Yogurt fai da te e Ciao-ricordi


 Questa è una storia un po' lunga,ma voglio condividerla con voi. Qualche anno fa ( era il 2006 esattamente ), cercando sul web la descrizione di un prodotto ( un gelato, forse ), m'imbattei per caso in Ciao.it, un sito di opinioni ove gente comunissima ma "celata" da un nickname - io ero gwiny - scrive recensioni di prodotti commerciali ma non solo: si spazia dagli alimentari ai prodotti elettronici, passando per la cura della persona fino ai viaggi. Il bello di tutto ciò? a parte che si conoscono persone favolose ( come il mio amico Lele ), l'intento sarebbe utilitaristico, nel senso che con le proprie opinioni, valutate poi dagli altri utenti con Utile, Molto Utile, Eccellente, Poco Utile, Inutile, si mira ad essere di una certa utilità per i consumatori che decideranno di acquistare questo o quel prodotto. Al di là dell'aspetto meramente "produttivo" c'è, come già detto, quello umano e sociale: ho conosciuto tanti amici, alcuni li ho anche incontrati, altri mi seguono qui e su FB...insomma, è stato il mio primo approccio con l'aspetto umano del web. E che c'entra lo yogurt? beh, io ero soprannominata Miss Yogurt, data la mia passione per questo alimento e le mie recensioni erano prevalentemente "yogurtare". Adesso, a pensare a quanta cura mettevo nel recensire uno yogurt, partendo dalla prova olfattiva e visiva e per concludere con quella gustativa , la descrizione minuziosa del colore, del sapore, dell'odore, la famosa prova cucchiaino ( in pratica serve per tastare la compattezza dello yogurt: se sta in piedi è ok ), beh...un po' mi viene da ridere, ma all'epoca era diventato un bell'impegno riuscire a stare dietro a tutti i nuovi yogurt lanciati sul mercato, provarli, tastarli, scrivere l'opinione ( che non era di due righe ma più lunga di un mio normale post). Beh, tutto ciò mi è valso il titolo di Miss Yogurt e, a quanto mi risulta, ancora mi appartiene :-) Anche perchè trovateme un'altra ( no...un'altra c'era...vero Laura/Fatina? ^-^ ) che abbia avuto il coraggio di assaggiare lo yogurt alla mora e barbabietola della Y..o e di trovarlo anche buono!!!! Tutto ciò per dirvi quanto io AMI questo latticino. Lo amo così tanto che quando ho visto il nuovo libro della Guido Tommasi Editore dedicato a Lui, beh...poteva restare il libreria???? nonostante la mia promessa del non compro più libri per il resto della mia vita ( anzi, per i prossimi 30 mesi n.d.r. ) sono capitolata ben presto e ho scoperto un mondo...Come farlo da sè, ad esempio. Ecco, una precisazione doverosa. Per me lo yogurt è da sempre quello comprato al supermercato: mi piacciono i sapori nuovi, i gusti fruttati e lo yogurt, un po' come il gelato, mi piace trovarmelo già pronto. Cosa c'è di più bello che stazionare mezz'oretta davanti al banco frigo del supermercato alla ricerca dello yogurt ideale??? se pensate che io giudico un supermercato in base alla varietà del banco frigo.....E poi ho ancora fresco il ricordo di mia zia alle prese con i fermenti lattici dall'aspetto vagamente ( e neppure troppo vagamente) vermoso e da cui usciva un prodotto troppo acido per i miei gusti ( a me piace lo yogurt dolce dolce dolce!!!!) e che si moltiplicava a dismisura...insomma, avevo fatto un pensierino alla yogurtiera, ma è stato presto archiviato a favore degli yogurt confezionati. Poi, complice il libro e il post di Chiara, ho voluto provare, dato che entrambi lo descrivevano come un procedimento semplicissimo. 

In effetti.........Se la Chia aveva optato per il metodo del forno, io ho scelto quello della pentola a pressione, che secondo me è davvero il più elementare. Niente paura: non dovete farli cuocere nella pentola come un minestrone. La pentola serve solo a creare una sorta di "incubatrice" in cui far fermentare gli yogurt! Il procedimento è semplicissimo ed il risultato mi è piaciuto tanto: yogurt abbastanza compatti ( mi sono dimenticata la prova cucchiaino!), fin troppo considerando che ho usato yogurt e latte scremati! Se li volete più densi usateli interi. Ah, il libro consigliava di aggiungere una puntina di latte in polvere. Dato che io non ho mocciosi in casa e sono abbastanza cresciutella, non ce l'avevo in casa , ma ho ripiegato su una puntina di agar agar dato che il latte in polvere servirebbe solo ad addensare lo yogurt. Sinceramente non so se è servito o no, comunque come vi ho detto erano abbastanza compatti. E non troppo acidi, evviva. Io ho giocato sul classico: alcuni bianchi, altri alla vaniglia ( mettendo in infusione un baccello nel latte), e uno solo - quello che vedete in foto- aromatizzato al miele e cadarmomo. Il libro propone varie idee, tutte strepitose: non solo dolci, pensate!!!!!!!!!!!! Prima o poi voglio provarle tutte....Intanto partiamo con l'abc.


Ingredienti per 4 vasetti da 125 ml circa
400 gr di latte
1/2 vasetto do yogurt bianco
1 punta di cucchiaino agar agar

Preparazione
Per prima cosa mettete 500 ml di acqua nella pentola a pressione; chiudetela con la valvola e portate a ebollizione. Quando inizierà a fischiare spegnete. Portate il latte a 45° ( fatelo bollire, poi lasciatelo raffreddare e quando immergerete un dito dovrete sentire solo tiepido). Mettete lo yogurt in una caraffa a beccuccio, unite il latte tiepido e mescolate bene. Se usate l'agar agar unite anche quello. Versate la preparazione nei vasetti di vetro. Aprite la pentola a pressione, togliete l'acqua e mettete subito dentro i vasetti. Richiudete la pentola con la propria valvola e lasciate riposare per tutta la notte ( o otto ore circa). Trascorso il tempo aprite il "forno" creato, togliete gli yogurt che si saranno ben compattati, chiudeteli con i loro coperchi e mettete in frigo pe almeno 3 ore prima di mangiarli

.

Commenti

Laura (fatina) ha detto…
Francy!!!ESIGO QUESTO LIBRO ahahahah!
beh ai tempi di ciao ne abbiamo provati di yogurt eh!? immagino che ora le case produttrici abbiamo risentito non poco della nostra assenza! Questa della pentola a pressione mi pare parecchio interessante!! ma vorrei proprio questo libro...soprattutto se mi parli di aromatizzazioni...cosa che con una yogurtiera classica è impossibile da fare!! mooolto interessante...proverò...proverò... un abbraccione cara la mia miss yogurt!!! :-))
Francesca ha detto…
ahahaha, grazie Laura!!!!!!!!!!!!!! sì, secondo me Yomo e co saranno non poco in crisi, a causa della nostra dipartita da Ciao.it...il libro? certo che DEVI averlo...ci sono cosucce interessantissimissime....Un bacio bella!!!!!
Tabita ha detto…
La prima foto è semplicemente DIVINA!!! P.S. credo di essere stata la terza (e probabilmente ultima) persona ad aver assaggiato gli Yomo alle verdure, ma la mia grandissima passione ai tempi di scuole elementari e medie ormai (!!) erano gli yomo più&più, come mi piacevano! Buona domenica carissima!
Francesca ha detto…
Tabiiiiiiiii...eheheh, sì forse eravamo noi tre ( quello alla zucca era il mio preferito)...non parlarmi dei Più&Più: diviniiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii...quelli "prima colazione" coi biscottini da buttare dentro...ehehehe Un bacio!
elenuccia ha detto…
Sai che anche io adoro lo yogurt, non potrei mai sopravvivere senza uno yogurt a colazione. Io invece non amo quelli del super perchè non si capisce mai bene cosa ci sia dentro e poi mi piace bianco. Quindi sono anni che me lo faccio in casa con i metodo del forno però agar agar non avevo pensato....sai che è una furbata pazzesca? la prossima "yogurtata" voglio assolutamente provare!!!
Francesca ha detto…
ehehe Elenuccia....ho pensato che se serve un addensante l'agar agar è il migliore!!!! magari mi sono sbagliata, ma ti assicuro che sono risultati belli cremosi...
P.S. la versione alla vaniglia è la migliore!!!
Simo ha detto…
Che foto meravigliose...e che buono lo yogurth!
Io però da buona pigrona...ehm..lo compro già fatto...si lo so sono imperdonabile...
Un abbraccione
pips ha detto…
si vede che questo yogurt ti piace proprio tanto! un po' mi viene da sorridere a pensarti con una miriade di tipi di yogurt diversi nel carrello :) comunque, anche a me questo latticino piace moltissimo, e non solo nei dolci (che è dove mi dà più problemi per la consistenza) ma anche nei cibi salati. non l'ho mai fatto a casa, ma mi piacerebbe molto!
viola ha detto…
favolosi veramente! piace tanto anche a me ma purtroppo devo limitarmi nel consumo :(
In quanto all'agar agar, perchè possa addensare è indispensabile farlo bollire in un pò di liquido per circa tre minuti...Te lo dico per esperienza diretta :D
Un bacione
Francesca ha detto…
Simo: grazie!!!!!!!!!!!!!!
Pips: ehehehe, oltre che tanti yogurt nel carrello tante ore di attesa per il mio fidanzato...io imbalsamata davanti al banco frigo e lui annoiato !
Viola: sì, lo metto quando il liquido è ancora molto caldo...cmq secondo me si può fare anche senza...un bacio!!!!!!!
(m)E-Food ha detto…
io adoro lo yogurt!!! e mi piace anche farlo a casa:-) ma non troppo spesso, preferisco averlo già pronto. Buona serata, Dessi
Francesca ha detto…
Grazie Dessi ^_^
Anonimo ha detto…
Ciao Francesca, mi piacciono molto le tue ricettine e anche le tue foto..volevo chiederti se sai se lo yougurt viene lo stesso con latte di soia al posto del latte di mucca. ti ringrazio e continua così..:) angela
Francesca ha detto…
Grazie Angela! certo, non solo viene ugualmente bene ma, oserei dire, anche meglio!!!!! viene più budinoso sai? io uso latte di soia Provamel e yogurt sojasun...fammi poi sapere!