Maltagliati in verde


E invece eccomi qui...non ho saputo resistere alla tentazione della ricetta quotidiana, anche perchè la paturnie sono un po' passate.
Riprendiamoci e facciamo la pasta!
Ma sì che ve l'ho già detto: Addddoro fare la pasta in casa.
Quando sono giù di morale ( e ieri sera era così ), quando ho le "cosine" che girano ed avrei solo voglia di piangere, niente mi rilassa di più del fare la pasta ( proprio fare la pasta, non genericamente "cucinare" perchè se sono nervosetta va poi a finire che combino pasticci ).
Prendo la mia farina, la mia ciotolona, il mattarello e inizio; e ritorno di buon'umore.
Sarà che fare la pasta, un po' come fare il pane, è sempre stata una cosa che ho visto come inarrivabile ( cioè, se vendono pasta e pane un motivo ci sarà no? ) e quindi esserci riuscita mi ha dato molta soddisfazione, sarà che adoro la pasta, fattostà che mi piace tanto.
Ieri sera dicevo: indecisa su cosa preparare a quel sant'ometto che mi sopporta da cinque anni, e giù di morale, ho deciso di impastare.
Poi, dato che io non sono contenta se non faccio esperimenti, ho deciso che solo farina di semola di grano duro ( quella che uso abitualmente ) non ci sarebbe finita nella mia creatura, no! e così ho agguantato la farina di grano saraceno.
Impasta, impasta ( ho scoperto di essere una "sfoglina" in erba ma molto promettente ) ho creato dei Maltagliati, ideali se non avete voglia di farvi il sangue gramo a tagliare le tagliatelle: i maltagliati sono - appunto-MAL TAGLIATI, quindi potete sbizzarrirvi e non penare se non vengono perfetti.
Io non sono brava come lo era la mia nonna paterna che riusciva a fare delle tagliatelline ( i tajiarin ) sottilissime e bonissime, e così w i maltagliati.
Il condimento doveva essere un poco proteico e abbastanza delicato per non coprire il sapore di grano saraceno e così...
Ingredienti per 2

  1. Pasta : 120 gr circa di farina ( io ho fatto metà semola di grano duro e metà farina di grano saraceno), acqua q.b, sale: fate la fontana e impastate aggiungendo acqua fino ad ottenere una pallotolina malleabile. Fate riposare per mezz'oretta, quindi riprende la pasta, tiratela in una sfoglia sottile e ricavate con la rotellina per la pizza (o un volgare coltello ) dei maltagliati.

  2. Condimento: 100 gr di pisellini già cotti, misto di cavolfiori, broccoletti e cavolini di bruxelles ( che avrete fatto scottare in acqua bollente ), olio, sale
Preparazione.
Fate rosolare un cucchiaio di olio in una padella antiaderente, aggiungete le verdure e sfumate con brodo vegetale o vino bianco.
Fate cuocere per 10' circa, schiacciando con la forchetta qualche pisellino così da far cremina; salate.
Intanto avrete fatto bollire la pasta, scolatela lasciandola un po' umida e gettatela nella padella col condimento.
Mantecate con qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta, spegnete e servite.

Commenti

Rosaria ha detto…
interessante! non ho mai fatto la pasta, mi sa che la farò presto... con la tua ricetta!
ciao!
Francesca ha detto…
Grazie Rosaria....prova: è facile e ottima!