Della zucca non si butta via niente...

Va bene, ci sta: vi autorizzo a dire che queste due foto non vi suscitano alcunchè. Siete anche autorizzati a storcere il naso e a pensare che io sia, in fondo, un po' matta (ci sta anche questo). Eppure sono sicura che alcune foodbloger, in prima linea Chia, mi capiranno benissimo. Dovete sapere, infatti, che sono molte le signorine ad amare in maniera quasi feticista la zucca; non so perchè, ma in effetti siamo proprio noi giovin pulzelle ad adorare questo ortaggio tanto brutto quanto buono, mentre i maschietti, bah, lo schifano come la peste. Quanto a me, ammetto che mi è sempre piaciuta, ma solo da un anno a questa parte sono diventata una vera maniaca (no, no, roba proprio da manicomio, fidatevi): devo averne in cantina almeno due intere, altrimenti già soffro di crisi di astinenza. No, dico, pensateci: e se domani venisse l'alluvione e io non potessi uscire di casa o se, improvvisamente, tutti i negozianti terminassero le loro derrate di zucca, io come potrei sopravvivere se non conservassi giusto quelle due o tre? Tenendo conto che la mangio due volte al giorno (a volte anche tre...ergo sì: anche a colazione!) i conti sono presto fatti. Tra l'altro, non pensiate che con la zucca ci faccia chissà quale ricetta elaborata: la mangio semplicemente cotta al forno, come vi avevo già spiegato tempo fa. Cotta cosi, meglio se leggermente rinsecchita, sprigiona quel saporino invernale e coccoloso di castagna, anzi, di caldarrosta per essere precisi.Ovviamente per ottenere questo risultato occorre la Mantovana, mentre con la Napoletana non si riesce (a parte che quest'ultima nemmeno mi piace): la Napoletana è la mia ancora di salvezza quando non trovo da nessuna parte l'altra o, a volte, quando ho voglia di farci una zuppa o un ripieno. Bene: se la polpa sappiamo come utilizzarla, forse non abbiamo mai pensato a usare anche semi e buccia. Giuro: non sto scherzando! Io, prima che me ne parlasse la Chia, buttavo la buccia e conservavo i semi per mio papà che, una tantum, prova a piantarli in campagna, ma senza risultati. Mica ci avevo mai pensato a mangiarli o, meglio, per me i "semi di zucca" erano quelli che compravo nei negozi di granaglie o di alimenti naturali, già sgusciati e pronti da sgranocchiare. Immaginatevi la sorpresa quando ho provato a passare buccia e semi (interi) nel forno ed ho ottenuto un risultato eccezionale: degli stuzzichini buonissimi, dal sapore intenso di caldarrosta per quanto riguarda la buccia e croccantissimi i semi.
Lascio stare i commenti del parentado tutto alla vista di me in fase di orgasmo gastronomico mentre mangiavo semi e buccia della zucca, ma chissenefrega...D'altronde ho sempre avuto gusti un po'...ehm...strani fin da quando ero onnivora, e adesso che sono vegetariana ho continuato su tale via. Ora, vi giuro che ignoro i profili nutrizionali di cotanta delizia: so solo che i semi sono ricchi di grassi "buoni" ^_^ ma non so se ciò valga anche per il loro guscio e per la buccia. Fattostà che mi piacciono tantissimo e penso possano costituire un "salatino" alternativo da servire con l'aperitivo. Per favore però, non chiedetemi la "ricetta": non è cosa onorevole chiamarla in tal modo. Sappiate solo che io lavo la buccia che ho tolto alla mia fetta di zucca, separo i semi dai filamenti arancioni, e metto tutto in forno su di una placca per un 10' circa, fino a quando si sarà ben bruciacchiato il tutto. Io li mangio così, nature, ma nulla vi vieta di salarli leggermente o, perchè no, aromatizzarli in qualche modo. Altro che patatine&salatini!!!

Commenti

Natalia ha detto…
Ti capisco! Anch'io sono un'amante sfegatata della zucca.
Dei semi sapevo che si mangiavano e addirittura ci ho trovato delle ricette di dolci che però non ho mai provato; ma della buccia proprio non lo sapevo. MI incuriosisce però.... grazie dell'info e buona giornata.
Saretta ha detto…
Anch'io non butto nulla della zucca ma..per mangiare la buccia è importate sia biologica..Altrimenti rischi di mangiarti un sacco di schifezze!Ochio eh?;)
Mirtilla ha detto…
ma sai che nn lo sapevo?bellissimo,c'e'sempre da imparare :)
Francesca ha detto…
@Natalia: quella della buccia è stata una grande scoperta...prova!!!
@Saretta: ^_^
@Mirtilla: vero! :-)
The Walrus ha detto…
anch'io sono una fan della zucca, ma della delica, le altre non mi piacciono granché (in fatto a gusti mi sa che sono abbastanza maschile...) e mai provata la buccia.. pensa che ieri ho fatto una zucca intera con l'orzo e la buccia è finita dritta dritta nel cestino! I semi salati sono divini!!!
Francesca ha detto…
Barbyyyyy: buccia nella pattumiera??????????????? nuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu..^_^
chamki ha detto…
io la buccia la taglio col pelapatate e ne viene via uno strato da un millimetro ma talvolta la lascio soprattutto se fatta al vapore, mentre i semi non li butto assolutamente mai, se sono piccoli e teneri di una zucchetta giovane li faccio saltare in padella con un goccio d'olio extravergine e un po' di sale e li mangio croccantini senza pelarli, e se invece la zucca e' grande e i semi son coriacei allora li schiaccio tra i denti e mangio solo il seme. . . saro' matta anch'io?
Francesca ha detto…
@Chamki: ma che bello...quante zuccomani!!!!!!!!!!!!!
Naaaaaaaaaa!! I semi, ok. Ma la buccia?
Ho imparato una cosa nuova...
marifra79 ha detto…
Adoro alla follia la zucca!! Mi piace moltissimo con porri e rosmarino... ma quest'anno è stata tragica! Non l'ho trovata come gli altri anni... solo ed esclusivamente spicchi! Quella della buccia e dei semi è una novità per me!
Un abbraccio
Francesca ha detto…
(): te lo giuro, e buona che è!!!!!
Marifra:ricambio l'abbraccio!
Anonimo ha detto…
La trovo un'idea davvero geniale e da provare. Brava

Mimì :)
Anonimo ha detto…
Da come parli della zucca mi sembra di leggere la mia descrizione. Da manicomio, dici, beh ti farà piacere sapere che non sei sola: amo quell'ortaggio alla follia, mi preoccupo se finisco la mia "scorta" (di mantovane ovviamente, le altre non le considero nemmeno) e aspetto con ansia l'inizio dell'autunno per gustarla nella sua semplicità più assoluta (anche se, quando ne vedo una "di bell'aspetto" fuori stagione, non me la faccio scappare!). Per pigrizia l'ho sempre cotta (al vapore) con la buccia, per poi rimuoverla con maggior facilità, finchè un giorno, per curiosità, l'ho assaggia e.....wow!
Adoro quel sapore intenso e la consistenza asciutta che ti riempie il palato, quel sentore di castagna, quel, quel....quel non so che che ogni volta mi fa esclamare "come puoi essere così dannatamente buona??!?" Da quel giorno ho iniziato a fare chips di zucca al forno e....altro che patatine, una tira l'altra!!!
Il fatto grave è che ho iniziato a chiedere al mio fruttivendolo di tenermi da parte le bucce per poi "croccarle" al forno con la sola aggiunta di un rametto di rosmarino...che meraviglia! Croccante fuori e morbida in corrispondenza della polpa...una bontà senza uguali! VIVA LA ZUCCAAAAA...E LA SUA BUCCIA!!! :D
Scusa se mi sono un po' dilungata ma scoprire che c'è chi, come me (una vent'enne universitaria), è zucca-dipendente mi riempie di gioia: so che tu capirai le mie parole, alla faccia di chi storce il naso vedendomi mangiare quelle buccette croccanti che io amo tanto..!
Un caro saluto da una "matta" come te, e tanti complimenti per il blog,
un bacio "zucca-girl"
Giulia :)