Trifle di lamponi e pesca

 Okkey, forse è bene fare un punto della situazione: in che stagione siamo? no, lo dico perchè la settimana scorsa ha piovuto e fatto freddo, poi è tornato il sole e un bel teporino che, però, ha lasciato lo spazio per dei temporali mica da ridere....e oggi fa un caldo boia. E domani? chissà...Non amo alla follia l'estate, dato che soffro il troppo caldo così come il troppo freddo, ma mi piace vedere il sole, sentire il suo calore sul viso, poter gironzolare per Asti in pausa pranzo con un bel gelato in mano e quant'altro fa "bella stagione". A proposito di estate e prodotti stagionali, ho la fortuna di avere una piccola piantagione ( assolutamente spontanea ) di lamponi che ogni anno, ci delizia con i suoi rossi frutti. Io adoro i lamponi. Se è vero che per me la frutta con la F rimane nei secoli dei secoli la mela, è anche vero che i lamponi, le fragole, le more mi piacciono proprio tanto, soprattutto nei dolci. Pensateci: basta aggiungerne una manciata alla crema, al gelato o persino ad un semplice yogurt per rendere più speciale il dessert. E così, grazie alla ma piccola "produzione" casalinga, in estate mi diletto a cucinare torte, crostate, creme con i lamponi. L'anno scorso avevo fatto, ad esempio, questa Cheese Cake qua, che aveva riscosso il consenso di Danilo ma mio padre ne fa confetture buonissime che ci deliziano fino a Natale. Senza contare tutti quelli che mi pappo nature, quando sono ancora nel cestino. Unica pecca: se non li usate subito durano veramente poco. Soluzione: o li si consuma in un battibaleno o li si surgela, come faccio io.Il bello del lampone surgelato è che quando ci prende il picchio possiamo scongelarli e usarli  senza paura di utilizzare dei frutti non più freschissimi. A me il "picchio" è preso domenica: volevo fare un Trifle visto su Cucina Naturale che, però, prevedeva le ciliegie. In mancanza di queste e piena di lamponi surgelati ho deciso di cambiare e di fare un bel Trifle rosato e leggero, a cui ho aggiunto anche una piccola pesca a dadini. I puristi della tavola, già li sento, mi urleranno "Questo non è un Trifle" perchè questo tipico dolce inglese è generalmente più ricco rispetto a quello fatto da me ( copiato paro paro, tranne che per le ciliegie), quasi una zuppa inglese ( di cui è il progenitore ) con tanto di strati biscottati ad intervallare crema e frutta. La versione di Cucina Naturale, invece, è molto leggera, non c'è panna nè Pan di Spagna ma una crema ariosa e con un solo ovetto. Un dessert perfetto sia a merenda che per concludere il pasto, quindi replicate senza indugio! Ovviamente la frutta di base può variare anzi, appena avrò delle ciliegie lo rifarò con quelle e ve ne renderò partecipi.
Ingredienti per 3, 4 persone
1 vaschetta di lamponi ( 200 gr circa)
1 piccola pesca
1 uovo
20 gr di maizena
200 ml di latte
1 baccello di vaniglia
30 gr di zucchero
sherry
limone

Preparazione
Mettete in un pentolino i lamponi, la pesca lavata, pelata e tagliata a dadini e un cucchiaio di sherry quindi portate ad ebollizione: fate cuocere circa 5' poi spegnete ( eventualmente aggiungete un po' di zucchero: io non l'ho messo perchè quando li surgelo li cospargo già con quello ).Aggiungete il succo di limone e fate raffreddare. In un pentolino portate ad ebollizione il latte con il baccello di vaniglia. Separate il tuorlo dall'albume e montate il tuorlo con zucchero e maizena. Versate questo composto nel pentolino col latte e riportate ad ebollizione; spegnete quando la crema velerà il cucchiaio. Togliete il baccello di vaniglia. A parte montate il bianco a neve con un pizzico di sale e quando la crema sarà fredda aggiungetelo, mescolando dall'alto verso il basso per non smontarlo. In coppette individuali mettete un po' di frutta, sormontate con la crema e mettete in frigo fino al momento di servire. Decorate con mandorle o altra frutta.

Commenti

Tabita ha detto…
Cara Francy, grande invidia per la tua piantagione spontanea :-)
Buono questo trifle, io poi sono un'amante della frutta estiva anche con lo yogurt bianco quindi questa con la cremina mi sembra super ricca eheh!
Buona giornata!
P.S. dopo le tue ultime ricette ho preso il coraggio a due mani e.... ho comprato le melanzane, vediamo che ne viene fuori!
Francesca ha detto…
Grazie Taby....prova, prova, poi mi rendi partecipe dei tuoi esperimenti melanzanosi. Un bacio grande
dolci a ...gogo!!! ha detto…
Goduria allo stato puo questi bicchieri....ecco con uno di questi il giorno prenderebbe tutta un altra piega!!Baci,Imma
Simo ha detto…
magnifici questi bicchieri...e golosissimi!
Mi salvo la ricetta, mi intriga parecchio...
bacioni e buona giornata
Francesca ha detto…
Grazie Simo e Imma!!!!!!!!!!!
Olga ha detto…
Wowwwwwwww, ma è una vera delizia!!! bravissima!!!
Marina@QCne ha detto…
mmmm goloso e invitante!!!!
Francesca ha detto…
Grazie anche a Voi Olga e Marina!!
Claudia ha detto…
Bella domanda! Questo tempo così pazzerello ci sta scombussolando un pò troppo!!! vabbè, dai non pensiamoci e gustiamoci questo meraviglioso trifle, realizzato con due dei frutti che amo di più! Dev'essere una golosità incredibile!
elenuccia ha detto…
Beata te che hai le piantagione di lamponi....io li adoro ma mi tocca tutte le volte spendere un occhio della testa per comprarne un mini cestino :((
Invece a casa ho tante ciliegie, quindi credo che proverò la versione ciliegiosa :)
Francesca ha detto…
Claudia: ^_^
Elenuccia: brava!!! poi fammi sapere...
pips ha detto…
Ciao Francy, quanto tempo! Era davvero da un bel po' che non ti venivo a trovare, e guarda un po' cosa mi trovo: uno splendido trifle! Io ne avevo fatto uno con fragole e mandorle, delizioso. Il tuo sembra altrettanto, complimenti!
marifra79 ha detto…
Io vivrei di sole e caldo!! Soffro veramente troppo il freddo, pensa che anche in primavera riesco a sentire freddo!!!!! Mi piacciono davvero tanto questi bicchierini! Un abbraccio
Francesca ha detto…
Pips e Marifra: grazie bimbe!!!!!!!!!!! un bacione
MARÍA JESÚS ha detto…
Qué rico postre. besitosssss