Di brownies, allagamenti e rivincite

Capisco che con la temperatura di questi giorni il cioccolato ( a meno che non sia sotto forma di gelato o di frappè ) non sia proprio il massimo; soprattutto meglio dar fondo alle score di praline, tavolette, biscottini ricoperti che abbiamo in casa prima di ritrovarli allo stato liquido. Eppure qualcosa dovevo pur inventarmi per trascorrere il sabato mattina, giorno della settimana che per una serie di motivi proprio non riesce a piacermi. L'idea di provare a fare i Brownies, tipici dolcetti americani nemici del girovita, mi frullava in testa già da un po', ma dopo una serie di tentativi finiti nella pattumiera dopo essersi carbonizzati ( e sono sicura che la ricetta funzionava....però io ho po deciso di modificarla a mio modo), avevo desistito. E anche questa volta ho avuto paura che la faccenda avesse lo stesso, tragico epilogo.
Questo perchè io mi faccio ingannare dalla apparenze: se una cosa mi sembra brutta mi deprimo e non vado più a fondo per scoprire se invece qualcosa di buono c'è. E i brownies sfornati beh....sembravano proprio sfigatelli. La colpa è stata, ancora una volta mia, che ho avuto la brillante idea di fabbricarmi una teglia su misura. Forse la Paint your life mania mi ha preso un po' la mano e così, forbici e graffette alla mano, ho cercato di ricavare da una teglia usa e getta di alluminio un po' troppo grande, una teglietta delle dimensioni giuste per accogliere una minima dose di impasto. E dire che ero tutta soddisfatta di me...L'impasto è cotto, sembrava anche bello, con la superficie tutta screpolata come nei libri. Poi, al momento di sfornare il tutto mi è venuta la brillante idea di immergere lo stampo in acqua fredda dato che avevo letto da qualche parte che questa fase serve a fare in modo che i brownies rimangano croccantini in superficie e morbidi all'interno. Letto, fatto. E la mia teglietta è rimasta a mollo per mezz'ora mentre io gozzovigliavo allegramente sul web, ignara della tragedia che si stava consumando nell'altra stanza. Solo al momento di mettere i miei dolcetti di cui andavo tanto orgoglioNA su un vassoio ho realizzato che l'acqua era, giustamente, entrata dentro la teglia, dato che questa era stata tagliata per ricavarne una più piccola. L'acqua, bastarda, era entrata dalle fessurine e aveva inzuppato ben bene il mio brownie che, ora, era diventato tipo un Pan di Spagna imbevuto di liquore, pronto per diventare la base di una torta di compleanno. Sconsolata ho scaraventato il tutto su un canovaccio e l'ho messo via, indecisa se buttarlo subito o aspettare mezza giornata...e poi, a dire il vero, non mi sembravano neanche più tanto belli come prima: non erano gonfi come quelli delle foto, la superficie non era regolare....insomma: ennesima vittoria del brownie su di me e morale sotto terra. Fortuna vuole, però, che prima di lanciare tutto nella pattumiera abbia avuto la genialata ( ehh sì, ogni tanto qualche cosa furba la penso anche io ) di assaggiarne un mini pezzettino, giusto per capire se potevo recuperare l'aborto in qualche modo. Il paradiso, dico solo questo. Avete presente il sapore intenso e vellutato di una mousse al cioccolato? uguale, solo che allo stato solido. E, badate bene, non secco ma neppure soffice: umidino, cedevole, voluttuoso. Non so se sia merito dell'acqua che è entrata nella mia magica teglietta, fatto è che il risultato è stato sensazionale. Secondo voi, a Dany sono piaciuti? ^_^ Ovviamente non glieli ho fatti mangiare così, nudi e crudi ( anzi, sì, un pacchettino con brownies nature gliel'ho fatto, da portare al lavoro ), ma accompagnati da una crema di ricotta gelata, giusto per aggiungere alee 2500 calorie di ogni quadrotto, altre 1500 della crema.


Ingredienti per 5, 6 quadrotti ( ho diviso la ricetta per 3 : tra parentesi le dosi originali)
Ricetta presa da qui
80 gr di cioccolato fondente ( 240 gr)
30 gr di burro (100 gr)
1 uovo (3)
45 gr di zucchero di canna (135 gr)
18 gr di farina (55 gr)

Preparazione
Fate fondere a bagnomaria il cioccolato con il burro. Fate raffreddare. Sbattete, a parte, l'uovo con lo zucchero, quindi incorporate la farina ed il composto di cioccolata fusa.Mescolate molto bene. Versate il composto in una teglia quadrata ( la dimensione dipende dalla quantità di composto: io, avendone fatto proprio poco, mi sono servita di una teglia piccolina. Tenete presente che i brownies dovrebbero essere un po' più spessotti di questi) rivestita di carta da forno e fate cuocere a 180° per 15' circa, fino a quando la superficie sembrerà screpolata.  Appena estrarrete la teglia dal forno, mettetela in una bacinella con qualche cm di acqua fredda, in modo che il fondo sia a contatto con l'h20. Fate raffreddare, quindi tagliate il composto a dadini.
Se volete potete accompagnare i brownies con una crema di ricotta gelata, fatta sbattendo della comune ricotta  con un po' di zucchero,  messa nel freezer fino a 5' prima di servire.
 

Commenti

Arianna ha detto…
Che spettacolo! Sia la ricetta che la foto!
Francesca ha detto…
Grazie Arianna!!!!!!!!!!!!!!^_^
..i salvataggi culinari danno sempre grandi soddisfazioni! L'idea della ricottina gelata è deliziosa! =)
Buona Giornata!
Francesca & Pietro di SingerFood & Chiccherie

http://www.singerfood.com/
la teglia home made non l'avevo ancora sentita! ahah!
Questi alla fine sono perfetti :)
Francesca ha detto…
Francesca e Pietro: ^_^
MonicA: grazie!!!!!!!!!!!
marifra79 ha detto…
Caspita i brownies!!! Li ho da tempo in mente ma rimando sempre, non avevo idea che fossero difficili da preparare... comunque a me sembrano perfetti ugualmente! Un abbraccio
Francesca ha detto…
No Marifra, non sono difficili...sono io che sono un'oca!!!!!!!!!! e, soprattutto, non avevo l'attrezzatura giusta :-((( Un bacio cara!!
Simo ha detto…
Si vede che sono fantastici...ma tesoro, è normale ogni tanto fare qualche cappellata, io ne faccio spesso...
Ti dirò che quel libretto mi ha colpito al cuore e non poco!
Mi salvo intanto la tua ricettuzza...anche la crema ricotta gelata dev'essere davvero una favola, abbinata a questa goduria qui!
Buonissima giornata
Francesca ha detto…
Troppo buon, Simo! quel libro è favoloso, vero????? un bacione
Mirtilla ha detto…
mmm...sembrano buonissimi!!!
Cey ha detto…
Dio è un brownies.
Francesca ha detto…
Mirtilla: lo erano :-)))
Cey: ^_________^ ehehe, hai ragione!!!
lerocherhotel ha detto…
un salvataggio decisamente ben riuscito! con queste foto ci hai fatto venire voglia di brownie...
Francesca ha detto…
Grazie!!!!!!!!!
la sissa ha detto…
Buonissimi Francy! Con tutte le leccornie che sforni si fa fatica a scegliere da quale farsi tentare!!
Bacio,
Sissa
elenuccia ha detto…
Troppo divertente Fancy, anche io ho questa mania di costruirmi le teglie e cose simili :)
ma allora li devo poi mettere nell'acqua o no? ^___^
Francesca ha detto…
uffiiiiiiii...non riesco commentare!!!
Elenuccia: ^_^ beh, la teglia in acqua sì...ma attenta che non entri l'acqua come è successo a me!
Francesca ha detto…
Ora funge...fiuuuuuuuu
Sissa: grazie!!!!!!!!
Memole ha detto…
Golosi...Sono dei dolcetti che non stancano mai...
Azabel ha detto…
Hihihihi, Fra, me fai morì! Stai a vedere che con questo diventerai la nuova miss Tatin ^_^
Tabita ha detto…
Ahahahaha, Francy il tuo post di oggi mi ha fatto morire!! Adoro il 'lato umano' delle tue ricette, soprattutto perchè a me capita spesso di pensare 'la genialata' per poi ritrovarmi a contemplare il fallimento con espressione alla Homer Simpson :-)
Buona giornata!
P.S. brownies splendidi, foto splendide... sono ripetitiva!
Titti ha detto…
Ma dai! Caloria in più o in meno chissene importa! Facciamoci un quadrotti di brownie con crema alla ricotta!!! Bacioniiii
Francesca ha detto…
Titti: ^_^
Alice: grazzzzie cara!!!!!!!!!!!!!
Tabita: tu sei troppo buona...un bacio bella!!!!!!!!!!!
Memole: hai proprio ragione :-)))
Patrizia ha detto…
Direi che hai rimediato alla grande!!! Con questi brownies affogati sei riuscita a realizzare un dessert davvero goloso...ottima anche la crema di ricotta!!! Un bacione e buona giornata!!
veronica ha detto…
mi invogli tra foto e ricette bravissima