20/09/16

Scaloppine di sedano rapa e Taste&More

Interrompo per un attimo il racconto del mio viaggio newyorkese ( state comunque sintonizzati, perchè gli aggiornamenti sono in agguato ). Peraltro apprendo come, in questi giorni, la mia, la nostra New York sia stata nuovamente messa alla prova, e me ne dispiaccio tanto. Sia quello che sia, un attacco terroristico come un atto folle o legato alle elezioni politiche, poco importa: quello che ferisce, e brucia, è che qualcuno abbia nuovamente minato la tranquillità di una città già devastata anni fa. Ma New York è ricca, di fascino e di forza, quindi saprà affrontare anche questo. E quando tornerò, e tornerò, l'abbraccerò ancora più forte. Ciò premesso, dicevo che faccio una breve pausa prima di tornare a condividere materiale newyorkese, per un'evento importantissimo.
E' uscito, infatti, il nuovo numero di Taste&More, quello di settembre-ottobre.

14/09/16

New York New York- edizione 2016

Eravamo rimasti, due anni fa, a questo punto: una serie di post sul mio secondo viaggio in quella che (posso dirlo) è ufficialmente la mia città del cuore. Credevo che dopo esserci stata due volte, la terza sarebbe stata sotto tono. Addirittura sono partita con mille ansie ed un certo senso di paura: paura di lasciare la mia tranquilla routine, paura che tutti i malesseri fisici manifestatisi durante gli ultimi viaggi sarebbero tornati, paura di non reggere dieci giorni fuori casa. E invece no: sono stati dieci giorni magnifici. Forse perchè New York è LA casa. La città che sa farti sentire a tuo agio fin dalla prima volta che ci metti piede.

09/09/16

Zuppa di pomodoro (semi) crudista

Scusate: faccio le promesse e poi non le mantengo. A inizio agosto avevo solennemente giurato che mi sarei fatta sentire una tantum, avrei postato ricette e amenità varie, per poi scomparire in quel di New York. Ovviamente a Nuova York ci sono andata ( e vi tedierò presto con un post dedicato ), ho rischiato seriamente di rimanere colà, ho sofferto di nostalgia da ritorno, di jet leg e mi sono chiesta come fanno a sopravvivere le hostess, giacchè a me bastano due voli intercontinentali ( andata e ritorno ) per ridurmi a zombie ambulante, mentre loro sono sempre fresche come rose ed impeccabili.