Madeleines di recupero al cocco


Concludiamo questo mese (cavoli, siamo già a fine mese???) con un post dedicato all'arte del riciclo, cosa che ci fa sentire sempre tanto virtuosi ^_^ .Questo, volendo, può essere considerato la continuazione del post di ieri, quello dedicato al Latte di cocco. Sì, perché dopo aver fatto il nostro bel e buon lattino, nel colino o nella caffettiera (se usate il mio metodo rapido e a prova di donzellette senza muscoli) rimarrà la polpa di cocco privata del succo che, appunto, è servito per ricavare la bevanda. Vogliamo buttarla? naaaaaaaaa....una delle cose che sto imparando seguendo i vari blog, è che non si butta mai via niente; ogni alimento di "scarto" può avere un uso nascosto e, perché no, delizioso. Questo vale per la buccia ed i semi di zucca, come vi spiegai a suo tempo e, a maggior ragione, vale per la polpa di cocco. Basta dare un veloce sguardo al reparto pasticceria dei supermercati (un po' meno nelle pasticcerie artigianali perché il cocco è un cibo esotico, che poco ha a che vedere con l'arte bianca italiana) per rendersi conto di quanti prodotti a base di questo ingrediente esistono: dai piccoli pasticcini irregolari e bruttarelli al famoso "Bounty" (che ho mangiato poco tempo fa, a Londra, godendo come un riccio...), dallo yogurt ai budini. Ma non solo: la polpa di cocco sta bene anche sui piatti salati (in insalate variopinte, sul riso..) per conferire quel tocco esotico e granuloso che a me tanto piace. Anzi, mentre sto scrivendo, mi è venuta una specie di illuminazione vegana: sperimenterò presto e vi terrò al corrente. Torniamo a noi. Con la polpa di cocco avanzata io ho fatto dei mini pasticcini bicolore e, dato che ce l'ho, li ho fatti cuocere nello stampo da Madeleines, ottenendo dei mignon di recupero davvero buoni, col cuore morbido e la superficie croccante. Se non avete lo stampo di cui sopra non preoccupatevi: potete fare dei mucchietti di impasto sulla teglia foderata di carta da forno, ricordandovi di distanziarli un po'.Ora, darvi la ricetta è cosa un po' complessa, dato che sono andata assolutamente ad occhio, ma ci proverò.


Ingredienti per una dozzina di piccole Madeleines
50 gr di polpa di cocco
2 cucchiai rasi di farina
1 cucchiaio di zucchero
2 cucchiai di latte
1 pizzico di lievito
1 cucchiaio di olio di semi
1 cucchiaino di cacao

Preparazione
Semplicissima: dovete solo mescolare insieme tutti gli ingredienti tranne il cacao fino ad ottenere un composto sodo ma non troppo. Dividete l'impasto in due parti ed a una aggiungete il cacao. Se potete fate raffreddare in frigo per qualche ora, quindi versate l'impasto in uno stampo da Madeleines e infornate a 180° per 10' circa. Si conservano morbidi per due giorni.



Commenti

Ely ha detto…
Francy sai che hai ragione? quando riciclo mi sento più brava :-) e questo è un signor riciclo! sono uscite delle perle preziosissime! ciao Ely
luby ha detto…
il riciclo dovrebbe essere parte integrante dei nostri pensieri!
vedi poi che meraviglie ne escono?
bravissima come sempre!
10 e lode!
Francesca ha detto…
Grazie Luby!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Giovanna ha detto…
Ciao, capitata qui per caso e piacevolmente impressionata!!!!! mi piace il tuo blog...tornerò a trovarti;);)
Francesca ha detto…
Grazie Giovanna! torna pure quando vuoi:-)
Fabiana ha detto…
ho uno stampo per maddleine che mi guarda e che mi supplica di essere riempito.. grazie a te e alla tua ricetta potrei farlo felice!!!... sono molto contenta di averti scoperto.. mi sono già segnata tra i tuoi sostenitori.. sarà un piacere seguiorti.. un abcio
Francesca ha detto…
Grazie Fabiana, sei molto cara!
Mirtilla ha detto…
che golose!!
Francesca ha detto…
Grazie anche a te Mirtilla!
Buono il cocco! Io è di nuovo un periodo che lo mangerei di continuo!
Anche quello essiccato a scagliette...
Per questo credo che non resisterei alle tue madeleines...
Una domanda: ma fino a Londra vai a mangiare il Bounty??? :D
Francesca ha detto…
eheheh, no, ma dato che dovevo finire delle sterline ed ero in crisi ipoglicemica ...^_^
Luciana ha detto…
L'arte del riciclo è una regola fondamentale nella mia cucina, infatti la applico spesso, non mi piace comprare altro cibo se nel frigo ne è presente altro, prima consumo quello che ho e poi rifaccio la scorta...e queste madeleines sono la prova che riciclare è meglio!!! buonissime!!! un abbraccio
Francesca ha detto…
Grazie Luciana...^_^
Simo ha detto…
Brava, non si butta via mai niente!
E poi con un risultato così....
Francesca ha detto…
Simo, grazie di esserci sempre!
chamki ha detto…
Ingegnosa! ma sai che tante volte anche io mi sono chiesta che farne del residuo, e ti parlo di cocco fresco che ne lascia tanto, ma anche la donna che mi cucinava fino all'anno scorso buttava via tutto, qui non sanno che farsene di quella roba e considera che questo e' un paese di affamati. Strano eh! pensa te che in India quando ti vendono i mazzi di barbabietole o anche il daikon strappano via tutte le belle foglie prima di darteli, e le buttano via. Cosa? la prima volta son rimasta di sale perche' io adoro le foglie verdi, e ogni volta che le vedo adesso me le porto a casa e non gliele lascio buttar via, e la cosa piu' strana e' che talvolta avrei voluto sole le foglie e visto che le buttano via ho detto che volevo comprarle, ma non hanno voluto i soldi anche se io ho insistito, quella e' roba per le mucche di passaggio. Non e' strano che in un paese dove si muore di fame buttino via qualcosa che si puo' mangiare? e tu mi vai ad usare gli scarti del cocco. Good, ma no tesoro, credo che non lo faro' mai visto che qui si vendono cocchi freschi a ogni angolo di strada. Bacioni.
Aurore ha detto…
adoro le madeleines a tutti i gusti, le tue sembrano speciali. baci
The Walrus ha detto…
grande anche tu con l'autoproduzione lattifera! il latte di cocco mi manca però :-)
Albertone ha detto…
Bellissimi questi biscottini, e bellissima l'idea del riciclo del cocco. Mi spiace aver letto solo ora del latte di cocco, ci sarebbe stato bene ieri sera con i filetti di pollo; anche marinati con yogurt al pistacchio e gratinati con granella di mandorle non erano male, ma con il cocco... altro che petto scottato sulla piastra ;)

Scherzi a parte, mi dai un'informazione ? Gli stampini li hai trovati ad Asti o in internet ?

Intanto ti mando un bacio ed ti auguro una buonissima giornata.
Alberto
BuonaCucina ha detto…
Sono passata di qui casualmente, ma ci tornerò perchè trovo il tuo blog interessante.
Il riciclo poi è l'espressione di una cuoca fantasiosa: brava!
Buona giornata
Nepitella ha detto…
Ciao Cara! mi sono appena comperata gli stampini per le Madeleines e credo proprio che proverò a fare queste tue :) grazie!
Francesca ha detto…
Oh mamma mia, sono stata assente mezza giornata e siete cresciuti a dismisura ^_^
@Chamki: è sempre un piacere leggerti, perchè porti qui da me dei racconti di vita vera indiana...ti adoro, posso??? e mangia un cocco fresco anche per me!
@Aurore: ^_^
@Barby: e ieri ho fatto anche il "latte" d'orzo!
@Alby:li ho comprati qui ad Asti, in un negozietto piccolo ma fornitissimo...si chiama "Terzuolo". Comunque sono della Silkomat,mi pare.
@Buona Cucina: ^_^
@Nepitella: grazie a te!
Barbara Palmisano ha detto…
hanno un aspetto meraviglioso!!!
Mapi ha detto…
Cosa succede quando una ragazza golosa diventa anche virtuosa, utilizzando gli scarti? Succede che ti inventa dei dolcetti al cocco che secondo lei si conservano 2 giorni, ma che a casa mia non durerebbero due ore!!! :-pppp

Baciotti bella!
Francesca ha detto…
Barbara e Mapi: grazie!!! Mapi, baciotto anche a te .-)