Una meringa?

 Questa settimana non ho proprio testa per il lavoro: tra la prenotazione del volo per Parigi (sì, l'ho fatto!!!), la ricerca dell'hotel e qualche ideuzza culinaria che mi frulla per la capoccia, il lavoro è passato in secondo piano...No, ok: non dovrei dire così. Diciamo che ho fatto quel che dovevo, ma con la testa ero altrove (sulla Tour Eiffel diciamo). E allora oggi sono uscita prima (molto molto prima a dire il vero) e sono venuta a casa a pasticciare tra i fornelli. Non so neanche perchè, ma ho deciso sotto la doccia che avrei fatto le Meringhe. Ora, non so voi, ma a me piacciono tantissimo: sono quel tipo di dolcetto che ti guarda col suo candore e ti suggerisce "Mangiami, mangiami". Sono quei dolcini che fanno tanto Afternoon tea. Le vedo bene su un vassoietto, accompagnate da altri pasticcini e seguite da una tazza di the. Non quelle enormi e bianche come la neve che vedete esposte nelle vetrine di alcune pasticcerie, ovviamente, ma quelle piccoline, leggermente dorate (solo leggermente!) che entrano in bocca tutte intere senza ingolfare la mascella e farci fare l'effetto scoiattolo de "L'era Glaciale" . A tal proposito faccio outing: io adoro i pasticcini piccoli, mignon, quelli che non ti fanno sentire in colpa anche se ne mangi due, mentre da sempre ho guardato con diffidenza alle pasticcerie che propongono dolci grossi, dall'aspetto finto e troppo colorati. E' un po' il discorso del gelato, se ci pensate: il gelato alla menta non dev'essere verde , quello al pistacchio tinta pisello e quello alla fragola tipo BigBabol. Perchè usare coloranti per rendere più attraenti i dolci? non è più accattivante un pasticcino piccolo, color pastello che non uno grande come un cocomero e fluorescente? Va bè che la classe non è acqua ma un minimo di senso estetico....Per questo motivo le mie meringhette sono piccine picciò. Ora, fare le meringhe non è proprio cosa facilissima; più che altro bisogna stare attenti al forno per far sì che cuociano senza bruciare, ma non rimangano molli.La meringa perfetta è quella croccante, friabile, non gommosa all'interno. In bocca deve sciogliersi, e non dare l'impressione che stiate masticando un chewingum. E le mie? beh, vi posso dire che durante la foto erano perfette....spero che reggano fino a questa sera, quando le azzannerà Danilo. Vi aggiornerò domani.


Ingredienti per una dozzina di piccole meringhe
1 albume (il mio era 43 gr )
65 gr di zucchero semolato

Preparazione
Togliete l'uovo dal frigo un bel po' di tempo prima di usarlo. Accendete il forno statico a 150°. In una ciotola iniziate a sbattere l'albume, quindi aggiungete poco alla volta lo zucchero e continuate a sbattere fino a che la meringa sarà soda e lucida. Foderate una placca con carta da forno. Mettete la meringa in una siringa da pasticceria con bocchetta piccola e fate sulla placca delle piccole montagnette di meringa. Abbassate il forno a 110° e infornate. Cuocete per circa 30', controllando che non brucino. Spegnete e fate raffreddare in forno.

Commenti

lerocherhotel ha detto…
Davvero carine le tue meringhe! E molto bella la presentazione!
Ramona ha detto…
Finalmente un nuovo contest! Farina, lievito e fantasia in collaborazione con Emile Henry ha organizzato uno straordinario contest “Frutta in pentola”, dove la protagonista indiscussa è proprio la frutta, sia fresca che secca. I premi? Beh ti invito a sbirciare nel blog, ti aspetto http://farinalievitoefantasia.blogspot.com/2011/02/contest-frutta-in-pentola.html
cristina b. ha detto…
anch'io adoro le cose piccole: pasticcini, biscotti, polpettine... più sono minuscoli e più mi piacciono! anche la frutta della macedonia deve essere tagliata piccolissima!
sai che non ho mai fatto le meringhe? questo weekend mi sa che ci provo...
bacioni e complimenti!
Mirtilla ha detto…
una meringa nn si rifiuta mai!!!!
marifra79 ha detto…
Ma quanto sono belle!!!!!!!!!! I complimenti sono meritatissimi
Un abbraccio
chamki ha detto…
Adori le cose piccole? fortunato Danilo! ma devo ammettere che piacciono anche a me, vuoi mettere le paste mignon che si mangiano in un boccone con quelle torte tipo tedesche orribili a mille strati alte una spanna? No way, piccolo e' bello! ma le meringhe sono 60% pure sugar baby,
buon w.e. bacione
Francesca ha detto…
Grazie a tutte care!!!! Chamki: eh, vero, zuccher allo stato puro ma una tantum :-)
Ely ha detto…
Francy che meraviglia... Parissssss!!! j'adorè.... mi piacerebbe andarci ua volta...
e le meringhe sono sempre così affascinanti e più sono piccole assomigliano a dei gioielli... davvero deliziose!
Francesca ha detto…
Grazie Ely!!!!!!!!!!!!!!
Erica ha detto…
Parigi *_*
inutile dire che ti stò invidiando alla follia e che aspetterò taaaante foto :D
Per la ricetta, è simile alla mia... e le foto sono davvero meravigliose *_*
littledesserts ha detto…
Ti vorrei invitare al mio primo contest MANI NELLA MANITOBA, una raccolta di ricette con la farina manitoba...
http://dolciedesserts.blogspot.com/2011/01/primo-contest-mani-nella-manitoba.html
se ti va passa a dare un'occhiata... ti aspetto...
Francesca ha detto…
Cara Erica che sei ^________^ grazie!!!