Pappardelle a pois



Nonostante abbia tante volte detto il contrario ora annuncio: ma che ce frega a noi foodblogger se il caldo toglie il fiato? assolutamente nulla. Noi dobbiamo, per qualche ignota nota e fine ragione, cucinare, creare, sperimentare, fotografare e, inutile negarlo, se per due giorni replichiamo la stessa ricetta o mangiamo al volo la prima cosa che capita, ci sentiamo un po' in colpa verso i nostri lettori, vero o no? Ecco la ragione per cui alla sera, nonostante l'afa tolga la voglia persino di mangiare io mi impunto a voler a tutti i costi preparare qualcosa, invece di pensare "chissenefrega del pranzo di domani, mangerò quello che mi capita".
Il Chissenefrega non è contemplato nel nostro vocabolario e, personalmente, sono orgogliosa di ciò: cucinare è coccolare me stessa, creare qualcosa che possa fare felice non solo me ma anche gli altri, siano essi lettori o invitati. Eggià, tra di noi ci capiamo, vero?

Sulla scia dei pensieri da pranzodelgiornodopo sono nate queste pappardelle che ho preparato e poi conservato in frigo, così da avere la pasta fresca e pronta, solo da cuocere.
Ho optato per le pappardelle, pasta simile alle tagliatelle ma molto più larga, di tradizione toscana se non erro. Io sono piemontese, ergo dovrei amare alla follia i tajarin sottilissimi, di cui il Piemonte è patria; e invece no! A me piacciono le consistenze toste, i formati di pasta larghi ( mangio gli spaghetti per comodità ) , le superfici ruvide, ecco perchè ho optato per le pappardelle ( senza contare la questione pratica: tirare e tagliare la pappardella è molto più semplice che non cimentarsi con le tagliatelle ).
Come condimento, indovinate un po'? piselli. Ok, forse è meglio che spieghi il motivo della mia ripetitività: io ho una vera passione per i legumi, tutti i legumi, purtroppo però fagioli e ceci non hanno un bell'effetto su di me ( suvvia...) mentre coi piselli vado tranquilla. In più mi piacciono un sacco, hanno proteine, sono versatili: ecco perchè li uso così spesso!
Ricetta? Eccola, però tenete presente che come la solito le dosi sono ad occhio: anche se metto le quantità voi regolatevi in base alla vostra fame

Ingredienti per una persona
60 gr di farina integrale
acqua q.b
sale
Condimento: piselli freschi, olio, semi di papavero

Preparazione
Impastate la farina con l'acqua e il sale, fino ad ottenere un impasto non appiccicoso: vi consiglio di aggiungere poca acqua per volta.
Stendete la pasta in una sfoglia sottile e con la rotella ricavate delle Pappardelle.
Preparate il sughino: fate lessare i pisellini in acqua bollente leggermente salata; scolateli e frullateli con un po' di olio e un pizzico di sale. Allungate con un pochino di acqua e tenete da parte.
Fate bollire la pasta in abbondante acqua, scolatela, disponetela in un piatto e conditela col sugo di piselli, cospargendola con semi di papavero

Commenti

meggY ha detto…
Ciao Francy!Veramente ottime queste pappardelle!Impasto perfetto (anche a me piaccioni i "tagli" consistenti) e sughino delicato ma saporito, un super primo piatto estivo!Ciao ciao e buon week end!
Francesca ha detto…
Grazie MaggY, mi fa sempre piacere ricevere complimenti...^_^