non credo nemmeno esistano più: avevano l'uvetta, la forma a "barchetta" ed erano vendute in anonime confezioni trasparenti. A pensarci adesso, con un po' di esperienza culinaria acquisita, penso proprio fossero le "Madeleines". Non impazzivo, ma chissà perchè il loro ricordo è proprio molto vivo. Senza i soliti rimandi, credo che però Proust avrebbe qualcosa da dire in proposito....Comunque, credo che quello delle Madeleines sia proprio un must : il Dany ne va matto tanto che qui ne ho già  proposte alcune varianti, più o meno ortodosse. Queste qua, invece, sono tratte da uno degli ultimi acquisti ( tzeeee...avevo detto "mai più libri di cucina fino a...."???), un libro delizioso della Chovancova, pieno zeppo di ricettine biscottose. L'esecuzione è semplicissima, ma la cosa importante è fare riposare l'impasto in frigo per qualche oretta, così che lo choc termico provochi la formazione della tipica gobbetta. E dato che, pare, i gobbi portino bene...beh, le dedico al mio amore...e lui sa perchè!
Ingredienti per una trentina di Madeleines piccole
2 uova
100 gr di farina
75 gr di burro
50 gr di miele ( io ho fatto 25 gr di miele e 25 gr di malto )
50 gr di zucchero
1 cucchiaino di lievito per dolci
succo e scorza di 1/2 limone

Preparazione
Fate sciogliere il miele e il burro a bagnomaria. In una terrina sbattete le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso, quindi unitevi il burro col miele, la farina setacciata col lievito , la scorza e il succo di limone. Mescolate bene. Imburrate degli stampini da madeleines ( io non li ho imburrati perchè erano di silicone ) e versatevi il composto. Mettete gli stampi in frigorifero per una o due orette.  Preriscaldate il forno a 180°. Trascorso il tempo necessario infornate lo stampo e fate cuocere per 8-10 minuti a seconda delle dimensioni dello stampo ( per me assolutamente otto, non uno di più!). Spegnete e sfornate i biscotti.

SCHEDA LIBROBiscotti (Piccole golosità) , Ilona Chovancova, Bibl. Culinaria.


Commenti

Valentina ha detto…
Ciao Francy! Che coincidenza, proprio ieri a tavola si parlava della favolosa cioccolata a fette, di come erano buoni quei panini portati al mare fatti di pane e cioccolata.... :))
Ottime le tue madeleines... :)
Francesca ha detto…
^_____^ grazie Vale!
๓คקเ ☆ ha detto…
Uuuuuh, gli strudelini!!! Che ricordi mi hai fatto tornare in mente!!! Io adoravo quelli ai fichi e una volta che ero particolarmente giù di corda - non ricordo nemmeno perché - mia mamma è andata a comperarmeli e un pomeriggio mi ha coccolata preparandomi una bella tazza di the profumato, accompagnata dagli strudelini ai fichi! :-9
Francesca ha detto…
e io ne ricordo anche altri, sempre pavesi mi pare. avevano la superficie lucida e leggermente glassata e il ripieno all'arancia....che ricordi Mapi!
ma che buone!! Sto cercando disperatamente lo stampo (non in silicone)... prima o poi le proverò!
marifra79 ha detto…
Gli unici ricordi che ho della mia infanzia invece sono i biscotti di mia madre che preparava a Natale.. usava l'arancia, il cocco... aahhh quanti bei ricordi! Adoro le madeleines!!! Un abbraccio
Taty ha detto…
buone!!!!! bravissima!!!
Taty ha detto…
buone!!!!! bravissima!!!
Francesca ha detto…
Monica: grazie!!!!!!!!!!!!!!!
Marifra: Un bacione cara
Taty: grazie!!!!!!!!
SONIA ha detto…
Ho il tuo stesso ricordo per quanto riguarda le barchette incartate, col senno di poi ho capito che erano madeleine giganti ;) le tue son deliziose!
Buona giornata
Francesca ha detto…
Allora non ho preso un abbaglio Sonia...le ricordi anche tu!!!! Bacione
Simo ha detto…
ma che pensiero dolcissimo...in tutti i sensi!
ne posso prendere una?
baci!
Francesca ha detto…
^_____________^ anche tutte Simo!!! :-) però le devo rifare ..
Stefania ha detto…
Bellissimo post ! ciao
Francesca ha detto…
grazie Stefania!
Simo ha detto…
urca arrivo tardi, eheheheh!!!
Francesca ha detto…
purtroppo sì....ti avviso la prossima volta!!^_^
Letiziando ha detto…
Ancora mai fatte certo che vedendo le tue la voglia sale eccome :)

Buona giornata
Francesca ha detto…
Grazie Letiziando!!!!
CarlottaD ha detto…
Gli strudelini con i fichi...miticiii!!!
Ma sai che domenica ci stavo giusto pensando a rifarli?
Belle le tue madeleine. sai che ho un libretto nuovo tutto di ricette di madeleine? :D
Francesca ha detto…
Vade retro Carlotta :-)))) oggi ho già dato ^_^
carla ha detto…
sentimentalona!!!
bravissima!!
pips ha detto…
mea culpa, grave, gravissima mancanza: mai fatte le madeleines! AAA cercasi stampo, niente madeleines senza :) Ok, adesso parlo italiano: sono bellissime e chissà che profumo!
viola ha detto…
anch'io ho in mente gli strudelini ai fichi! Quanto mi piacevano !!! Ma anche le madeleines erano tra le mie preferite, e ancora adesso!
Deliziose! anche aromatizzate come queste :D
Un bacione
Claudia ha detto…
Ma lo sai che quest'estate sono andata in Francia e mi sono dimenticata di assaggiare le madeleines?! Accidenti, dovrò tornarci! ;-) intanto però potrei assaggiare questa tua versione che sembra davvero squisita!
a Prato Nevoso ho imparato a sciare! Le tue Madeleines hanno scatenato anche i miei ricordi :-)
laura ha detto…
io mi ricordo solo le Madeleines con l'uvetta, niente strudelini ne' cioccolato per me... Miele e limone è un'abbinamento che mi piace proprio!
Francesca ha detto…
-Carla: ^________^
-Pips: il mio è di silicone...comodissimo!!!!!
-Viola: un bacione!!!
-Claudia: io anche...niente Madeleines a Parigi :-(
-Stella: ma daiiiiiiiiiiii...anche io ho imparato lì!!! sai quante volte ho preso lo skylift blu, e quello arancione...e quello rosa, il mio preferito!!!!!!!!!!!!!!!magari ci siamo anche viste :-))))
-Laura: grazie!!!!!!!!!!!!
CarlottaD ha detto…
Come trovi il libro? Ah, spetta il prossimo che ti dirò :))))
Francesca ha detto…
é belloooooooo!!! sono rimasta incantata dalle Financieres caramellate....però, e te lo chiede il mio conto in banca, non suggerirmi più nulla :-))