London Food....parte seconda

 Come vi avevo promesso, ecco la seconda parte del resoconto del mio viaggio a Londra...Food glorious food, ovviamente! Nel post precedente vi ho parlato dei nostri pranzetti da Harrod's e delle nostre cenette al Krungtap: bene, le cenette sono state simili per tre sere, mentre i pranzi (consumati in giro a seconda di dove ci trovavamo ) hanno variato un po'. Vediamo? Secondo giorno: la giornata era abbastanza bella ma fredda, ma noi abbiamo gozzovigliato tra Trafalgar Square, Piccadilly e zone limitrofe, riparandoci solo in qualche...libreria, per la gioia di Danilo ^_^
A pranzo, indecisi se fermarci in uno dei tanti localini di Soho o cercare qualcosa alla compraemangiaingiro, abbiamo trovato rifugio in un posticino japu assai carino: Wasabi, in Oxford Street (ma ne trovate in giro per tutta Londra). Non è un vero e proprio ristorante, ma piuttosto una sorta di "tavola calda-supermarket" in stile giapponese, ergo molto luminosa e minimalista, con alcuni tavolini: potete scegliere tra i piatti caldi preparati al momento (tutti Japan style, ovviamente) o accaparrarvi qualcosa dal banco frigo molto fornito (sushi vegetariani e non, zuppe, dolcini..). Io e Dany abbiamo optato per due zuppe di noodle (lui con pollo, io con verdure e tofu) prese dal banco frigo: ce le siamo fatte scaldare, abbiamo pagato ( 4 sterline circa a testa) e ci siamo accomodati a uno dei tavolini all'interno del locale. Le zuppe erano ottime, abbondantissime e ustionanti. Un modo veloce e piacevole per pranzare.
Cena al Krungtap, ergo non mi ripeto e salto subito al pranzo del terzo giorno, a Camden Town. Ora: se andate a Londra non dovete per nessuna ragione al mondo perdervi questa meravigliosa e coloratissima zona. In un dedalo di stradine, corridoi, vi perderete tra banchetti di vestiti usati, giocattoli, quadri e oggettistica varia, ammirando anche la bella posizione del mercato e la "variopinta" gioventù che lo frequenta. In quanto alla pappa, no problem. Tra un negozietto e l'altro troverete millemila bancarelle che offrono cibo da ogni parte del mondo: messicano, cinese, coreano, italiano, crepes, pizza e chi più ne ha più ne metta. La cosa carina è che è una sorta di take away all'aperto: scegliete cosa mangiare, ve lo fate mettere nel contenitore e pappate mentre camminate! Dato che la qui presente quel giorno non era troppo in forma, noi abbiamo scelto un take away cinese che aveva anche dei posti a sedere un po' riparati dalle correnti d'aria: Dany ha preso un mix di riso, noodle, carne in varie salse e verdure, mentre io mi sono-ovviamente-diretta sull'opzione vegetariana con riso al vapore e verdure saltate. Le solite 4 sterline a testa e abbiamo continuato la nostra avventura satolli e soddisfatti.
Tralascio, per ora, il pranzo al Japan Centre, dato che merita un post a parte, insieme alla recensione di altre cosucce di Londra che mi sono particolarmente piaciute, e vengo alle ultime due cene londinesi. Dato che Dany ha sempre accontentato me, che l'ho trascinato in librerie e locali etnici, gli ho gentilmente concesso le ultime cene in un tipico pub inglese, questo, proprio dietro ad Harrod's. Locale carino, buio come solo i locali inglesi riescono ad essere, con personale giovane e cordiale (e non c'entra il fatto che la sottoscritta, invece di dire che il cibo era "Very good" abbia detto al cameriere "You are very nice"...dettagli ): è un pub, ragion per cui si beve soprattutto ( e si guarda la partita sul megaschermo, anche se a me, in tutta sincerità, non ne fregava nulla), ma il cibo è tipico e vario, con qualche opzione anche per noi vegetariani. Danilo ha scelto entrambe le sere della carne con contorno di verdure (patatine fritte, piselli e carote) e Yorkshire Pudding che aveva un ottimo aspetto....e se lo dico io, vegetariana...Io ho preso mashed potatoes ( purè, in parole povere ) e verdure di stagione: tutto ottimo e, a differenza di quanto comunemente si pensa, molto leggero seppur saporito. Per concludere degnamente la cena un ottimo gelato: non ricordo bene il prezzo, ma mi sembra 20 £ in due, bevende comprese. Un posticino carino, come forse a Londra ce ne sono tanti, ma che ci ha soddisfatti data anche la zona "in" (e perciò poco economica) in cui è situato.



Per ora mi fermo qui....alla prossima!!!!!!!!!

Commenti

Francesca ha detto…
Ma che bel viaggettino! Io amo Londra...pur essendoci stata una volta sola, ormai nove anni fa( sto diventando vecchietta...) me la ricordo perfettamente! che colori stupendi!!!
noi ce la sogniamo la varietà dell'Inghilterra!
un bacio bellezza! Ah, e il seitan grigliato mi ha fatto sognare!!!( ma perchè a me viene gommosetto??forse dovrei lasciarlo più inamidato??)
Francesca ha detto…
gRAZIE Francy!!! per me è la quarta volta, ma ci tornerei anche adesso....quanto al seitan, tranquilla: anche a me viene così!
The Walrus ha detto…
Eccomi! ho letto anche il post precedente, ma non avevo fatto in tempo a commentare. Bentornata, cavoli Londra mi manca tantissimo, non vedo l'ora di tornarci pure io, mi fa piacere che Camden sia bella come quando l'avevo vista io, un'incendio un po' di tempo fa so che l'aveva danneggiata parecchio. Bella l'idea del pranzo take away/zuppa/japan. Noi da buoni italiani finisce sempre che andiamo al ristorante sia pranzo sia a cena e il portafogli diciamo che non ringrazia.. ma prossima volta wasabi we come!
The Walrus ha detto…
ho scritto un incendio con l'apostrofo.. altro che "you are very nice" io è l'italiano che devo imparare!
Francesca ha detto…
Grzie cara!!! ziii, ziiii, Londra è fantastica...se torni fammi un fischio , così mi metto in valigia e ti accompagno...prova il Wasabi, te lo consiglio!!!!!!!!!!!!
Luciana ha detto…
Che bel viaggio Francy!!! a me piace molto Londra, ci sono stata a Febbraio e mi sono divertita tanto!!! bacioni
Francesca ha detto…
Grazie cara!!!! eh sì: Londra è bellissima!!!!
madama bavareisa ha detto…
Ciao!
Scusa tantissimo l’effetto “spam”, ma siamo in poche e abbiamo pochissimo tempo per avvisare tutti di un’importante iniziativa food-blogger contro l'omofobia!
Trovi tutte le info qui e qui

grazie! :-)