Zuppa di zucca e pere from USA


Comunemente, se parliamo di "buona cucina", pensiamo subito all'Italia o alla Francia (io sul punto non concordo, ma de gustibus), mentre se il discorso casca sugli U.S.A. ecco che tutti pensano al "cibo spazzatura". Mah...sarà che io ho il palato avvezzo ai sapori "esterofili" (tipo: tra una lasagna e un piatto di sushi io scelgo il secondo senza ombra di dubbio), sarà che quando viaggio adoro scoprire i sapori locali e se per caso mi capita qualcosa che non è proprio di mio gradimento penso che si tratta comunque di tradizioni e culture diverse dalla nostra, sarà ancora che mi piacciono i "paciughi", ma quando lo scorso anno sono andata a New York (e qui casca la lacrimuccia), ho mangiato benissimo. Verò è che di "tipico" ho assaggiato poco (che mangiavo, un hamburgher???? naaaaaaaaaa), ma i vari piatti di "tofu stir fry" o i cookies assaggiati qua e là erano ottimi! Senza contare l'enorme varietà di cibo disponibile nei supermarket, nei mercatini ...qualità e quantità che noi nemmeno ci sognamo. Che poi, magari, tutto non fosse sanissimo è altro discorso (ho dei dubbi sulle mele che sembravano fatte con lo stampino e lucide come gioielli) ma in quanto al sapore nulla questio. Vabbè, fatta la digressione vengo al dunque: capita che dopo un viaggio io rimanga così affascinata dalla cucina locale da acquistare (a volte in loco, altre a casa) libri di cucina a tema. E' accaduto per la cucina inglese e anche per quella americana, ovviamente. Però, mentre per quella inglese i libri sono in lingua e acquistati direttamente a Londra, per la cucina americana mi sono "accontentata" (si fa per dire, perchè è bellissimo) di un libro della Tommaso Guidi Editore "Buon Appetito America". Un libro splendido, ricco di spunti interessanti che spaziano dalle colazioni ai primi, passando per dolci (oh, non riesco a fare i brownies, è il secondo impasto che butto) e pranzi delle grandi occasioni. Non solo ricette, ma anche racconti,spunti, idee raccontati dalla sua autrice che, mi pare, sia americana trapiantata in Italì. Da questo tesoro ho tratto la ricetta di oggi: una zuppa di zucca e pere. Accostamento insolito ma, ve lo giuro, davvero gradevole. Facilissima e abbastanza veloce da fare, è un primo innovativo che sono sicura piacerà a tutte le signorine in ascolto. Per le dosi originarie vi rimando al libro, io vi riporto quelle utilizzate da me.

Ingredienti per 1 persona
200 gr di zucca privata della buccia e tagliata a dadi
1 pera piccola (o mezza più grande)sbucciata e tagliata a tocchi
1 spicchio di aglio
1/2 pomodoro
olio
sale
pepe
acqua o brodo vegetale

Preparazione
Mettete tutti gli ingredienti solidi in una teglia rivestita di carta da forno, condite con l'olio e infornate a 180° per 40' circa, mescolando di tanto in tanto. Trascorso il tempo frullate il tutto aggiungendo acqua o brodo q.b. per ottenere un composto non troppo liquio ( comunque va a gusti ), salate, pepate e fate riscaldare sul fuoco. Guarnite con panna acida (se volete) o yogurt e un po' di erba cipollina.

SCHEDA LIBRO: BUON APPETITO AMERICA Autore: Laurel Evans Collana: Gli illustrati,Formato: 17,5 x 28,5 cm,Pagine: 184 Prezzo: euro 25,00, ISBN: 978 88 95092 850

Commenti

Taty ha detto…
Ma che particolare!!!
Mi piace!!!
Eh si dai è vero..ogni paese ha i suoi piatti gustosi! ^_^
Francesca ha detto…
Particolare, vero...devi provarla!!
chamki ha detto…
Ma come butti l'impasto dei brownies? Non esiste! E' vero che non sempre vengono giusti nemmeno a me anche perche' ci faccio sempre qualche variante, ma al massimo mi viene come una torta o troppo chewy ma si possono sempre trasformare in biscotti. Gli americani mangiano malissimo a casa e c'e' troppo junk food in giro, certo che se tu non mangi hamburgers. . . ciao!
Francesca ha detto…
@Chamki: era bruciato :-( Hai presente il "carbone" dolce della Befana? ecco, uguale uguale...
Albertone ha detto…
E' davvero una meraviglia questa crema, devo assolutamente provarla.
Dovrò fare una miniporzione, perchè la pera piace solo a me in famiglia.
Grazie dell'idea e complimenti per il tuo bellissimo blog.
Albertone
Francesca ha detto…
Grazie Alberto! oppure prova una variante con un frutto che piaccia a tutti...poi mi fai sapere!!!
Nepitella ha detto…
Ciao! non ti conoscevo, che bello questo tuo posticino :) Anch'io a NY ho mangiato molto bene altrochè! Questa zuppa con la pera deve essere molto particolare, grazie proverò!
Francesca ha detto…
Grazie Nepitella!!!!!!!!!!!!!
roberta ha detto…
Scusa se "rivengo" questo vecchio post, ma anch'io condivido la tua opinione sulla cucina americana. Io gli Stati Uniti li ho girati in lungo e in largo per due volte: 9.000 km la prima volta, 12.000 la seconda. Ovunque ho mangiato benissimo, anche in casa dei nostri amici americani. Certo, a volte il dubbio sui metodi di coltivazione o di produzione degli alimenti e' legittimo, ma anche in Italia capita di non sapere cosa mettiamo in pentola...Bellissimo blog, complimenti
Roberta
Fatta ieri: mooooolto buona!! Io ho aggiunto anche un pizzico di peperoncino in polvere che sta benissimo con il dolce di zucca e pera :) baci